Ragione e sentimento

Di

Editore: Fabbri Editori

4.0
(8329)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 400 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Chi semplificata , Tedesco , Francese , Ceco , Svedese , Portoghese , Catalano , Greco , Olandese , Polacco , Coreano , Danese , Farsi , Ungherese

Isbn-10: A000035488 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Beatrice Boffito Serra

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Tascabile economico , eBook , Copertina morbida e spillati , CD audio

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Ragione e sentimento?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Frasi dal libro

    “Marianne tacque. Le era impossibile dire quello che non sentiva, anche nel caso più insignificante, sicché il compito di dire bugie quando la cortesia lo richiedeva, toccava sempre a Elinor.”

    https:/ ...continua

    “Marianne tacque. Le era impossibile dire quello che non sentiva, anche nel caso più insignificante, sicché il compito di dire bugie quando la cortesia lo richiedeva, toccava sempre a Elinor.”

    https://frasiarzianti.wordpress.com/2016/08/04/ragione-e-sentimento-jane-austen/

    ha scritto il 

  • 5

    Ho adorato entrambi i personaggi delle due co-protagoniste, la trama, i dialoghi, lo stile, tutto insomma! Un libro incantevole... avrei solo snellito un po' l'inizio ma, nel complesso, l'ho trovato u ...continua

    Ho adorato entrambi i personaggi delle due co-protagoniste, la trama, i dialoghi, lo stile, tutto insomma! Un libro incantevole... avrei solo snellito un po' l'inizio ma, nel complesso, l'ho trovato una lettura veramente piacevole. Peccato che la Austen non si sia soffermata un poco di più nella descrizione dei rispettivi mariti ma tutti gli altri personaggi sono descritti con una maestria e una sagacia poco comuni! Come non odiarli o simpatizzare per loro man mano che scorrono le pagine? Sembravano reali e di averceli quasi davanti, tanto che arrivata all'ultima pagina avrei quasi ricominciato! E' un libro che emoziona... non è possibile restare impassibili e il susseguirsi dei colpi di scena lo rende ancora più avvincente!

    ha scritto il 

  • 2

    Uff...

    Non mi è proprio piaciuto. L'unico libro che merita davvero secondo me è "Persuasione". Gli altri alla lunga stancano. A parte che le storie d'amore, si risolvono un po' come se fossero di ripiego, di ...continua

    Non mi è proprio piaciuto. L'unico libro che merita davvero secondo me è "Persuasione". Gli altri alla lunga stancano. A parte che le storie d'amore, si risolvono un po' come se fossero di ripiego, di seconda scelta, un contentino dato alle due protagoniste principali. E poi, mamma che lagna Jane!!! Sti viaggioni mentali tipici delle preadolescenti, che tendono sempre con presunzione ad interpretare quello che accade nella testa degli altri da gesti molte volte inconsapevoli. " Tizio mi ha guardato tre volte stasera, ieri solo due...vuol dire che è follemente innamorato di me"; "Ieri lui non mi ha guardato, e non mi ha sorriso...Allora mi odiaaaa...buhuhu voglio morire". Eccheccazzo ma come si fa, dico io??? Vogliate perdonare francesismi vari ed eventuali, ma quando diamine si cresce continuando in questa maniera?

    ha scritto il 

  • 3

    Non eccezionale, classico stile Austen

    In confronto ad "Orgoglio e pregiudizio" sembra davvero molto simile, la trama è quasi la stessa, cambiano solo personaggi e storia. La storia è sempre banale, ma ben scritta, il romanzo è gradevole, ...continua

    In confronto ad "Orgoglio e pregiudizio" sembra davvero molto simile, la trama è quasi la stessa, cambiano solo personaggi e storia. La storia è sempre banale, ma ben scritta, il romanzo è gradevole, non impegnativo, sembra più un libro da leggere d'estate, giusto per avere un modo per occupare il tempo.

    ha scritto il 

  • 2

    Premetto che Austen narra una storia abbastanza banale ma mi ha dato modo di conoscere lo stile di vita dell'alta società ottocentesca. Uno stile molto lontano dal nostro contesto sociale ma molto att ...continua

    Premetto che Austen narra una storia abbastanza banale ma mi ha dato modo di conoscere lo stile di vita dell'alta società ottocentesca. Uno stile molto lontano dal nostro contesto sociale ma molto attuale tra i ''salotti'' della società odierna.. In cui l'unica prerogativa erano il lusso, il divertimento, i vizi, anche a scapito della propria felicità interiore, rinnegando i propri sentimenti, pur di condurre uno stile di vita agiato.
    Accecata dalla riluttanza per queste tematiche così futili, ho iniquamente criticato l'autrice che, sebbene a tratti ha una scrittura poco scorrevole (è comunque un classico) e talvolta pletorica, non posso negare lo stile raffinato della sua penna e riconoscere l'opulenta proprietà di linguaggio.
    Ergo: 1 alla storia e 4 all'esposizione, il mio voto è 2,5

    ha scritto il 

  • 3

    attenzione spoiler

    Non mi è dispiaciuto,mi piacciono quasi sempre i romanzi ambientati in Inghilterra in questo periodo affascinante,romantico e al tempo stesso spietato(soprattutto con le donne).
    Bellissime le ambienta ...continua

    Non mi è dispiaciuto,mi piacciono quasi sempre i romanzi ambientati in Inghilterra in questo periodo affascinante,romantico e al tempo stesso spietato(soprattutto con le donne).
    Bellissime le ambientazioni,belli i personaggi.
    Leggerò sicuramente altre opere della Austen nonostante il ritmo lento l'ho trovata una bella lettura.
    Devo dire che durante la lettura pensavo che queste due sorelle fossero realmente agli antipodi come carattere,ma il finale mi ha fatta ricredere perché effettivamente proprio la saggia e composta Elinor sceglie il matrimonio per amore e la più spontanea e a volte plateale Marianne invece opta per la sistemazione con il colonnello.

    ha scritto il 

  • 3

    Ragione e sentimento mi ha donato riflessioni sul maschio alfa ed è per questo che è finito dritto dritto nella seconda puntata di So classy!, la rubrica dedicata ai classici scritti da donne (per ora ...continua

    Ragione e sentimento mi ha donato riflessioni sul maschio alfa ed è per questo che è finito dritto dritto nella seconda puntata di So classy!, la rubrica dedicata ai classici scritti da donne (per ora!): http://librangoloacuto.blogspot.it/2016/03/so-classy-2-ragione-e-sentimento-di.html buona lettura!

    ha scritto il 

  • 5

    "Per loro, desiderare voleva dire sperare, sperare attendersi che la speranza si realizzasse."

    Ha più forza la ragione dell’anima o il sentimento del cuore? Ha effettivamente senso creare una distinzione tra le due componenti del carattere umano? Questo è il punto cruciale del famoso romanzo au ...continua

    Ha più forza la ragione dell’anima o il sentimento del cuore? Ha effettivamente senso creare una distinzione tra le due componenti del carattere umano? Questo è il punto cruciale del famoso romanzo austeniano, che ci presenta la storia di due sorelle - Elinor e Marianne Dashwood - tanto unite quanto forti nei loro differenti stili di vita. Elinor, la maggiore, pone la ragione, l’assennatezza e il giudizio al di sopra di ogni sua azione, di ogni suo palpito; al contrario, Marianne, incarna appieno il cliché dell’eroina romantica per eccellenza: sentimentale, tragicamente legata al trasporto delle proprie emozioni, costantemente in balìa degli affanni del proprio cuore. Entrambe alle prese con la crescita e la conoscenza delle trame delle relazioni (familiari, amicali e sentimentali), Elinor e Marianne - insieme al lettore - vengono accompagnate dalla penna di Jane Austen in un viaggio letterario che le porterà, al termine del romanzo, ad una consapevolezza maggiore, all’acquisizione di esperienza e capacità di giudizio che rendono Ragione e sentimento un vero e proprio romanzo di formazione, oltre che un capolavoro della letteratura inglese.
    La Austen indaga la sua società, i manierismi e le convenzioni del suo tempo, criticandole velatamente con l’ironia che sempre contraddistingue la sua produzione letteraria, mettendo sulla scena del proprio scritto anche dei personaggi che ci appaiono come ridicole, odiose macchiette (si pensi alla signora Jennings o alle sorelle Steele). D’impatto anche l’attenzione posta ai personaggi maschili, di cui la Austen ci propone esempi differenti: dal genuino signor Ferrars all’inaspettato e dolce Colonnello Brandon, passando ovviamente per l’imperdonabile Willoughby - sebbene l’autrice gli conceda l’opportunità di redimersi.

    Rileggo un romanzo di Jane Austen ogni anno. Lo assaporo, lo vivo ogni volta. E ad ogni rilettura l’emozione resta viva dentro me fino alla fine del racconto, fino all’ultimo punto. Ragione e sentimento è un’avventura d’inchiostro che consiglio caldamente, insieme ad una buona tazza di thé e a qualche dolcetto alle noci.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per