Ragionevoli dubbi

Di

Editore: Sellerio (La memoria, 690)

3.9
(4896)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 299 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8838921466 | Isbn-13: 9788838921469 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , CD audio , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Legge , Mistero & Gialli

Ti piace Ragionevoli dubbi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
L'attesissimo ritorno di Guido Guerrieri, l'avvocato più celebre dell'Italia letteraria, alle prese con un nuovo caso: un uomo in carcere che si proclama innocente, condannato in primo grado per traffico di droga. Un avvincente viaggio nel sistema del processo e dell'inchiesta giudiziaria in compagnia di un personaggio dal fascino speciale: eroe umano, malinconico e senza moralismo.

«Oltre alle regole scritte – quelle del codice e delle sentenze che lo interpretano –, nei processi, nelle aule dei tribunali c’è una serie di regole non scritte. Queste ultime vengono rispettate con molta più attenzione e cautela. E fra queste ce n’è una che più o meno dice: un avvocato non difende un cliente buttando a mare un collega. Non si fa, e basta. Normalmente chi viola queste regole, in un modo o nell’altro, la paga. O perlomeno qualcuno cerca di fargliela pagare».
L’avvocato Guido Guerrieri deve correre questo rischio. C’è un uomo in carcere che si dichiara innocente, condannato in primo grado per traffico di droga. Le circostanze sono schiaccianti e lui stesso, in un primo momento, aveva confessato. Ma c’è però la possibilità che sia finito in una trappola orchestrata dall’avvocato di primo grado. Un maledetto imbroglio, dunque, che Guerrieri è restio a caricarsi, e non solo perché tutte le apparenze sono contro. Il detenuto non è una faccia nuova: ai tempi del movimento studentesco lo chiamavano Fabio Raybàn, picchiatore fascista ossessione dell’adolescenza di Guido. C’è anche una situazione personale ambigua che coinvolge l’avvocato in ogni senso: la fine forse di un amore, l’inizio pericolosissimo di un altro, e in ciascuno di questi incroci sembra materializzarsi lui, il detenuto che si proclama disperatamente innocente. Si moltiplicano da ogni lato ragionevoli dubbi.
Il meccanismo preciso degli intrecci ha la felicità e la facilità di introdurre il lettore nelle pieghe più avventurose e reali, legali, pratiche e umane, del sistema del processo e dell’inchiesta giudiziaria. Ma forse è il personaggio di Guerrieri la ragione di un fascino speciale: eroe riluttante e senza moralismo, malinconico e dotato di un naturale, soffice umorismo autoironico, «un personaggio meravigliosamente convincente» secondo la definizione del «Times».
Ordina per
  • 2

    Premetto che non amo i gialli, men che meno le serialità ma ho pur apprezzato, e parecchio, Camilleri o Simenon. Premetto che ero carica di aspettative perchè imbattutami in ferventi ammiratrici di Ca ...continua

    Premetto che non amo i gialli, men che meno le serialità ma ho pur apprezzato, e parecchio, Camilleri o Simenon. Premetto che ero carica di aspettative perchè imbattutami in ferventi ammiratrici di Carofiglio. Premetto che il mio giudizio nulla toglie al pregio di tale opera ma...sono pressoché sicura che sarà l'opera prima e ultima che troverà spazio nella mia libreria. Il fatto è che non ci ho trovato proprio nulla di avvincente. Non mi ha avvinto la storia, non i personaggi, non l'ambientazione, non lo stile. L'ho letto, chiuso, dimenticato. Senza infamia e senza lode. Capita.

    ha scritto il 

  • 4

    In questo libro c'è una cosa che si aspetta, ancora più del sapere se l'accusato verrà messo in salvo dall'avvocato Guerrieri. Questa cosa però non affiora, ma potrebbe costituire il prezzo che l'avvo ...continua

    In questo libro c'è una cosa che si aspetta, ancora più del sapere se l'accusato verrà messo in salvo dall'avvocato Guerrieri. Questa cosa però non affiora, ma potrebbe costituire il prezzo che l'avvocato vuol pagare per essersi un po' (due volte) lasciato andare con la moglie dell'accusato.

    ha scritto il 

  • 4

    Ingredienti: un penalista cui tocca un cliente indesiderato, un mosaico da ricomporre partendo da poche tessere scollegate, una complicazione sentimentale a rendere ancora più indigesta la causa in tr ...continua

    Ingredienti: un penalista cui tocca un cliente indesiderato, un mosaico da ricomporre partendo da poche tessere scollegate, una complicazione sentimentale a rendere ancora più indigesta la causa in tribunale, lo sforzo razionale per creare ragionevoli dubbi nei giudici.
    Consigliato: a chi cerca sempre ipotesi alternative alle apparenze più immediate, a chi mette spesso in discussione le proprie certezze e giudizi.

    ha scritto il 

  • 3

    Terzo romanzo di Carofiglio che leggo, Ragionevoli dubbi è quello che meno mi ha convinto. Il buon avvocato Guerrieri si trova a difendere...

    Continua qua: https://cheremone.wordpress.com/2016/07/26/p ...continua

    Terzo romanzo di Carofiglio che leggo, Ragionevoli dubbi è quello che meno mi ha convinto. Il buon avvocato Guerrieri si trova a difendere...

    Continua qua: https://cheremone.wordpress.com/2016/07/26/pluralita-di-storie-e-la-storia/

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    carofiglio mu stupisce sempre: lo trovo sempre capace di scrivere in modo accattivante ed intelligente trame imprevedibili da leggere in un fiato

    spoiler
    bella la difficolta personale di dover superar ...continua

    carofiglio mu stupisce sempre: lo trovo sempre capace di scrivere in modo accattivante ed intelligente trame imprevedibili da leggere in un fiato

    spoiler
    bella la difficolta personale di dover superare questioni passate... "e presenti"... con il cliente
    interessante la fotografia sociale del mondo dello spaccio, che credo attinga dalla realtà.
    si ispessisce il personaggio Tancredi

    ha scritto il 

  • 4

    «Mi piacerebbe scrivere. Il libri sono la cosa che mi piace più di tutte. Mi piace leggerli e mi piacerebbe scriverli, se fossi capace. In realtà non lo so se sono capace, visto che non ho mai avuto i ...continua

    «Mi piacerebbe scrivere. Il libri sono la cosa che mi piace più di tutte. Mi piace leggerli e mi piacerebbe scriverli, se fossi capace. In realtà non lo so se sono capace, visto che non ho mai avuto il coraggio di provarci»

    Si, Gianrico. Ne sei capace, tranquillo. E quattro stelle, con ogni onore e gloria, te le porti a casa anche stavolta.
    Il mio spacciatore ufficiale di romanzi carofigliani mi ha rifilato un secondo libro, che io ho prontamente divorato in quattro e quattr'otto come il precedente.
    Un nuovo caso per l'avvocato Guerrieri, un nuovo dilemma interiore da superare. Qui il fil rouge della trama è il rapporto di fiducia tra il difensore e il proprio assistito. Quanto contano i rapporti personali? Fino a che punto si è in grado di tenere separata la sfera professionale da quella emotiva? E' dura, molto dura. Ma, in qualche modo, il buon Guerrieri ne viene fuori anche stavolta. Magari con qualche osso rotto, ma pur sempre da eroe.
    Chapeau.

    Ps. Ahhh come vorrei che ci fosse un'Osteria del Caffellatte anche nel mio paese!! Sarei sicuramente una delle migliori clienti! :-)

    ha scritto il 

  • 4

    Carofiglio si conferma un ottimo scrittore di legal thriller: non indugia troppo sulla parte "legale" ma costruisce un libro rotondo, con personaggi belli e interessanti e trame non scontate. Bene cos ...continua

    Carofiglio si conferma un ottimo scrittore di legal thriller: non indugia troppo sulla parte "legale" ma costruisce un libro rotondo, con personaggi belli e interessanti e trame non scontate. Bene così, vai col prossimo.

    ha scritto il 

Ordina per