Requiem

Di

Editore: Feltrinelli

3.9
(1046)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 144 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Portoghese , Spagnolo

Isbn-10: 8807812827 | Isbn-13: 9788807812828 | Data di pubblicazione:  | Edizione 12

Traduttore: S. Vecchio

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Religione & Spiritualità , Viaggi

Ti piace Requiem?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In uno stato a metà tra la coscienza e l'incoscienza, l'esperienza del reale ela percezione del sogno, un uomo si trova a mezzogiorno, senza sapersi spiegare come, nella Lisbona deserta e torrida dell'ultima domenica di luglio. Sa diavere delle azioni da compiere, soprattutto l'incontro con un personaggio illustre e scomparso, ma non ha idea di come compierle. Si affida così al flussodel caso e seguendo le libere associazioni dell'inconscio si trova a seguireun percorso che lo porta a ricordare (a vivere il ricordo nell'attualità diquella giornata) alcune tappe fondamentali della sua vita, spingendolo a cercare di sciogliere i nodi irrisolti all'origine del suo stato allucinatorio.Il romanzo è stato scritto in portoghese.
Ordina per
  • 3

    “ … abbiamo sempre bisogno di una storia anche quando sembra di no. “

    La narrazione di una giornata afosa di fine luglio a Lisbona basata su incontri del presente ma soprattutto del passato , dal tono nostalgico a mezza via tra il mondo del sogno e quello del ricordo , ...continua

    La narrazione di una giornata afosa di fine luglio a Lisbona basata su incontri del presente ma soprattutto del passato , dal tono nostalgico a mezza via tra il mondo del sogno e quello del ricordo , dalla quale traspare con evidenza un amore radicato e profondo dell'autore per una terra che egli ha imparato ad amare e a considerare come sua.
    Se è vero che questo mio primo romanzo breve di Antonio Tabucchi, sicuramente bello e ben scritto , non mi ha però entusiasmato , non mi ha “preso” come mi aspettavo , è altrettanto vero che vorrò sicuramente approfondire la sua conoscenza con qualcosa di più corposo .

    ha scritto il 

  • 4

    Un magnifico romanzo breve del grande Tabucchi, scritto in portoghese, perché questa è la lingua della “saudade”.
    Tutto si svolge di domenica, durante un torrido giorno d’estate, in una Lisbona che se ...continua

    Un magnifico romanzo breve del grande Tabucchi, scritto in portoghese, perché questa è la lingua della “saudade”.
    Tutto si svolge di domenica, durante un torrido giorno d’estate, in una Lisbona che sembra come sfumare nel sogno, ma che è reale nei luoghi, nei cibi e nelle bevande che l’autore ricorda.
    Pagine di un libro che si vorrebbe finire tutto d'un fiato, perché fin dalle prime righe, fra piani temporali che si intersecano, ci si smarrisce dietro il sogno o la follia, che in fondo sono la stessa cosa, e che sembrano l’unico modo per raggiungere la felicità, o almeno, una felicità possibile: in fondo, cosa sarebbe l’uomo senza quella follia?
    Si capisce da subito che si tratta anche di un romanzo fatto di fantasmi e di incontri, di quelli dal sapore speciale, fino all’ultimo, quasi inevitabile, con il grande Fernando Pessoa.
    Condurre una vita nello stesso tempo in due luoghi diversi, dentro la realtà e nel sogno...
    E se una mattina svegliandoci ci accorgessimo che stiamo ancora sognando?
    Dì,
    tu sapevi da tempo qual è la ragione, la volontà che ci spinge a portare certi Esseri, e non altri, dentro i nostri sogni.
    Sì,
    tu lo avevi già sognato.

    ha scritto il 

  • 4

    Un viaggio onirico

    Nella cornice di una Lisbona stretta nella morsa calda di una domenica di Luglio, un uomo, alias Tabucchi,si aggira per le strade deserte di questo luogo del cuore e dei ricordi!
    Gli vanno incontro si ...continua

    Nella cornice di una Lisbona stretta nella morsa calda di una domenica di Luglio, un uomo, alias Tabucchi,si aggira per le strade deserte di questo luogo del cuore e dei ricordi!
    Gli vanno incontro singolari figure che rallentano il suo cammino e che lui sollecita, e che a loro volta lo sollecitano, al dialogo e alla riflessione.
    Chi sono le creature che trovano ospitalità in queste pagine? Sono reali o frutto di allucinazione o di sogno ad occhi aperti?
    Poco importa! Perché in questo "strano" libro anche gli invisibili che abitano i ricordi prendono corpo. Riemergono dal luogo profondo dell' anima, anzi dell' Inconscio, di cui Tabucchi dice di aver contratto il virus. E sebbene trasfigurati in categorie sociali, acquistano per la vividezza del racconto una parvenza palesemente reale.
    E' un viaggio interessante, dal sapore morbido e struggente,quello che Tabucchi ci permette di fare nel suo mondo interiore.
    Vi invito a compierlo, perché alla fin fine è una scoperta o riscoperta della Lisbona tanto amata; un' occasione di arricchimento, non solo per i tanti riferimenti culturali, ma anche per quelli squisitamente gastronomici.

    ha scritto il 

  • 4

    Bello. Una giornata a Lisbona, incontri con persnaggi diversi e a volte bizzarri, storie che ci inquadrano pezzi di vita del protagonista, fino all'incontro finale con il grande poeta portoghese, mai ...continua

    Bello. Una giornata a Lisbona, incontri con persnaggi diversi e a volte bizzarri, storie che ci inquadrano pezzi di vita del protagonista, fino all'incontro finale con il grande poeta portoghese, mai nominato ma ovvio..

    ha scritto il 

  • 5

    il cimitero dei Piaceri

    Solo passeggiando a mezzogiorno per il "cimitero dei Piaceri" a Lisbona sono riuscita ad entrare nel cuore di questo libro dove i morti si mescolano ai vivi e finiscono con condividere il segreto dell ...continua

    Solo passeggiando a mezzogiorno per il "cimitero dei Piaceri" a Lisbona sono riuscita ad entrare nel cuore di questo libro dove i morti si mescolano ai vivi e finiscono con condividere il segreto della vita. In un gesto, in un ricordo, in un attimo

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro molto suggestivo, che sta sempre su quella linea invisibile e così fragile che separa l'onirica fantasia dalla materiale realtà, la continua allucinazione reale dell'uomo immerso in un mondo ...continua

    Un libro molto suggestivo, che sta sempre su quella linea invisibile e così fragile che separa l'onirica fantasia dalla materiale realtà, la continua allucinazione reale dell'uomo immerso in un mondo che gli appartiene ma che non controlla. Un libro leggero ma non per questo non profondo. Una continua indagine su cosa davvero noi percepiamo come reale e cosa come sogno, scambiando reciprocamente le due verità negli stessi attimi.

    ha scritto il 

  • 5

    È un viaggio: il mio in auto leggendo questo libro e quello del protagonista, che lo vive questo libro. Un viaggio fatto di ricordi, di sapori e di una Lisbona estiva e caldissima sulla pelle madida d ...continua

    È un viaggio: il mio in auto leggendo questo libro e quello del protagonista, che lo vive questo libro. Un viaggio fatto di ricordi, di sapori e di una Lisbona estiva e caldissima sulla pelle madida di sudore. Persone da incontrare, conti da saldare, parole da sciogliere. Dodici ore in giro per una città e per certi ricordi che aspettano solo di essere ripercorsi.

    ha scritto il 

  • 5

    Un solo giorno, una calda domenica di luglio, vissuto ad incontrare i fantasmi del proprio passato per abbracciarli, perdonarli e riscattarsi. Una Lisbona calda, accogliente se pur desolata, abbandona ...continua

    Un solo giorno, una calda domenica di luglio, vissuto ad incontrare i fantasmi del proprio passato per abbracciarli, perdonarli e riscattarsi. Una Lisbona calda, accogliente se pur desolata, abbandonata dai suoi abitanti che preferiscono l'oceano per quel giorno, la sua brezza ad accarezzare le loro carni permettendo così al protagonista di riviver quella città tutta d'un fiato, come fosse tutta sua.
    Una giornata perfetta per apprendere dal proprio passato la magia del presente per la speranza di domani. Un albero di campagna, di una casa piena di amici a cullare questo onirico addio.

    ha scritto il 

  • 3

    "Questa è la luna dei poeti, disse, dei poeti e dei fabulatori, questa è una notte ideale per ascoltare storie, per raccontarle anche, non vuole ascoltare una storia?
    E perché dovrei ascoltare una sto
    ...continua

    "Questa è la luna dei poeti, disse, dei poeti e dei fabulatori, questa è una notte ideale per ascoltare storie, per raccontarle anche, non vuole ascoltare una storia?
    E perché dovrei ascoltare una storia?, dissi io, non ne vedo la ragione. La ragione è semplice, rispose lui, perché è una notte di luna piena e perché lei se ne sta qui tutto solo a guardare il fiume, la sua anima è solitaria e nostalgica, e una storia potrebbe darle allegria. Ho avuto una giornata piena di storie, dissi, non credo che me ne servano altre. L’uomo incrociò le gambe, appoggiò il mento sulle mani con aria meditabonda e disse: abbiamo sempre bisogno di una storia, anche quando sembra di no.
    "

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per