Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Real Murders

(Atlantic Large Print Series)

By

Publisher: John Curley & Assoc

3.4
(161)

Language:English | Number of Pages: 247 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , German , Italian

Isbn-10: 0792707524 | Isbn-13: 9780792707523 | Publish date:  | Edition Lrg

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , eBook , Audio CD , Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Real Murders ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    Un giallo carino, ma senza tanto appeal, sarà la protagonista che non mi ha appassionato troppo.
    Viene descritta come lo stereotipo della zitella che fa la bibliotecaria, poi da metà libro in poi diventa una carta moschicida per uomini e non si fa nessuna remora ad uscire con 2 uomini in co ...continue

    Un giallo carino, ma senza tanto appeal, sarà la protagonista che non mi ha appassionato troppo.
    Viene descritta come lo stereotipo della zitella che fa la bibliotecaria, poi da metà libro in poi diventa una carta moschicida per uomini e non si fa nessuna remora ad uscire con 2 uomini in contemporanea.
    Il mistero è articolato bene e, almeno io, non avevo capito chi erano gli assassini fino alla fine.

    said on 

  • 2

    Talmente tanto pieno di personaggi e così poco caratterizzati che non sono riuscita ad entrare veramente nell'indagine e a sospettare di qualcuno.
    L'ho trovato troppo confusionario e senza un filo logico.... sembrava che la protagonista vagasse senza meta tra una relazione e l'altra preoccu ...continue

    Talmente tanto pieno di personaggi e così poco caratterizzati che non sono riuscita ad entrare veramente nell'indagine e a sospettare di qualcuno.
    L'ho trovato troppo confusionario e senza un filo logico.... sembrava che la protagonista vagasse senza meta tra una relazione e l'altra preoccupata più della sua altezza (1,50 cm) che della sua incolumità.

    said on 

  • 3

    1° serie con Aurora Teagarden

    Dall'incipit del racconto mi aspettavo sincermante qualcosa di più. L'idea è certamente carina, un club di persone un po' sopra le righe che da meri spettatori delle analisi di omicidi del passato ne diventano all'improvviso protagonisti...o vittime.
    Il modo però con cui è stato sviluppato ...continue

    Dall'incipit del racconto mi aspettavo sincermante qualcosa di più. L'idea è certamente carina, un club di persone un po' sopra le righe che da meri spettatori delle analisi di omicidi del passato ne diventano all'improvviso protagonisti...o vittime.
    Il modo però con cui è stato sviluppato il racconto non mi è entusiasmata. Era come se durante tutta la lettura mancasse qualcosa.
    Non è un brutto giallo, però non mi ha convinta pienamente

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Aurora Roe Teagarden ha ventotto anni e lavora come bibliotecaria a Lawrenceton. Con altri undici concittadini ha fondato il Club Real Murder, che analizza crimini del passato. Durante l'incontro moderato da lei, Roe scopre il cadavere di uno dei membri. Sono tutti sospettati, anche quando i memb ...continue

    Aurora Roe Teagarden ha ventotto anni e lavora come bibliotecaria a Lawrenceton. Con altri undici concittadini ha fondato il Club Real Murder, che analizza crimini del passato. Durante l'incontro moderato da lei, Roe scopre il cadavere di uno dei membri. Sono tutti sospettati, anche quando i membri vengono assassinati uno a uno. Mentre cerca di convincere le forze dell'ordine sulla sua teoria, Roe si dibatte tra il poliziotto Arthur e lo scrittore Robin...

    Si nota che è il primo libro della Harris. Roe è piuttosto ingenua, religiosa e provinciale, una sorta di Sookie senza poteri. È anche una lagna sulla sua altezza (non arrivare al metro e sessanta non è un crimine, anzi, è praticamente l'altezza a cui arriviamo io e quasi tutte le mie amiche!), è irritante per una donna adulta! Il giallo è semplice, anche se non ho azzeccato il colpevole. Sono curiosa di leggere il seguente.

    * Io sono alta un metro e cinquanta scarso, porto grossi e rotondi occhiali dalla montatura di tartaruga, e ho realizzato il sogno della mia infanzia diventando una bibliotecaria.
    * I volontari erano un gruppo assortito, composto per lo più da uomini anziani e donne di mezz'età o anch'esse anziane che amavano davvero i libri e si sentivano a casa loro in una biblioteca.
    * A volte, era un dannato tormento essere dotati di una coscienza.

    said on 

  • 3

    Mah!

    È il primo libro della Harris che leggo ed è anche il primo capitolo di una nuova collana, Odissea Novels con protagonista Aurora Teagarde, nei panni di una normale bibliotecaria che porta gli occhiali, la moda è l'ultimo dei suoi pensieri, è single, assennata, vive in una piccola città, ha una v ...continue

    È il primo libro della Harris che leggo ed è anche il primo capitolo di una nuova collana, Odissea Novels con protagonista Aurora Teagarde, nei panni di una normale bibliotecaria che porta gli occhiali, la moda è l'ultimo dei suoi pensieri, è single, assennata, vive in una piccola città, ha una vita sociale quasi inesistente, ma frequenta un club che si occupa di vecchi casi giudiziari. Proprio per questo suo strano hobby, senza volerlo si ritroverà coinvolta in prima persona in una serie di omicidi efferati.
    E' una lettura scorrevole, si tratta, di un romanzetto leggero, una lettura poco impegnativa, un giallo da spiaggia, per passare qualche ora di pura evasione nel vero senso della parola.

    said on 

  • 3

    Buon thriller senza pretese

    Un buon giallo dalla struttura classica, ben costruito ed armonizzato. Ci stono tutti gli stilemi della narrativa di genere: il thriller, la storia d'amore, il colpo di scena... Peccato che, nonostante gli ingredienti di livello, lo sformato risulti insipido e poco originale.
    Forse la scrit ...continue

    Un buon giallo dalla struttura classica, ben costruito ed armonizzato. Ci stono tutti gli stilemi della narrativa di genere: il thriller, la storia d'amore, il colpo di scena... Peccato che, nonostante gli ingredienti di livello, lo sformato risulti insipido e poco originale.
    Forse la scrittura non sufficientemente incalzante, per quanto il ritmo complessivo non deluda, forse una certa superficialità nella caratterizzazione dei personaggi, ma la storia non decolla mai davvero.
    È comunque una piacevole lettura di genere, compagna di un momento di semplice evasione.

    said on 

  • 4

    http://leatherandlibrarians.wordpress.com/2013/04/08/real-murders-il-club-dei-delitti-irrisolti/
    Meno famosa, ma senza dubbio ben riuscita, è la serie di thriller su Aurora Teagarden. L’assenza dei vampiri non pesa e lo stile diverso, ma sempre abbastanza frizzante, ben si accoppia con ques ...continue

    http://leatherandlibrarians.wordpress.com/2013/04/08/real-murders-il-club-dei-delitti-irrisolti/
    Meno famosa, ma senza dubbio ben riuscita, è la serie di thriller su Aurora Teagarden. L’assenza dei vampiri non pesa e lo stile diverso, ma sempre abbastanza frizzante, ben si accoppia con questi gialli dalla trama piena di colpi scena e mai scontata. Una lettura piacevole e appassionante, che in certi momenti strappa anche qualche sorriso.

    said on