Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Revolutionary Road

Di

Editore: Minimum Fax

4.3
(3271)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 405 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Olandese , Chi tradizionale , Francese , Spagnolo , Svedese , Portoghese , Catalano , Russo

Isbn-10: 8887765901 | Isbn-13: 9788887765908 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Adriana Dell'Orto

Disponibile anche come: Copertina rigida , Cofanetto , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Revolutionary Road?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Frank e April Wheeler sono una coppia middle class dei sobborghi benestanti di New York che coltiva il proprio anticonformismo con velleità ingenua, quasi ignara della sua stessa ipocrisia: nella storia della giovane famiglia felice la tensione è nascosta ma crescente, il lieto fine impossibile, fino all'inevitabile esplosione. La scrittura realistica, cristallina, spietata di Richard Yates ha ispirato generazioni intere di scrittori, da Raymond Carver a Richard Ford, che firma l'introduzione.
Ordina per
  • 5

    Frank e April sono...

    ...una normale coppia americana: appena trentenni, con due figli piccoli, lui ha un lavoro mediocre a New York, lei è una casalinga ovviamente insoddisfatta. Frank ha accettato il lavoro che ha ora pe ...continua

    ...una normale coppia americana: appena trentenni, con due figli piccoli, lui ha un lavoro mediocre a New York, lei è una casalinga ovviamente insoddisfatta. Frank ha accettato il lavoro che ha ora perché April era incinta, dopodiché il resto è venuto da sè: fare un altro figlio, trasferirsi nei sobborghi, entrare nella compagnia di teatro amatoriale, occuparsi della casa, dedicarsi il meno possibile al lavoro, vedersi con i vicini, fumare e bere fino allo sfinimento. Ma quella vita non è la loro vita, vorrebbero altro entrambi, vivere in un modo diverso, essere diversi. Si sentono migliori, più intelligenti, più consapevoli e forse sono solo più ipocriti. Quando finalmente si profila all'orizzonte l'occasione di cambiare davvero vita in poco tempo tutto va a rotoli. Frank si rende conto che in fondo lì dove sta addesso non è poi così male, sa di cosa si tratta perlomeno. April invece si sente sempre più in trappola ed è pronta a tutto pur di fuggire. La scrittura di Yates è notevole, il flusso di coscienza dei personaggi, i loro moti interiori sono definiti con maestria, sono tutti un po' mediocri e meschini, tranne April. E' proprio lei il motore di tutta la storia, lei quella che definisce e circoscrive la generica noia esistenziale di cui si lamenta Frank, lei che trova una soluzione non si sa bene quanto praticabile, ma proprio lei è la voce che ascoltiamo di meno, una sola volta in un unico brevissimo capitolo. Il più tragico.

    ha scritto il 

  • 4

    triste,lucida e spietata analisi di una coppia e di un momento storico scritta in maniera magistrale fin dalle prime righe.
    ma se per "stoner" la medesima scrittura magistrale è stata un crescendo - d ...continua

    triste,lucida e spietata analisi di una coppia e di un momento storico scritta in maniera magistrale fin dalle prime righe.
    ma se per "stoner" la medesima scrittura magistrale è stata un crescendo - da romanzo a capolavoro - qui è successo il contrario: da capolavoro annunciato, a ottimo romanzo
    sorry Mr Yates

    ha scritto il 

  • 3

    Se potessi dare due voti differenti, il libro sarebbe da cinque stelle per la scrittura superba e l'analisi che Yates fa dell'animo umano e delle sue debolezze e probabilmente zero per il personaggio ...continua

    Se potessi dare due voti differenti, il libro sarebbe da cinque stelle per la scrittura superba e l'analisi che Yates fa dell'animo umano e delle sue debolezze e probabilmente zero per il personaggio di Frank. Dentro di me continuo a ripetermi che non poteva essere altro che così, che l'autore lo ha tratteggiato volutamente così.. Però niente, il personaggio di Frank mi ha fatto schifo.. Quel disgusto che si prova - fortunatamente - per pochi individui; io spesso provo antipatia, rabbia, insofferenza e via discorrendo per personaggi letterari, ma credo sia la prima volta che leggendo abbia detto: "Frank, mi fai schifo!"
    La lettura poi non procedeva nemmeno a calci: dopo l'iniziale entusiasmo della prima parte, accadeva che il libro mi fissasse, io lo guardassi di rimando e dopo una breve esitazione, forse la coscienza che mi invitava a finirlo, gli dicevo: "Magari domani.. In gamba, eh!".
    Il personaggio che ho preferito è ovviamente John Givings.. l'ultimo incontro con i Wheeler.. Meraviglioso :3

    Il finale è stato tutto tranne che una sorpresa, sia perché penso che a Yates un po' April e Frank stessero sulle balle - se volete una storia di perdenti (In tutti i sensi voi vogliate interpretarlo), allora Revolutionary road (E che ironia il nome della loro via!) è il libro per voi -, sia perché la Fazi spoilera il gran finale sulla quarta di copertina.. Grazie, eh.

    ha scritto il 

  • 5

    Vivere è la vera rivoluzione

    Sapevo che non sarebbe stata una lettura innocua, una di quelle che impieghi meno di una settimana a dimenticare. Sapevo che questo sarebbe stato un romanzo cambia-vita o cambia-pensiero. O comunque u ...continua

    Sapevo che non sarebbe stata una lettura innocua, una di quelle che impieghi meno di una settimana a dimenticare. Sapevo che questo sarebbe stato un romanzo cambia-vita o cambia-pensiero. O comunque un romanzo apri-gli-occhi o rifletti-a-lungo. Oppure almeno un romanzo sono-consapevole-di-aver-letto-qualcosa-di-speciale.
    Così è stato. Per quale motivo? Perchè la storia di April e Frank è straziante e sfacciata, non è mitigata da nulla. E' estrema. Ed è esattamente così anche la prosa di Yates.
    Definirei il suo stile (più che realista e basta, come viene spesso denominato) come un REALISMO LIRICO o POETICO, una prosa cioè coerente alla realtà e crudele nella sua sfrontatezza, ma impreziosita da perle e diamanti di lirismo e profondità psicologica. Una scrittura fitta e intensissima, che regala al lettore la possibilità di seguire un percorso lineare ma riesce allo stesso tempo a ferire e pugnalare senza troppi giri di parole. Non mancano punte di ironia e cinismo che completano il quadro di una prosa magnifica e altamente letteraria.
    Ti accorgi, mentre leggi, di avere davanti a te un capolavoro, una di quelle opere che non potranno cadere nell'oblio. Credo che infatti, oltre alla trama profondamente drammatica, dunque coinvolgente, l'aspetto che rimane più impresso di Revolutionary Road è proprio il modo in cui questa storia ci viene raccontata e la sua potentissima valenza letteraria. (...)
    ....per continuare a leggere --->

    http://sfogliandolavita.blogspot.it/2015/02/vivere-e-la-vera-rivoluzione.html

    ha scritto il 

  • 5

    Vivere è la vera rivoluzione

    Sapevo che non sarebbe stata una lettura innocua, una di quelle che impieghi meno di una settimana a dimenticare. Sapevo che questo sarebbe stato un romanzo cambia-vita o cambia-pensiero. O comunque u ...continua

    Sapevo che non sarebbe stata una lettura innocua, una di quelle che impieghi meno di una settimana a dimenticare. Sapevo che questo sarebbe stato un romanzo cambia-vita o cambia-pensiero. O comunque un romanzo apri-gli-occhi o rifletti-a-lungo. Oppure almeno un romanzo sono-consapevole-di-aver-letto-qualcosa-di-speciale.
    Così è stato. Per quale motivo? Perchè la storia di April e Frank è straziante e sfacciata, non è mitigata da nulla. E' estrema. Ed è esattamente così anche la prosa di Yates.
    Definirei il suo stile (più che realista e basta, come viene spesso denominato) come un REALISMO LIRICO o POETICO, una prosa cioè coerente alla realtà e crudele nella sua sfrontatezza, ma impreziosita da perle e diamanti di lirismo e profondità psicologica. Una scrittura fitta e intensissima, che regala al lettore la possibilità di seguire un percorso lineare ma riesce allo stesso tempo a ferire e pugnalare senza troppi giri di parole. Non mancano punte di ironia e cinismo che completano il quadro di una prosa magnifica e altamente letteraria.
    Ti accorgi, mentre leggi, di avere davanti a te un capolavoro, una di quelle opere che non potranno cadere nell'oblio. Credo che infatti, oltre alla trama profondamente drammatica, dunque coinvolgente, l'aspetto che rimane più impresso di Revolutionary Road è proprio il modo in cui questa storia ci viene raccontata e la sua potentissima valenza letteraria. (...)
    ....per continuare a leggere ---> http://sfogliandolavita.blogspot.it/2015/02/vivere-e-la-vera-rivoluzione.html

    ha scritto il 

  • 4

    Dolorosamente bello.....

    Settembre 2012:
    E' come se tutti si fossero tacitamente accordati per vivere in uno stato di perenne illusione. Al diavolo la realtà! Dateci un bel po' di belle stradine serpeggianti e di casette dipi ...continua

    Settembre 2012:
    E' come se tutti si fossero tacitamente accordati per vivere in uno stato di perenne illusione. Al diavolo la realtà! Dateci un bel po' di belle stradine serpeggianti e di casette dipinte di bianco, rosa e celeste; fateci essere tutti buoni consumatori, fateci avere un bel senso di appartenenza e allevare i figli in un bagno di sentimentalismo - papà è un grand'uomo perché guadagna quanto basta per campare, mamma è una gran donna perché è rimasta accanto a papà per tutti questi anni - e se mai la buona vecchia realtà dovesse venire a galla e farci "bu!", ci daremo un grand da fare per fingere che non sia accaduto affatto.

    ha scritto il 

  • 5

    Anome insoddisfatte

    La descrizione, chirurgica, di due esistenze ciniche e mistificatrici. Di un rapporto di coppia non appagante né condiviso nel profondo. Un continuo rifugiarsi dietro non detti, perbenismi ed insoddis ...continua

    La descrizione, chirurgica, di due esistenze ciniche e mistificatrici. Di un rapporto di coppia non appagante né condiviso nel profondo. Un continuo rifugiarsi dietro non detti, perbenismi ed insoddisfazioni. Estremamente crudo, ma talmente credibile a tal punto che chiuso il libro si rimane a riflettere sulle tante sfumature dell'Io.
    Yates si conferma un narratore infallibile di vite incomplete, alla continua ricerca di altro che non sia il proprio essere. Di fredde e lucide esistenze che si fanno del male.

    ha scritto il 

Ordina per