Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Revolutionary Road

Por

Editor: Civilização Editora

4.3
(3307)

Language:Português | Number of Páginas: 300 | Format: Softcover and Stapled | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Italian , German , Dutch , Chi traditional , French , Spanish , Swedish , Catalan , Russian

Isbn-10: 9722626361 | Isbn-13: 9789722626361 | Data de publicação: 

Também disponível como: Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Revolutionary Road ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
O primeiro romance de Richard Yates, Revolutionary Road, tornou-se um clássico logo após a sua publicação em 1961. Nele, Yates oferece um retrato definitivo das promessas por cumprir e do desabar do sonho americano. Continua hoje a ser o retrato da sociedade americana. Um casal jovem e promissor, Frank e April Wheeler, vive com os dois filhos num subúrbio próspero de Connecticut, em meados dos anos 50. Porém, a aparência de bem-estar esconde uma frustração terrível resultante da incapacidade de se sentirem felizes e realizados tanto no seu relacionamento como nas respectivas carreiras. Frank está preso num emprego de escritório bem pago mas entediante e April é uma dona de casa frustrada por não ter conseguido seguir uma promissora carreira de actriz. Determinados a identificarem-se como superiores à crescente população suburbana que os rodeia, decidem ir para a França onde estarão mais aptos a desenvolver as suas capacidades artísticas, livres das exigências consumistas da vida numa América capitalista. Contudo, o seu relacionamento deteriora-se num ciclo interminável de brigas, ciúmes e recriminações, o que irá colocar em risco a viagem e os sonhos de auto-realização.
Sorting by
  • 5

    Il disfacimento di un amore (o quel che era)

    In questa mia estate di letture americane ho finalmente trovato lo spazio per Revolutionary Road, uno dei miei "lungodegenti" più illustri (ovvero quei libri che uno vorrebbe leggere ma per un motivo ...continuar

    In questa mia estate di letture americane ho finalmente trovato lo spazio per Revolutionary Road, uno dei miei "lungodegenti" più illustri (ovvero quei libri che uno vorrebbe leggere ma per un motivo o per l'altro si trova a rinviare sempre). Ne sono rimasto decisamente colpito, a fine lettura mi sono sentito appagato e straziato. E non nascondo di aver tirato un sospiro di sollievo, sentendo un po' di... distanza di sicurezza.
    Yates è uno che riesce a modellare il magma del dolore vero, pulsante, quello che si insinua nelle relazioni e le trasforma avvelenandole giorno dopo giorno, e con esso è capace di creare bellezza. Soprattutto grazie al dono di una scrittura naturale e immersiva con cui disegna personaggi fortemente verosimili, collocati nel quartiere provinciale di una New York decisamente laterale.
    La vita matrimoniale di Frank e April è il percorso di due parallele che progressivamente si allontanano, il disfacimento di un amore troppo verde per gustarne una qualche dolcezza, probabilmente sovrastimato o forse addirittura frainteso, dove i figli non sono che il simbolo inquieto e vivo del loro fallimento. La tristezza pungente di queste pagine rende la facciata "borghese" alquanto soffocante, tale che i ragionamenti schietti e debordanti dell' alienato "vicino" John risulteranno l'unico vero refrigerio.
    Perdonate un piccolo ragionamento in coda: mi ritengo davvero fortunato a vivere l'amore in una famiglia. Sfighe non ne mancano, beninteso, ma io credo che se c'è l'amore tutto si affronta.

    dito em 

  • 4

    Scritto benissimo. Anche se non ci sono ovvi riferimenti, ci si sente da subito nell'America degli anni 50, l'America dell'apparenza, del perbenismo sfrenato, dell'alcool e sigarette, delle coppie all ...continuar

    Scritto benissimo. Anche se non ci sono ovvi riferimenti, ci si sente da subito nell'America degli anni 50, l'America dell'apparenza, del perbenismo sfrenato, dell'alcool e sigarette, delle coppie all'apparenza perfette, dei balli e delle macchine. Un libro che rivela la vera faccia di un'America frustrata e che grida davanti a tutto questo dovere di perfezione attraverso la storia di una coppia come tante altre.

    dito em 

  • 5

    Nonostante la tenebrosa e soffocante sessione d'esami, sono riuscita a terminare questo capolavoro. Ora vorrei semplicemente leggere tutto quello che ha scritto quest'uomo, tutto, pure la lista della ...continuar

    Nonostante la tenebrosa e soffocante sessione d'esami, sono riuscita a terminare questo capolavoro. Ora vorrei semplicemente leggere tutto quello che ha scritto quest'uomo, tutto, pure la lista della spesa.

    "Tutti gli oggetti messi a nudo dal bagliore spietato delle lampadine da cento watt parevano dar forza agli argomenti di lei; più di una volta, durante notti calde come quella, il loro effetto complessivo aveva minacciato di mandare a monte tutta l'intricata costruzione del suo vantaggio: gli arredi che non erano mai stati sistemati né mai lo sarebbero stati, le file e file di scaffali di libri non letti o letti a metà o letti e poi dimenticati, che loro pensavano dovessero fare tanta differenza e poi invece non ne avevano mai fatta; l'odiosa, avida boccaccia spalancata del televisore; il mucchietto disordinato, derelitto di giocattoli che pareva fosse stato tuffato nell'ammoniaca, tanto rapida era la sua capacità di far salire agli occhi e alla gola un acre bruciore di colpa e di autorimprovero."

    dito em 

  • 4

    Sul matrimonio e sulle trappole che ci tendiamo.

    Ci ritroviamo, mutatis mutandis, nelle elucubrazioni dei personaggi, nel loro illudersi che l'unione con un altro, che inizialmente ammiriamo perché lo vediamo come vorremmo che fosse, ci migliori, le ...continuar

    Ci ritroviamo, mutatis mutandis, nelle elucubrazioni dei personaggi, nel loro illudersi che l'unione con un altro, che inizialmente ammiriamo perché lo vediamo come vorremmo che fosse, ci migliori, lenisca i nostri fallimenti e si sostituisca alla nostra inazione, attraverso i suoi successi, la sua determinazione, la purezza e la coerenza che via via noi abbiamo perso. Una storia di disperazione e di pietà, la pietà finale di April - nome di una primavera che si spegne in una prematura gelata - per il marito, che le impedisce di recriminare, ancora una volta, colpe e responsabilità.
    Lo sguardo privilegiato è quello maschile di Frank, lo stesso di chi scrive; poi arriva quello ben tratteggiato di April. Appena accennato ma presente lo smarrimento dei figli.

    Storia di disperazione sotto un'apparente calma, equilibrio e perfezione di una famiglia media.

    dito em 

  • 5

    Frank e April sono...

    ...una normale coppia americana: appena trentenni, con due figli piccoli, lui ha un lavoro mediocre a New York, lei è una casalinga ovviamente insoddisfatta. Frank ha accettato il lavoro che ha ora pe ...continuar

    ...una normale coppia americana: appena trentenni, con due figli piccoli, lui ha un lavoro mediocre a New York, lei è una casalinga ovviamente insoddisfatta. Frank ha accettato il lavoro che ha ora perché April era incinta, dopodiché il resto è venuto da sè: fare un altro figlio, trasferirsi nei sobborghi, entrare nella compagnia di teatro amatoriale, occuparsi della casa, dedicarsi il meno possibile al lavoro, vedersi con i vicini, fumare e bere fino allo sfinimento. Ma quella vita non è la loro vita, vorrebbero altro entrambi, vivere in un modo diverso, essere diversi. Si sentono migliori, più intelligenti, più consapevoli e forse sono solo più ipocriti. Quando finalmente si profila all'orizzonte l'occasione di cambiare davvero vita in poco tempo tutto va a rotoli. Frank si rende conto che in fondo lì dove sta addesso non è poi così male, sa di cosa si tratta perlomeno. April invece si sente sempre più in trappola ed è pronta a tutto pur di fuggire. La scrittura di Yates è notevole, il flusso di coscienza dei personaggi, i loro moti interiori sono definiti con maestria, sono tutti un po' mediocri e meschini, tranne April. E' proprio lei il motore di tutta la storia, lei quella che definisce e circoscrive la generica noia esistenziale di cui si lamenta Frank, lei che trova una soluzione non si sa bene quanto praticabile, ma proprio lei è la voce che ascoltiamo di meno, una sola volta in un unico brevissimo capitolo. Il più tragico.

    dito em 

  • 4

    triste,lucida e spietata analisi di una coppia e di un momento storico scritta in maniera magistrale fin dalle prime righe.
    ma se per "stoner" la medesima scrittura magistrale è stata un crescendo - d ...continuar

    triste,lucida e spietata analisi di una coppia e di un momento storico scritta in maniera magistrale fin dalle prime righe.
    ma se per "stoner" la medesima scrittura magistrale è stata un crescendo - da romanzo a capolavoro - qui è successo il contrario: da capolavoro annunciato, a ottimo romanzo
    sorry Mr Yates

    dito em 

  • 3

    Se potessi dare due voti differenti, il libro sarebbe da cinque stelle per la scrittura superba e l'analisi che Yates fa dell'animo umano e delle sue debolezze e probabilmente zero per il personaggio ...continuar

    Se potessi dare due voti differenti, il libro sarebbe da cinque stelle per la scrittura superba e l'analisi che Yates fa dell'animo umano e delle sue debolezze e probabilmente zero per il personaggio di Frank. Dentro di me continuo a ripetermi che non poteva essere altro che così, che l'autore lo ha tratteggiato volutamente così.. Però niente, il personaggio di Frank mi ha fatto schifo.. Quel disgusto che si prova - fortunatamente - per pochi individui; io spesso provo antipatia, rabbia, insofferenza e via discorrendo per personaggi letterari, ma credo sia la prima volta che leggendo abbia detto: "Frank, mi fai schifo!"
    La lettura poi non procedeva nemmeno a calci: dopo l'iniziale entusiasmo della prima parte, accadeva che il libro mi fissasse, io lo guardassi di rimando e dopo una breve esitazione, forse la coscienza che mi invitava a finirlo, gli dicevo: "Magari domani.. In gamba, eh!".
    Il personaggio che ho preferito è ovviamente John Givings.. l'ultimo incontro con i Wheeler.. Meraviglioso :3

    Il finale è stato tutto tranne che una sorpresa, sia perché penso che a Yates un po' April e Frank stessero sulle balle - se volete una storia di perdenti (In tutti i sensi voi vogliate interpretarlo), allora Revolutionary road (E che ironia il nome della loro via!) è il libro per voi -, sia perché la Fazi spoilera il gran finale sulla quarta di copertina.. Grazie, eh.

    dito em 

Sorting by