Rayuela

Il gioco del mondo

Voto medio di 1623
| 265 contributi totali di cui 220 recensioni , 45 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
«Contro-romanzo», «cronaca di una follia», «il buco nero di un enorme imbuto», «un grido di allerta», «una specie di bomba atomica», «un appello al disordine necessario»: con queste e altre espressioni venne salutato al suo apparire, nel 1963, Rayuel ...Continua
Simona
Ha scritto il 24/04/18
abbandonato

Riconosco la genialità di Cortazar.. ma io non sono riuscita a leggerlo... mi sono completamente persa... mi dispiace...

Volpenera
Ha scritto il 07/02/18
Parigi e Buenos Aires, una lo specchio dell'altra. La Maga, Lucia, disordinata, curiosa, amica dei gatti, in un appartamento pieno di dischi e libri e caos, o in un albergo di Rue Valette, o su un ponte. Depositaria di un mistero o una risposta cui a...Continua
Umberto Stradella
Ha scritto il 27/12/17
La Maga è sempre nei nostri cuori
Il più francese (o parigino) dei sudamericani, tra cinismo, modernismo, realismo magico, sperimentalismo, crea un'opera che il lettore è obbligato a rivivere, risistemare, rileggere, ricreare. La bellezza del romanzo di Horacio ha il suo culmine nell...Continua
Stefanino
Ha scritto il 01/12/17
Talita e Traveler
"Talita si lasciò scivolare un pochino nel letto e si appoggiò a Traveler. Sapeva di trovarsi di nuovo al suo fianco, di non essere annegata, che lui la stava sostenendo a fior d’acqua e che in fondo era un peccato, meravigliosamente un peccato. Ques...Continua
Tiziana
Ha scritto il 31/10/17
Non ho mai faticato tanto per finire un libro scritto così bene. Ma Cortazar era un genio e seguire un genio non è mai facile. Alta concentrazione e momenti (molti, moltissimi e tremendamente lenti) di solitudine. Chi lo ha definito antiromanzo, chi...Continua

Gianfrancesco
Ha scritto il Aug 22, 2017, 20:28
Capitolo 2 In principio, qui, era stato come un salasso, delle percosse ad uso interno, una necessità di sentire lo stupido passaporto dalla copertina azzurra nella tasca della giacca, la chiave dell’albergo ben appesa al chiodo del pannello. La pa...Continua
Pag. 19
Robb
Ha scritto il Jul 14, 2017, 17:20
Gli piaceva Ronald per la sua anarchia, per Babs, per il modo con cui si stavano uccidendo minuziosamente senza che a loro importasse, abbandonati alla lettura di Carson McCullers, di Miller, di Raymond Queneau, al jazz, quale modesto esercizio di li...Continua
Pag. 53
Robb
Ha scritto il Jul 14, 2017, 17:18
Allora le mie mani cercano di affondare nei tuoi capelli, carezzare lentamente la profondità dei tuoi capelli mentre ci baciamo come se avessimo la bocca piena di fiori o di pesci, di movimenti vivi, di fragranza oscura. E se ci mordiamo il dolore è...Continua
Pag. 41
Robb
Ha scritto il Jul 14, 2017, 17:15
[...] il piacere era egoista e s'imbatteva su di noi gemendo con la sua stretta fronte, ci legava con le sue mani piene di sale.
Pag. 19
Finisterrae
Ha scritto il Apr 02, 2016, 07:04
... avrei tanto bisogno di avvicinarmi meglio a me stesso, lasciar cadere tutto quanto mi separa dal centro. Finisco sempre con l'alludere al centro senza la minima garanzia di sapere quel che dico, cedo al facile tranello della geometria con cui si...Continua
Pag. 23

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi