Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ready Player One

By

Publisher: Century

4.2
(1154)

Language:English | Number of Pages: 354 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , German , Portuguese , Polish , Czech

Isbn-10: 1846059372 | Isbn-13: 9781846059377 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio CD , eBook

Category: Computer & Technology , Games , Science Fiction & Fantasy

Do you like Ready Player One ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
It's the year 2044, and the real world has become an ugly place. We're out of oil. We've wrecked the climate. Famine, poverty, and disease are widespread. Like most of humanity, Wade Watts escapes this depressing reality by spending his waking hours jacked into the OASIS, a sprawling virtual utopia where you can be anything you want to be, where you can live and play and fall in love on any of ten thousand planets. And like most of humanity, Wade is obsessed by the ultimate lottery ticket that lies concealed within this alternate reality: OASIS founder James Halliday, who dies with no heir, has promised that control of the OASIS - and his massive fortune - will go to the person who can solve the riddles he has left scattered throughout his creation. For years, millions have struggled fruitlessly to attain this prize, knowing only that the riddles are based in the culture of the late twentieth century. And then Wade stumbles onto the key to the first puzzle.
Suddenly, he finds himself pitted against thousands of competitors in a desperate race to claim the ultimate prize, a chase that soon takes on terrifying real-world dimensions - and that will leave both Wade and his world profoundly changed.
Sorting by
  • 5

    WOW! Questo libro è un vero must per gli appassionati di videogiochi stile arcade o degli anni 80. Sebbene la storia si svolga nel futuro (2045), la caccia all'eredità è completamente incentrata sulle ...continue

    WOW! Questo libro è un vero must per gli appassionati di videogiochi stile arcade o degli anni 80. Sebbene la storia si svolga nel futuro (2045), la caccia all'eredità è completamente incentrata sulle passioni del creatore di OASIS (Halliday), che ha vissuto l'adolescenza negli anni 80. Nonostante la realtà virtuale e le incredibili tecnologie avanzate (come i sensori che permettono di percepire gli odori del gioco), gli indovinelli e i giochi sono vecchio stampo, incentrati su "Wargames", "Star Wars", Atari 2600 e così via. Ogni cosa nel gioco è collegata a un particolare preciso della vita del creatore e questo mi ha fatto impazzire perché amo i giochi cervellotici, i continui riferimenti e rimandi. Anche se non sono vissuta in quegli anni, molte cose le conoscevo e la mia passione per i videogiochi ha aiutato molto, mi ha permesso di apprezzare quasi a pieno la bellezza e l'intelligenza di questo romanzo. Spesso mi andavo a cercare le console o i giochi specifici citati nel libro per capire meglio le dinamiche del gioco, riappassionandomi al mondo arcade e ai giochi retro, mi sembrava quasi di partecipare anche io! Wade inoltre, è un ragazzo sfortunato, povero, con nulla in mano se non la sua passione per i videogiochi e un'unico scopo nella vita: vincere il gioco di Halliday. Non avendo altro, dedica anima e corpo a questa missione e ho ammirato moltissimo la sua tenacia, la sua passione, la sua ricerca così meticolosa e maniacale. E' essenzialmente quello che faccio io quando qualcosa mi appassiona. Mi sono subito affezionata a questo ragazzo perché è una persona qualunque con una grande forza di volontà che non si lascia abbattere ne corrompere. Anche nei momenti più bui ha trovato la forza di reagire e di riprendere in mano la propria vita, cosa non facile per una persona abituata a vivere "online". Altro personaggio a cui mi sono legata molto è Art3mis, una ragazza intelligente, sarcastica e con una marcia in più. Le sue conversazioni con Wade sono i miei passi preferiti del libro, trasudano ironia e dolcezza in egual misura. Una cosa che mi ha piacevolmente colpita dei protagonisti è il loro essere consapevoli di ciò che li circonda, non sono indifferenti ai problemi di fame e povertà del mondo. Vivendo continuamente in un mondo pressoché perfetto in cui poter fuggire dai problemi ed essere chiunque, potrebbero far finta di niente e invece hanno dei sani principi, sanno esattamente cosa sia giusto o sbagliato, vogliono proteggere la loro identità e non farsi fagocitare dal sistema. Sono attivi in questa ricerca e non semplici pedine, sono loro a decidere per se stessi e a provvedere a se stessi. Di fatto gli adulti sono quasi inesistenti, i pochi citati sono egoisti e totalmente disinteressati al futuro del mondo. Nonostante le sue 632 pagine scorre che è una meraviglia e arrivi alla fine pensando "ne voglio di più!". Sarei stata curiosa di saperne di più sulla fine, sulle conseguenze del gioco ecc.. Inoltre si accennano tanti temi interessanti che mi sarebbe piaciuto approfondire, come l'istruzione e la questione della privacy. Ma la caccia all'uovo di per se è stata molto emozionante e mi fa chiudere un occhio su questa "mancanza". Ho adorato questa avventura virtuale molto originale e mai noiosa.

    said on 

  • 4

    Back to the Past

    Gli anni ’80 raccontati da un ragazzino del futuro, quando la fuga dalla dura realtà (inquinamento, scarsità risorse primarie,..) si manifesta in un’immersione totale in un mondo virtuale (OASIS) crea ...continue

    Gli anni ’80 raccontati da un ragazzino del futuro, quando la fuga dalla dura realtà (inquinamento, scarsità risorse primarie,..) si manifesta in un’immersione totale in un mondo virtuale (OASIS) creato da un fanatico dei videogiochi, giochi di ruolo, cultura pop e nerd degli anni ’80. Chi ha giocato almeno una volta a Pac Man, Dungeon & Dragons oppure abbia visto Blade Runner, Ritorno al Futuro, Goonies, LadyHawke, o visto Mazinga, Goldrake deve leggere questo imperdibile romanzo, la cui trasposizione cinematografica è stata affidata a Spielberg (chi altri se non lui!) che dovrebbe realizzare il film nel prossimo biennio.

    said on 

  • 5

    Libro da leggere alla velocità della luce

    Una caccia al tesoro, dentro un mondo virtuale pieno di sfide, enigmi, videogiochi, mostri e riferimenti ai modelli degli anni 80; è un mondo che diventa una specie di rifugio per esseri umani che non ...continue

    Una caccia al tesoro, dentro un mondo virtuale pieno di sfide, enigmi, videogiochi, mostri e riferimenti ai modelli degli anni 80; è un mondo che diventa una specie di rifugio per esseri umani che non sanno più vivere e guardare alla realtà e così trovano rifugio in un "OASI" virtuale che consente a tutti di avere un'identità, un avatar e una vita diversa da quella reale. E' proprio in questo mondo che si svolge la caccia al tesoro miliardario... e vi assicuro che sarà una vera battaglia, una caccia davvero emozionante. A me il libro è piaciuto molto, anche se non sono un vero appassionato dei video-games anni 80. Un bel libro e una grande immaginazione da parte dell'ottimo scrittore Ernest Cline. Sicuramente da leggere.

    said on 

  • 2

    Libro estremamente sopravvalutato. Le premesse, di per sé, sono molto interessanti (soprattutto per chi ha effettivamente vissuto la sua infanzia negli anni '80 e condivide la stessa passione dell'aut ...continue

    Libro estremamente sopravvalutato. Le premesse, di per sé, sono molto interessanti (soprattutto per chi ha effettivamente vissuto la sua infanzia negli anni '80 e condivide la stessa passione dell'autore per la cultura pop/nerd/geek di quegli anni), ma i personaggi sono incosistenti e psicologicamente piatti, l'intreccio è banale e il romanzo non ha spessore.

    Una menzione di demerito speciale per i dialoghi, che sono quanto di più infantile e insulso mi sia capitato di leggere da che ho memoria. Tutti i personaggi parlano e si comportano come tredicenni immaturi ed esaltati, psicologicamente e socialmente ritardati e con una visione distorta della realtà. Tutto molto naif.

    Peccato. Mi auguro solo che Spielberg riesca a "cavare sangue dalla rapa".

    said on 

  • 4

    Se siete appassionati di cultura anni '80/9, dei primi videogames stile Atari, Commodore, Nintendo, se vi piace la realtà virtuale o se semplicemente volete leggere un'avventura straordinaria vi consi ...continue

    Se siete appassionati di cultura anni '80/9, dei primi videogames stile Atari, Commodore, Nintendo, se vi piace la realtà virtuale o se semplicemente volete leggere un'avventura straordinaria vi consiglio questo libro.
    Anche se non siete adolescenti, vi appassionerete a queste 700 pagine che si leggono tutte d'un fiato.
    Ambientato nel 2045, descrive un pianeta Terra inquinato, sovrappopolato e privo di fonte energetiche. L’unico svago per la popolazione terrestre si trova in un universo virtuale chiamato OASIS.
    Wade ha diciotto anni e trascorre le sue giornate in un universo virtuale chiamato OASIS, dove si fa amicizia, ci si innamora – si fa ciò che ormai è impossibile fare nel mondo reale, oppresso da guerre e carestie. Ma un giorno James Halliday, geniale creatore di OASIS, muore senza eredi. L’unico modo per salvare OASIS da una spietata multinazionale è metterlo in palio tra i suoi abitanti: a ereditarlo sarà il vincitore della più incredibile gara mai immaginata. Wade risolve quasi per caso il primo enigma, diventando di colpo, insieme ad alcuni amici, l’unica speranza dell’umanità. Sarà solo la prima di tante prove: recitare a memoria le battute di Wargames, penetrare nella Tyrell Corporation di Blade Runner, giocare la partita perfetta a Pac-Man, sfidare giganteschi robot giapponesi e così via, in una strabiliante rassegna di missioni di ogni tipo, ambientate nell’immaginario pop degli anni ’80, a cui OASIS è ispirato.
    Spielberg ne sta facendo un film che uscirà nel 2017.

    said on 

  • 3

    2.5 - Pixels formato carta

    Cavalcando l'onda nerd/geek degli ultimi anni, Cline ha fatto il colpaccio (eccome se lo ha fatto! Uscirà pure un film, parrebbe). Un libro veloce da leggere infarcito di cultura pop anni '70 e '80 am ...continue

    Cavalcando l'onda nerd/geek degli ultimi anni, Cline ha fatto il colpaccio (eccome se lo ha fatto! Uscirà pure un film, parrebbe). Un libro veloce da leggere infarcito di cultura pop anni '70 e '80 ambientato in una realtà virtuale del prossimo futuro.
    L'avessi letto tra i 15 e i 22 anni sarebbe stato totale, adesso non riesco a vederlo se non come un "libretto".
    Libretto perchè è l'ennesima cavalcata di un trend che sembra appena agli inizi. Libretto perchè tolte le infinite citazioni (per nulla velate, anzi) videoludiche/cinematografiche e non quello che resta è una storia ben poco appassionante, prevedibile e con un finale affrettato. E infine libretto perchè la storia, per quanto cerchi di calcare la mano sull'epicità degli avvenimenti non è REALE e l'ironia è che viene esplicitamente detto verso la fine: "La realtà è reale".
    Insomma, scorrevole e simpatico finchè si vuole, ma una volta terminate le 600 e rotte pagine (sarebbero state meno non fosse per l'interlinea formato autostrada) mi sono sentito come se avessi sbloccato l'achievement "Hai appena finito di leggere qualcosa che non è mai successo, nemmeno nel mondo di finzione creato dall'autore!"

    said on 

  • 4

    Forse quattro stelle sono troppe ma tre erano poche quindi ho preferito esagerare. Un libro carino, da orgasmo per un nerd anni 80 come me ma comunque godibile per chiunque. Forse un po' troppo preved ...continue

    Forse quattro stelle sono troppe ma tre erano poche quindi ho preferito esagerare. Un libro carino, da orgasmo per un nerd anni 80 come me ma comunque godibile per chiunque. Forse un po' troppo prevedibile nella trama ma comunque un romanzo che si legge tutto d'un fiato e un grande omaggio alla cultura tecnopop del decennio maledetto.

    said on 

  • 4

    Lettura di intrattenimento ben strutturata e sicuramente godibile. Punto di forza di questo libro è sicuramente il ritmo. Interessante il mondo creato da Cline e i suoi continui rimandi agli anni '80. ...continue

    Lettura di intrattenimento ben strutturata e sicuramente godibile. Punto di forza di questo libro è sicuramente il ritmo. Interessante il mondo creato da Cline e i suoi continui rimandi agli anni '80. La conclusione, forse è un po' troppo affrettata e priva di colpi di scena. Rimane comunque un romanzo leggero che si divora velocemente e con piacere.

    said on 

  • 5

    Magnifico

    SPero solo che Spielberg (regista designato dalla 20th Century FOx) realizzi un film degno della bellezza del libro!
    Assolutamente da leggere se siete appassionati della cultura anni '80/90 e dei prim ...continue

    SPero solo che Spielberg (regista designato dalla 20th Century FOx) realizzi un film degno della bellezza del libro!
    Assolutamente da leggere se siete appassionati della cultura anni '80/90 e dei primi videogames stile Atari, Commodore, Nintendo.

    said on 

  • 4

    Ho una predilezione per fantascienza, realtà virtuale, videogiochi e romanzi di formazione. Questo libro cade esattamente nel relativo sweet spot, per cui non sono imparziale. Mi è piaciuto assai. ...continue

    Ho una predilezione per fantascienza, realtà virtuale, videogiochi e romanzi di formazione. Questo libro cade esattamente nel relativo sweet spot, per cui non sono imparziale. Mi è piaciuto assai.

    said on 

Sorting by