Reached

L'arrivo

Di

Editore: Fazi (Lain)

3.5
(281)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 350 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Francese , Portoghese , Tedesco

Isbn-10: 8876251189 | Isbn-13: 9788876251184 | Data di pubblicazione: 

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy , Adolescenti

Ti piace Reached?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il viaggio di Cassia è iniziato con un errore, un momentaneo bug negli ingranaggi della altrimenti perfetta immagine che dà di sé la Società. Dopo aver attraversato canyon in territori remoti per tornare libera; ora aspetta, pronta per l'ultimo atto, che l'attesa finisca. Insieme alla ragazza anche Ky e Xander sono uniti dalla stessa missione: lavorare per l'Insorgenza, l'enigmatica organizzazione che vuole far capitolare la Società. Dopo anni di attività sotterranea, l'Insorgenza è finalmente pronta a lanciare il suo attacco. Un virus letale viene rilasciato nei corsi d'acqua e in breve tempo il genere umano inizia a morire: la malattia dilaga velocemente e la Società non ha le risorse per curare tutti; l'Insorgenza sì. Dimostrando che la Società non è così affidabile e organizzata come vuole apparire, la forza ribelle ne distrugge quindi il caposaldo, l'idea di perfezione. Ma quando il virus muta e nessuno, nemmeno l'Insorgenza, sa come curarlo, serviranno misure straordinarie per salvaguardare il mondo in pericolo. Una giovane donna si è scagliata contro chi minaccia di eliminare quel che c'è di più importante: l'amore, la famiglia, la possibilità di scegliere. La quieta rivoluzione di Cassia sta per esplodere in una ribellione globale. L'ultimo capitolo della trilogia di Matched.
Ordina per
  • 3

    比較神秘的是,本來是個革命片,變成瘟疫找解藥片,整個有點怪呀,原本的社會國的(統治者)?到底怎樣了也沒有交代,不過他們只有兩千萬的人其實也不多啦,或許人少就比較不會有很多囉哩囉嗦的人吧。

    ha scritto il 

  • 1

    Ho iniziato TRE VOLTE questo libro e solo alla terza sono riuscita a finirlo, leggendo un capitolo al giorno, perché di più non riuscivo a digerire - e quanti giorni ho saltato guardandolo e dicendo " ...continua

    Ho iniziato TRE VOLTE questo libro e solo alla terza sono riuscita a finirlo, leggendo un capitolo al giorno, perché di più non riuscivo a digerire - e quanti giorni ho saltato guardandolo e dicendo "No, non ce la faccio"!
    Anche quando il capitolo era composto da poche righe, anche quando era una pagina bianca, davo un'occhiata e chiudevo.

    Una vera agonia.

    Forse è perché non sopporto la coppia canon.
    O perché il finale mi pare troppo banale.
    O ancora perché le morti anche importanti sono tirate via in due righe...

    "Reached" è stato una vera delusione e sono del parere che la trilogia di "Matched" avrebbe dovuto chiudersi con quel bellissimo finale aperto del primo libro.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Reached,ultimo libro di questa saga, poteva essere di più.
    Sicuramente molto più dinamico di Matched ma più spento rispetto a Crossed, non è, a mio parere, il libro che ci si aspettava come conclusion ...continua

    Reached,ultimo libro di questa saga, poteva essere di più.
    Sicuramente molto più dinamico di Matched ma più spento rispetto a Crossed, non è, a mio parere, il libro che ci si aspettava come conclusione di questa trilogia.
    Ci sono parecchi interrogativi che mi sono rimasti e che non verranno mai risolti: Em, la migliore amica di Cassia, dov'è finita? Non se ne parla più nè in Crossed nè in Reached.
    I genitori di Cassia rimangono 'nascosti' fino agli ultimi capitoli del libro. Prima era come se non ci fossero. Vabbè. Per non parlare del fratellino di Cassia, Bram, utilizzato come mero espediente per far capire che il padre era morto.

    Parlandone così sembra che non mi sia piaicuto ma questo non spiegherebbe le mie 4 stelline. Tutto sommato mi è piaciuto anche se nella parte iniziale ho trovato delle parti noiose. La divisione dei punti di vista tra Ky, Xander e Cassia è stata carina. Secondo me il più interessante è quello di Xander che tra i protagonisti è il più interessante. Il personaggio di Cassia poteva avere molta più rilevanza e credevo che in quest'ultimo libro sarebbe stata decisiva,tenace ma non ha subìto nessun cambiamento notevole dal primo libro. Ky, che all'inizio amavo, è diventato noioso e monotono. Tutto gira attorno a Cassia, ma poi nei fatti, non sembra così. Vabbè.
    Tirando le somme di questa saga, che poteva essere di gran lunga superiore, non mi è dispiaciuta leggerla anche se, come ho detto sia sopra che nelle altre recensione, ci sono parecchi punti che fanno storcere il naso. Ma mi è piaciuta. Non la rileggerei,però.

    ha scritto il 

  • 3

    http://libreriadinelly.blogspot.it/2014/12/recensione-di-reached-larrivo-di-condie.html

    Cassia, anche questa volta come nel libro precedente e alla ricerca di Ky e Xander (che novità). Con lei non c'è nemmeno Indie che questa volta e assieme a Ky. Tra poco l'insorgenza arriverà con la c ...continua

    Cassia, anche questa volta come nel libro precedente e alla ricerca di Ky e Xander (che novità). Con lei non c'è nemmeno Indie che questa volta e assieme a Ky. Tra poco l'insorgenza arriverà con la cura della malattia che stà scoppiando, e solo loro (ma va) hanno la cura. Ma le cose non vanno come si erano predetti anzi molte persone diventeranno inerti, anche uno dei 3 protagonisti, e alcune moriranno. Allora l'Insorgenza meglio o peggio della Società? dopo 300 pagine (davvero) il libro e interessante, nelle prime 200 non sapevo se far volare l'E-reader fuori dalla finestra o leggere tutto il libro, lo fatto solo per capire come fosse la società e perché tanto era l'ultimo... (CONTINUA SUL BLOG)

    ha scritto il 

  • 2

    Rispetto ai due precedenti volumi di questa serie, per concludere Reached mi ci è voluto più tempo e questo perché non mi è piaciuto molto, anzi. Le uniche due cose che mi hanno interessata sono stati ...continua

    Rispetto ai due precedenti volumi di questa serie, per concludere Reached mi ci è voluto più tempo e questo perché non mi è piaciuto molto, anzi. Le uniche due cose che mi hanno interessata sono stati l'idea di aggiungere Xander che racconta in prima persona, alternato sempre a Ky e a Cassia; e la seconda cosa è stato il ricordo che Cassia riesce a recuperare su suo nonno. Tutto qui.
    Ho trovato il libro troppo lungo, noioso e lento. Oltretutto tutta la storia della piaga mi è sembrata fuori luogo e che si sia allontanata troppo dall'idea iniziale di Matched. E poi il Nemico non ho capito cosa servisse citarlo di tanto in tanto quanto non c'è stato raccontato nulla.
    Se avevo trovato niente male i primi due libri, questo invece non i ha coinvolto per niente.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    Siamo arrivati al capitolo finale di questa saga piena di poesie, artisti, filosofie di vita, guerra e scienza -a proposito di scienza, mi sono sentita terribilmente idiota durante la lettura dei capi ...continua

    Siamo arrivati al capitolo finale di questa saga piena di poesie, artisti, filosofie di vita, guerra e scienza -a proposito di scienza, mi sono sentita terribilmente idiota durante la lettura dei capitoli di xander riguardo il suo lavoro e su quello di cassia, non ci capivo nulla!-. Finalmente il triangolo amoroso che tanto mi preoccupata si è evoluto, trasformandosi in un intreccio da capogiro classico da gente "fall in love": baci rubati, sguardi di troppo, carezze improvvise, confusione varia, ecc... mmh, è un classico anche questo dopo tutto.
    Ritornando a noi, il "Pilota", l'Insorgenza e la Società non sono poi così nemici come si è creduto, sono quasi pappa e ciccia: il Pilota è addirittura il vero nemico, il nomignolo della Piaga, la malattia che ha colpito tutte le regione conosciute e abitate dalla Società, che si è praticamente data la zappa sui piedi da sola, creando la sua personalissima "trappola per topi", ovviamente: la Società era così superba da credere d'aver tutto sotto controllo. Il simbolo dell'insorgenza è solo un uomo, un politico qualunque in cerca di voti, consensi e appoggio, pronto a promettere e a mantenere poco le promesse, gonfio d'aria da leader.
    Come in ogni saga con ragazzi protagonisti, saranno loro ad aver la soluzione in mano o, come nel caso di Cassia, in un foglio in tasca e nei ricordi in mente, con l'aiuto del promesso-genio della chimica.
    Come ho inteso dalla serie, la vera ribellione si fa con la cultura, con lo scambio di arti, con un dare senza aspettarsi nulla in cambio (ma che è sempre ben accetto). La migliore testimonianza è la Galleria, poi ovviamente smantellata, come a ricordare che nonostante i buoni propositi della gente, chi è più in alto decide e distrugge. La guerra l'hanno combattuta a suon di poesie e canzoni, di disegni, di fiori e di bambini che non saranno più bambini. Ci sono state le morti, come in tutte le guerre, ma questa battaglia si è combattuta contro un virus, contro noi stessi.
    E Indie è la prova tangibile del non andarsene docile.
    Nessuno di loro è andato via senza lottare, a modo loro.

    ha scritto il 

  • 2

    NO, NO e ancora NO!!!

    Non ci siamo!! Questa trilogia inizia con "Matched" un libro che mi aveva affascinata moltissimo e di conseguenza mi aveva spinta a leggere il seguito, "Crossed", questo mi aveva lasciato dei dubbi, m ...continua

    Non ci siamo!! Questa trilogia inizia con "Matched" un libro che mi aveva affascinata moltissimo e di conseguenza mi aveva spinta a leggere il seguito, "Crossed", questo mi aveva lasciato dei dubbi, ma nell'insieme mi era piaciuto e poi arriviamo a "Reached", una noia mortale, pensavo si risollevasse alla fine, ma non è successo! Leggendo i primi due ti aspetti che nell'ultimo capitolo ci sia un pandemonio, e invece calma piatta!! Non succede niente! Se questa era la fine che l'autrice voleva dare poteva benissimo metterla nel secondo libro e concludere! Forse risultava meno deludente!
    2 stelle e mezzo!!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Ky, Cassia e Xander si sono uniti all'Insorgenza, ma sono stati separati. Ky è un pilota, Cassia una catalogatrice e Xander un fisico. E mentre Cassia apre una galleria con i lavori dei cittadini, Xan ...continua

    Ky, Cassia e Xander si sono uniti all'Insorgenza, ma sono stati separati. Ky è un pilota, Cassia una catalogatrice e Xander un fisico. E mentre Cassia apre una galleria con i lavori dei cittadini, Xander si ritrova nel pieno della Piaga, una misteriosa malattia per la quale solo l'Insorgenza ha la cura e Ky è deluso dal Pilota, l'unica cosa che vuole fare è trovare Cassia. Quando tutti e tre vengono portati via per trovare una cura alla mutazione hanno modo di capire che Insorgenza e Società non sono poi così diverse...

    L'inizio è piuttosto lento, ma mi è piaciuto l'alternarsi dei capitoli narrati dal punto di vista di Cassia, Ky e Xander. La seconda metà è molto più avvicente ed esplicativa, si trovano quasi tutte le risposte (quasi, perché sono curiosa di sapere chi verrà eletto e che cosa è effettivamente l'Altrove). Ky è quello che preferisco meno, è innamorato e tanto gli basta. Cassia e Xander invece fanno un percorso di crescita che li porta a fare effettivamente delle scelte.

    * Alcuni pensano che le stelle dovrebbero apparire più vicine
    da quassù. Non è così. Quando sei in alto, ti rendi conto di quanto lontane siano, impossibili da raggiungere.
    * Un virus non pensa né prova emozioni, ma sembra che questo voglia portare via chi possedeva più vita.
    * Quando ci innamoriamo la prima volta, non sappiamo nulla. Rischiamo molto meno di quando scegliamo di amare di nuovo. C’è qualcosa di straordinario nella prima volta. Ma è una sensazione ancora più straordinaria quella di stare sulla dura terra, con qualcuno che ti si stringe addosso, tirandoti indietro, e sa che stai facendo lo stesso per lei.
    * So cosa vuole dire. Scrivere, dipingere, cantare… non può fermare nulla. Non può impedire alla morte di arrivare. Ma forse può rendere bella la pausa tra il suono, la vista e la percezione dei passi della morte, può rendere l’attesa un luogo dove indugiare senza troppa paura. Perché camminiamo tutti verso la nostra morte, e il viaggio tra ogni passo è quello di cui sono fatte le nostre vite.

    ha scritto il 

  • 3

    Aspettavo di meglio

    Ho finito "Reached - L'arrivo" poche ore fa e devo dire che è stato abbastanza deludente nel complesso.
    La parte iniziale (le prima metà del romanzo) è stata veramente noiosa... noiosa... e ancora noi ...continua

    Ho finito "Reached - L'arrivo" poche ore fa e devo dire che è stato abbastanza deludente nel complesso.
    La parte iniziale (le prima metà del romanzo) è stata veramente noiosa... noiosa... e ancora noiosa. Diciamo che la storia si è risollevata (seppur di poco) nella seconda parte del libro ma la fine...... bè mi aspettavo di meglio.
    La saga in generale non mi è dispiaciuta anzi, Matched - La scelta (il primo capitolo) l'ho letteralmente adorato; Crossed - La fuga (il secondo capitolo) mi è piaciuto ma non tantissimo e infine Reached... la pecora nera.

    ha scritto il