Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Revolutionary Road

Di

Editore: Mondolibri

4.3
(3337)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 398 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Olandese , Chi tradizionale , Francese , Spagnolo , Svedese , Portoghese , Catalano , Russo

Isbn-10: A000199987 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Adriana Dell'Orto

Disponibile anche come: Paperback , Cofanetto , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Revolutionary Road?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Che dire? Libro amaro, vero. Mi son sempre chiesta quale sia il segreto della felicità, e seppur lo scopriremo solo vivendo, questo libro se non altro ti dice chiaramente di non seguire la conformità ...continua

    Che dire? Libro amaro, vero. Mi son sempre chiesta quale sia il segreto della felicità, e seppur lo scopriremo solo vivendo, questo libro se non altro ti dice chiaramente di non seguire la conformità soprattutto se, la tua vocina interiore non smette di parlarti e di dirti che ciò che conta nella vita non è la bella casa, il maritino con un buon posto di lavoro, diventare madre di due figli viziati, vivere in un quartiere borghese con un vicinato ficcanaso e perbenista. Alla fine di tutto la vera anti-conformista sarà colei che con un gesto estremo, rinuncerà a tutto quanto nella vita abbia sempre detestato. Ovvio che, per liberarsi del superfluo, a mio parere, basta molto molto meno.

    ha scritto il 

  • 5

    Un ottimo libro

    Un libro scritto mirabilmente, sia per quanto attiene alla trama che per quanto attiene alla prosa.
    Dialoghi tra i meglio scritti che abbia mai letto.
    Consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 4

    Il falso sogno borghese

    Un libro straordinario che racconta il disfacimento di una coppia ma soprattutto il fallimento del sogno borghese. La tipica famiglia del mulino bianco tutta fumo e zero arrosto: quando si cancellano ...continua

    Un libro straordinario che racconta il disfacimento di una coppia ma soprattutto il fallimento del sogno borghese. La tipica famiglia del mulino bianco tutta fumo e zero arrosto: quando si cancellano i sogni per adattarsi a un'esistenza di quieta disperazione dove tutto è apparenza e niente di ciò che si possiede è stato davvero desiderato, nemmeno i figli guardati con disgusto.
    E' la triste fine della maggioranza delle persone. Chi non è abbastanza forte si arrende alle convezioni sociali per fare ciò che gli altri si aspettano da lui: matrimonio, un lavoro sicuro ma noioso e stupido, figli poco amati, una bella casetta con i fiori alla finestra. Ma dietro è l'inferno.

    ha scritto il 

  • 5

    Il disfacimento di un amore (o quel che era)

    In questa mia estate di letture americane ho finalmente trovato lo spazio per Revolutionary Road, uno dei miei "lungodegenti" più illustri (ovvero quei libri che uno vorrebbe leggere ma per un motivo ...continua

    In questa mia estate di letture americane ho finalmente trovato lo spazio per Revolutionary Road, uno dei miei "lungodegenti" più illustri (ovvero quei libri che uno vorrebbe leggere ma per un motivo o per l'altro si trova a rinviare sempre). Ne sono rimasto decisamente colpito, a fine lettura mi sono sentito appagato e straziato. E non nascondo di aver tirato un sospiro di sollievo, sentendo un po' di... distanza di sicurezza.
    Yates è uno che riesce a modellare il magma del dolore vero, pulsante, quello che si insinua nelle relazioni e le trasforma avvelenandole giorno dopo giorno, e con esso è capace di creare bellezza. Soprattutto grazie al dono di una scrittura naturale e immersiva con cui disegna personaggi fortemente verosimili, collocati nel quartiere provinciale di una New York decisamente laterale.
    La vita matrimoniale di Frank e April è il percorso di due parallele che progressivamente si allontanano, il disfacimento di un amore troppo verde per gustarne una qualche dolcezza, probabilmente sovrastimato o forse addirittura frainteso, dove i figli non sono che il simbolo inquieto e vivo del loro fallimento. La tristezza pungente di queste pagine rende la facciata "borghese" alquanto soffocante, tale che i ragionamenti schietti e debordanti dell' alienato "vicino" John risulteranno l'unico vero refrigerio.
    Perdonate un piccolo ragionamento in coda: mi ritengo davvero fortunato a vivere l'amore in una famiglia. Sfighe non ne mancano, beninteso, ma io credo che se c'è l'amore tutto si affronta.

    ha scritto il 

  • 4

    Scritto benissimo. Anche se non ci sono ovvi riferimenti, ci si sente da subito nell'America degli anni 50, l'America dell'apparenza, del perbenismo sfrenato, dell'alcool e sigarette, delle coppie all ...continua

    Scritto benissimo. Anche se non ci sono ovvi riferimenti, ci si sente da subito nell'America degli anni 50, l'America dell'apparenza, del perbenismo sfrenato, dell'alcool e sigarette, delle coppie all'apparenza perfette, dei balli e delle macchine. Un libro che rivela la vera faccia di un'America frustrata e che grida davanti a tutto questo dovere di perfezione attraverso la storia di una coppia come tante altre.

    ha scritto il 

  • 5

    Nonostante la tenebrosa e soffocante sessione d'esami, sono riuscita a terminare questo capolavoro. Ora vorrei semplicemente leggere tutto quello che ha scritto quest'uomo, tutto, pure la lista della ...continua

    Nonostante la tenebrosa e soffocante sessione d'esami, sono riuscita a terminare questo capolavoro. Ora vorrei semplicemente leggere tutto quello che ha scritto quest'uomo, tutto, pure la lista della spesa.

    "Tutti gli oggetti messi a nudo dal bagliore spietato delle lampadine da cento watt parevano dar forza agli argomenti di lei; più di una volta, durante notti calde come quella, il loro effetto complessivo aveva minacciato di mandare a monte tutta l'intricata costruzione del suo vantaggio: gli arredi che non erano mai stati sistemati né mai lo sarebbero stati, le file e file di scaffali di libri non letti o letti a metà o letti e poi dimenticati, che loro pensavano dovessero fare tanta differenza e poi invece non ne avevano mai fatta; l'odiosa, avida boccaccia spalancata del televisore; il mucchietto disordinato, derelitto di giocattoli che pareva fosse stato tuffato nell'ammoniaca, tanto rapida era la sua capacità di far salire agli occhi e alla gola un acre bruciore di colpa e di autorimprovero."

    ha scritto il 

  • 4

    Sul matrimonio e sulle trappole che ci tendiamo.

    Ci ritroviamo, mutatis mutandis, nelle elucubrazioni dei personaggi, nel loro illudersi che l'unione con un altro, che inizialmente ammiriamo perché lo vediamo come vorremmo che fosse, ci migliori, le ...continua

    Ci ritroviamo, mutatis mutandis, nelle elucubrazioni dei personaggi, nel loro illudersi che l'unione con un altro, che inizialmente ammiriamo perché lo vediamo come vorremmo che fosse, ci migliori, lenisca i nostri fallimenti e si sostituisca alla nostra inazione, attraverso i suoi successi, la sua determinazione, la purezza e la coerenza che via via noi abbiamo perso. Una storia di disperazione e di pietà, la pietà finale di April - nome di una primavera che si spegne in una prematura gelata - per il marito, che le impedisce di recriminare, ancora una volta, colpe e responsabilità.
    Lo sguardo privilegiato è quello maschile di Frank, lo stesso di chi scrive; poi arriva quello ben tratteggiato di April. Appena accennato ma presente lo smarrimento dei figli.

    Storia di disperazione sotto un'apparente calma, equilibrio e perfezione di una famiglia media.

    ha scritto il 

  • 5

    Frank e April sono...

    ...una normale coppia americana: appena trentenni, con due figli piccoli, lui ha un lavoro mediocre a New York, lei è una casalinga ovviamente insoddisfatta. Frank ha accettato il lavoro che ha ora pe ...continua

    ...una normale coppia americana: appena trentenni, con due figli piccoli, lui ha un lavoro mediocre a New York, lei è una casalinga ovviamente insoddisfatta. Frank ha accettato il lavoro che ha ora perché April era incinta, dopodiché il resto è venuto da sè: fare un altro figlio, trasferirsi nei sobborghi, entrare nella compagnia di teatro amatoriale, occuparsi della casa, dedicarsi il meno possibile al lavoro, vedersi con i vicini, fumare e bere fino allo sfinimento. Ma quella vita non è la loro vita, vorrebbero altro entrambi, vivere in un modo diverso, essere diversi. Si sentono migliori, più intelligenti, più consapevoli e forse sono solo più ipocriti. Quando finalmente si profila all'orizzonte l'occasione di cambiare davvero vita in poco tempo tutto va a rotoli. Frank si rende conto che in fondo lì dove sta addesso non è poi così male, sa di cosa si tratta perlomeno. April invece si sente sempre più in trappola ed è pronta a tutto pur di fuggire. La scrittura di Yates è notevole, il flusso di coscienza dei personaggi, i loro moti interiori sono definiti con maestria, sono tutti un po' mediocri e meschini, tranne April. E' proprio lei il motore di tutta la storia, lei quella che definisce e circoscrive la generica noia esistenziale di cui si lamenta Frank, lei che trova una soluzione non si sa bene quanto praticabile, ma proprio lei è la voce che ascoltiamo di meno, una sola volta in un unico brevissimo capitolo. Il più tragico.

    ha scritto il 

Ordina per