Diceros
Ha scritto il 18/02/18
Uno dei grandi romanzi dello scrittore russo. Esce contemporaneamente alla sua “conversione “conversione” verso un ruolo puro della religione. Il “delitto” commesso dal protagonista, nobile ma tormentato dalle moderne idee di progresso lo porta ad un...Continua
Vally
Ha scritto il 01/08/17
Tolstoj è indiscutibilmente affascinante anche quando non è al suo massimo, perché in effetti qui manca qualcosa. I temi sono sempre interessanti e moderni, in "Resurrezione" forse più che mai visto che si parla dell'abuso di potere da parte della ma...Continua
pc
Ha scritto il 14/07/17

La precisione con cui Tolstoj denuda l'animo dei personaggi e le ipocrisie della societa' e' strabiliantemente disarmante. Terza parte piu’ macchinosa, forse aggiunta dopo. Resta comunque un geniale capolavoro verista.

La Bossy
Ha scritto il 14/06/17
Questo romanzo segue la perfetta logica dell’assurdo: la parola futuro regna alla fine; s’intitola Resurrezione pur essendo l’ultimo romanzo di Tolstoj. E la sua penna non poteva assopirsi su scritto migliore. La straordinaria capacità di sintesi dei...Continua
Marco
Ha scritto il 26/04/17
In alcuni momenti il libro è molto bello ed emozionante (Tolstoj è pur sempre Tolstoj), però si sente troppo la tesi di fondo che lo scrittore vuole sostenere e mancano quelle meravigliose sfumature che fanno la grandezza di Guerra e Pace o di Anna K...Continua

Fatalia Stamina
Ha scritto il Aug 04, 2010, 20:12
"Perché ha sofferto? Perché ha vissuto? L'avrà capito ora?" pensava Nehljudov, e gli sembrava che non ci fosse quella risposta, che non ci fosse nulla, eccetto la morte, e si sentì male.
Pag. 576
Fatalia Stamina
Ha scritto il Aug 04, 2010, 20:10
Nehljudov si sedette su un divanetto di legno alla parete, e a un tratto avvertì una terribile stanchezza. Era stanco, non per la notte insonne, non per il viaggio, non per l'agitazione, ma si sentiva terribilmente stanco di tutta la vita. Si appoggi...Continua
Pag. 596
Fatalia Stamina
Ha scritto il Sep 14, 2009, 20:40
"E' disgustosa la vitalità della bestia nell'uomo" pensava "ma quando si presenta nel suo aspetto elementare, dall'alto della tua vita spirituale la vedi e la disprezzi, e sia che tu cada, sia che tu resista, resterai quel che eri; ma quando la besti...Continua
Pag. 394

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi