Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Recinti e finestre

Dispacci dalle prime linee del dibattito sulla globalizzazione

Di

Editore: Baldini Castoldi Dalai

3.6
(53)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 247 | Formato: Altri

Isbn-10: 8884905435 | Isbn-13: 9788884905437 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: N. Mataldi

Ti piace Recinti e finestre?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dopo "No logo", diventato un bestseller internazionale tradotto in 25 lingue,la giornalista canadese Naomi Klein torna a riflettere sul tema dellaglobalizzazione, sulle forme e i motivi delle proteste no global, nonché sullapossibilità di abbattere le barriere erette contro il cambiamento dellelogiche che governano l'economia e il commercio internazionale. Nel libro sonoraccolti due anni di commenti, articoli e discorsi scritti spesso inoccasione delle manifestazioni e summit no global. Tra questi compaiono anchelavori inediti su argomenti come il NAFTA, gli OGM e i fondamentalismieconomici.
Ordina per
  • 4

    Una serie di articoli scritti dalla Klein nell'arco di alcuni anni a partire da seattle, e dell'inizio del movimento antiglobalizzazione, per passare da Porto Alegre, senza dimenticare Genova e le torri gemelle.
    Un bignami su cosa è il movimento, dove va, che cosa vuole, perché lo vuole, e, ...continua

    Una serie di articoli scritti dalla Klein nell'arco di alcuni anni a partire da seattle, e dell'inizio del movimento antiglobalizzazione, per passare da Porto Alegre, senza dimenticare Genova e le torri gemelle.
    Un bignami su cosa è il movimento, dove va, che cosa vuole, perché lo vuole, e, soprattutto, sul perché è nel nostro interesse essere d'accordo con il movimento e non con la Banca Mondiale e l'FMI.

    ha scritto il 

  • 4

    il capitolo sul c.s. cortocircuito di roma vale tutto il libro. non che sia scritto particolarmente bene, è che immaginare gli amici del corto messi in parallelo con marcos o altri movimenti romantici ed eroici fa bene al cuore...

    ha scritto il