Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Revolutionary Road

By Richard Yates

(109)

| Paperback | 9780099518624

Like Revolutionary Road ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Hailed as a masterpiece from the moment of its first publication, "Revolutionary Road" is the story of Frank and April Wheeler, a bright, beautiful, and talented couple whose empty suburban life is held together by the dream that greatness is only ju Continue

Hailed as a masterpiece from the moment of its first publication, "Revolutionary Road" is the story of Frank and April Wheeler, a bright, beautiful, and talented couple whose empty suburban life is held together by the dream that greatness is only just round the corner. With heartbreaking compassion and clarity, Richard Yates shows how Frank and April mortgage their hopes and ideals, betraying in the end not only each other, but their own best selves.

773 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un romanzo che, anche se ambientato nell'America degli anni '50, ci parla della infelicità su cui si basano moltissimi rapporti di coppia e non dei nostri giorni.
    Da questo punto di vista è da considerarsi un romanzo moderno.

    Is this helpful?

    A Pariso said on Oct 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non posso recensirlo, in qualche modo finirei per fargli un torto. Non posso dire che è semplicemente un capolavoro, perché sembrerebbe la solita reazione entusiasta a una buona lettura che si dimentica facilmente. Perciò dico soltanto che è come se ...(continue)

    Non posso recensirlo, in qualche modo finirei per fargli un torto. Non posso dire che è semplicemente un capolavoro, perché sembrerebbe la solita reazione entusiasta a una buona lettura che si dimentica facilmente. Perciò dico soltanto che è come se in ogni libro avessi sempre cercato Revolutionary Road. La realistica storia di un altrove impossibile...

    Is this helpful?

    Quattrocchia said on Oct 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un buon romanzo, che forse manca di una vera "corposità". Yates vuole raccontare il "disperato vuoto" di un certo tipo di società americana, peccato che il libro scorra via fin troppo facilmente, con una trama fitta di situazioni che però svuota i pe ...(continue)

    Un buon romanzo, che forse manca di una vera "corposità". Yates vuole raccontare il "disperato vuoto" di un certo tipo di società americana, peccato che il libro scorra via fin troppo facilmente, con una trama fitta di situazioni che però svuota i personaggi di profondità e lascia ai dialoghi il compito di riempire e spiegare tutto quanto.
    Forse la letteratura americana contemporanea (Lethem, Franzen...) mi ha abituata a un tipo di romanzo ben più strutturato e denso.

    Is this helpful?

    elisa2046 said on Oct 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Apparente perfezione che nasconde vite devastate dalla mediocrità e falsità.

    Is this helpful?

    toc said on Oct 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un eccezionale affresco intimo

    Anche quando ormai sembra di aver letto tutti i grandi libri, quando sembra che non si possa più scoprire un nuovo (o vecchio) romanzo capace veramente di sorprenderti, quando il 90% dei libri ti lasciano più o meno come prima di leggerli, ecco la so ...(continue)

    Anche quando ormai sembra di aver letto tutti i grandi libri, quando sembra che non si possa più scoprire un nuovo (o vecchio) romanzo capace veramente di sorprenderti, quando il 90% dei libri ti lasciano più o meno come prima di leggerli, ecco la sorpresa.
    Fin'ora colpevolmente ignorato (da me), questo affresco di pochi personaggi si rivela affascinante ed incredibilmente pervasivo.
    Non ci sono grandi fatti (se non verso la conclusione) e non è nemmeno l'ambiente o la società in cui vivono i protagonisti, a rendere così realistica la descrizione delle vite (interiori, soprattutto) dei due protagonisti e dei pochi comprimari, borghesi di classe medio-alta degli anni '50 americani.
    E' la scrittura di Yates, semplice e misurata, ma sempre intensa e perfettamente efficace, a dare alle pagine una forza ed una profondità che conquistano l'empatia di chi legge, senza clamore ma grazie ad un processo irreversibile di penetrazione dei personaggi.
    Ed è proprio questa capacità di invertire i ruoli (non è il protagonista a conquistare l'attenzione, ma il lettore ad entrare sempre più in profondità nell'animo del personaggio) a fare di questo libro un grandissimo romanzo.

    Is this helpful?

    Seamus said on Oct 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Prima di dire la mia su questo libro, ho atteso di terminare la lettura di una raccolta di racconti dello stesso Yates.
    Egli diceva che, negli anni Cinquanta (in cui queste storie sono ambientate) gli americani sentivano una grande necessità di conf ...(continue)

    Prima di dire la mia su questo libro, ho atteso di terminare la lettura di una raccolta di racconti dello stesso Yates.
    Egli diceva che, negli anni Cinquanta (in cui queste storie sono ambientate) gli americani sentivano una grande necessità di conformismo, legata al senso di insicurezza prodotto dall'atomica e dalla Guerra fredda.
    Non è allora un caso, a parer mio, che Yates sia stato riscoperto dalla cultura di massa ora, dopo decenni di oblio: anche la nostra è, in fondo, e con tutte le differenze, un'epoca di conformismo, sia pure permissivo e non repressivo come quello del periodo maccartista, nel quale l'insicurezza non è data dalla paura della guerra ma da quella del declino economico e della perdita del benessere acquisito.
    Il fatto è che i Wheeler sono degli inguaribili conformisti e lo sanno, e vorrebbero confusamente liberarsi dalla catene del conformismo per essere davvero "speciali", come si illudono di essere. Ma Yates ci dimostra che l'unico percorso di liberazione dal conformismo è quello della pazzia, del rifiuto radicale del mondo: e difatti l'unico che dice la verità, quella veramente urticante perché la sappiamo già e cerchiamo di nascondercela dietro efficaci discorsi e raffinate rimozioni, è il figlio pazzo della vicina (a sua volta, colonna portante del conformismo). L'unica libertà viene dalla verità, e l'unica libertà concepibile è quella del monaco medievale, e del suo contemptus mundi (fuga e disprezzo del mondo, dei suoi pseudo-valori e delle sue false libertà) per rifugiarsi in un altrove che il mondo non riconosce e scarta (il manicomio, nel quale l'uomo viene prontamente rinchiuso dopo aver detto la brutale verità).
    Se non che anche questa è una forma di sconfitta; che Yates, per primo, con ostinazione e dedizione, ha deciso di perseguire in proprio con coerenza. Lasciando ai suoi lettori di decenni più giovani pagine vere e di grandissimo valore, letterario ed anche etico.
    E' il romanzo che, dopo un lungo periodo di distacco, mi ha riconciliato con la buona letteratura (quindi, mezza stellina in più).

    Is this helpful?

    Greg said on Oct 3, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection