Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Rebus per un funerale

Di

Editore: Mondadori

3.6
(50)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 191 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804520965 | Isbn-13: 9788804520962 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Spagnuolo

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Rebus per un funerale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Stanley Manning è un uomo senza risorse, con un solo interesse nella vita:l'enigmistica. È questo quello che l'odiata suocera pensa di lui. Ma la donnasi sbaglia, c'è qualcosa che da oltre vent'anni appassiona Stanley: l'ereditàche sua moglie Vera riceverà alla morte della madre. Soprattutto da quando lasuocera, malata di cuore, è venuta a vivere con i due sposi, trasformando laloro vita in un inferno e facendo di tutto per minare la loro unione.Esasperato, Stanley decide di "dare una mano alla natura" sostituendo lepastiglie indispensabili alla vecchia signora con dell'innocua saccarina. Manon tutto va come previsto, e Stanley si trova ingarbugliato in un rebusdecisamente troppo complicato...
Ordina per
  • 3

    Questo è il primo libro della Rendell che leggo. Non l'ho trovato un capolavoro, all'inizio prende abbastanza, poi però cala (e molto) nel finale. Ho apprezzato lo stile, pacato e senza fronzoli e la caratterizzazione dei personaggi, Maud e Stanley su tutti.
    Leggerò sicuramente altro di que ...continua

    Questo è il primo libro della Rendell che leggo. Non l'ho trovato un capolavoro, all'inizio prende abbastanza, poi però cala (e molto) nel finale. Ho apprezzato lo stile, pacato e senza fronzoli e la caratterizzazione dei personaggi, Maud e Stanley su tutti.
    Leggerò sicuramente altro di quest'autrice.

    ha scritto il 

  • 5

    Protagonista l'Assassino!

    La maestra per eccellenza del giallo psicologico che si consuma fra le mura domestiche (sotterfugi, litigi familiari, incomprensioni) ha colpito ancora.
    Questa volta ci regala il ritratto impietoso di un uomo costantemente disoccupato, senza denaro e senza voglia di lavorare, sempre nei deb ...continua

    La maestra per eccellenza del giallo psicologico che si consuma fra le mura domestiche (sotterfugi, litigi familiari, incomprensioni) ha colpito ancora.
    Questa volta ci regala il ritratto impietoso di un uomo costantemente disoccupato, senza denaro e senza voglia di lavorare, sempre nei debiti, tartassato dalla suocera e privo di sentimenti verso la moglie, se non quello dell'avidità con cui attende di mettere le mani sull'eredità dell'anziana.
    Si sa all'inizio chi è l'assassino, il movente e cosa succederà nella pagina successiva, ma non è questo l'intento dell'autrice. La Rendell con sottigliezza e acutezza senza pari, ci offre un profilo psicologico agghiacciante, è spietata e non risparmia nessuno, riesce a cogliere i lati più reconditi dell'essere umano , anche nei piccoli dettagli quotidiani.
    Ho apprezzato infine il suo voler rivalutare la figura femminile, farne emergere il valore e il senso dell'indipendenza che via via avrebbe nei decenni conquistato la donna (il romanzo è stato scritto all'inizio degli anni settanta).
    Ancora una volta Ruth Rendell si è rivelata una piacevolissima scoperta per la sottoscritta.

    ha scritto il 

  • 3

    La stupidità non perdona

    Stanley Manning vive con la moglie e la suocera in una squallida casa dei sobborghi.Stanley è un inetto,incapace di tenersi un lavoro;la moglie,Vera,lavora come una dannata per mantenere la famiglia;la madre di lei,Maud,è una megera piena di soldi che odia-ricambiata-il genero e che continua ad i ...continua

    Stanley Manning vive con la moglie e la suocera in una squallida casa dei sobborghi.Stanley è un inetto,incapace di tenersi un lavoro;la moglie,Vera,lavora come una dannata per mantenere la famiglia;la madre di lei,Maud,è una megera piena di soldi che odia-ricambiata-il genero e che continua ad incitare la figlia al divorzio in cambio di una vita agiata in sua compagnia.Ovvio che Stanley accarezzi l'idea di uccidere la suocera per entrare in possesso di una cospicua eredità...Ma la sorte gioca parecchi tiri birboni a questo povero deficiente,capace solo di risolvere parole crociate a raffica.
    Questo è uno dei primi libri di Ruth Rendell,datato 1971,e non è raffinato e sottile come la produzione successiva,ma è sempre un buon libro,con le consuete analisi caratteriali molto acute di questa autrice di mystery da brivido.La morte ci sarà,ma le conseguenze,data l'idiozia di Stanley,saranno un boomerang.Ottimamente descritti lo squallore dell'Inghilterra suburbana e i tratti caratteriali dei personaggi.Voto non troppo alto,perché è un "Rendell tiepido" e non ai massimi livelli ai quali mi sono abituata leggendola.

    ha scritto il 

  • 4

    Piacevole lettura

    Un romanzo comprato quasi per caso, nemmeno 200 pagine, ma una bella lettura... Scorrevole, intrigante... Una storia credibile, non nuova, ma sempre appassionante.

    ha scritto il 

  • 1

    ONE ACROSS, TWO DOWN

    Prima pubblicazione inglese 1971. In Italia: pubblicato nei Gialli Mondadori, n° 1217, anno 1972. Ultima pubblicazione Mondadori, collana "Oscar Bestseller", 2003, traduzione di M.Spagnuolo.

    ha scritto il 

  • 4

    ho letto molto della Rendell, i suoi gialli mi rilassano, sono un'esempio di giallo classico, senza anatomopatologhe, specialisti con sigle strane e strazianti ecc. Consigliato a chi ama la tradizione. Io, comunque, se mi capita leggo anche la Cornwell, Deaver ecc.

    ha scritto il