Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Riconoscere ciò che è

La forza rivelatrice delle costellazioni familiari

Di ,

Editore: Feltrinelli (Universale economica Saggi)

3.8
(58)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 204 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807722747 | Isbn-13: 9788807722745 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: S. Miclavez

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Family, Sex & Relationships , Health, Mind & Body

Ti piace Riconoscere ciò che è?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La psicoterapia sistematica serve a scoprire le dinamiche nascoste che legano una persona alla propria famiglia, offrendole l'occasione di conoscere meglio la propria realtà e quella degli altri membri familiari e indicandole un modo più appropriato e soddisfacente di rapportarsi a loro. Queste dinamiche si possono esplorare con la rappresentazione delle costellazioni familiari. Esse sembrano provare che ogni famiglia, ogni stirpe, ha qualcosa come un proprio campo cosciente, con il quale si può entrare in contatto per avere informazioni importanti su ciò che disturba o favorisce l'equilibrio nelle relazioni intime.

Ordina per
  • 4

    Il modo in cui la famiglia ci influenza e come certe situazioni provochino in noi un irretimento, un desiderio fortissimo di prenderci il peso di qualcun altro e di soffrire noi al posto suo. Mi sono venuti in mente talmente tanti esempi mentre lo leggevo che non posso non riconoscergli una fetta ...continua

    Il modo in cui la famiglia ci influenza e come certe situazioni provochino in noi un irretimento, un desiderio fortissimo di prenderci il peso di qualcun altro e di soffrire noi al posto suo. Mi sono venuti in mente talmente tanti esempi mentre lo leggevo che non posso non riconoscergli una fetta grossa di verità, quello di Hellinger è un punto di vista indubbiamente interessante, che non si può non prendere in considerazione, tanto più che viene presentato con tanta umiltà e spiegazioni che tornano.
    Il libro è una lunga intervista al padre dell'idea delle costellazioni familiari, quindi vorrei approfondire ancora l'argomento e studiarmelo meglio.
    Ho trovato interessantissime e non meno sagge altre teorie, come ad esempio i pericoli rappresentati dall'indignazione, in quanto impulso che vuole annientare gli altri: come certi indignati (magari neanche offesi in prima persona) assumano il ruolo di persecutori e come sia inutile per un'anima la sofferenza per un torto vero o presunto non appena la si usa per arrogarsi il diritto di far male agli altri. A quante persone farebbe bene leggerlo!!!

    ha scritto il 

  • 4

    Illuminato

    Concetti destabilizzanti e talvolta fastidiosi che vengono comunque assimilati e accettati (anche se magari non condivisi) tale è la chiarezza e decisione con cui vengono esposti.
    C'è di cui pensare...

    ha scritto il 

  • 3

    La realtà e l'ordinario

    Da passare al setaccio, ma alcuni spunti sono interessanti e le riconferme non mancano.


    "La famiglia fa ammalare non perché le persone sono cattive, ma perché in essa agiscono dei destini che coinvolgono, toccano e influenzano tutti. Questo inizia con i genitori, che a loro volta hanno i l ...continua

    Da passare al setaccio, ma alcuni spunti sono interessanti e le riconferme non mancano.

    "La famiglia fa ammalare non perché le persone sono cattive, ma perché in essa agiscono dei destini che coinvolgono, toccano e influenzano tutti. Questo inizia con i genitori, che a loro volta hanno i loro genitori e provengono ciascuno da famiglie con i propri destini. Tutto ciò si fa sentire anche nella nuova famiglia. Il legame fa in modo che si portino i destini insieme. E se in famiglia è accaduto qualcosa di brutto, si instaura per generazioni l'esigenza di compensarlo."

    ha scritto il 

  • 5

    Questo testo che parla di psicoterapia sistematica per me è stato una vera rivelazione, è la trascrizione di un'intervista della giornalista Gabriella Ten Hövel allo psichiatra Bert Hellinger. Hellinger è uno dei più famosi psichiatri tedeschi e in questa intervista svela le dinamiche che regolan ...continua

    Questo testo che parla di psicoterapia sistematica per me è stato una vera rivelazione, è la trascrizione di un'intervista della giornalista Gabriella Ten Hövel allo psichiatra Bert Hellinger. Hellinger è uno dei più famosi psichiatri tedeschi e in questa intervista svela le dinamiche che regolano i comportamenti nelle costellazioni familiari, illustrando il metodo della rappresentazione da lui usato per svelare il ruolo di ogni componente e le relazioni di dipendenza o di supremazia che lo legano agli altri. Il metodo illustrato consiste nel mettere in scena i personaggi che fanno parte del gruppo familiare, attori sono i vivi ma i protagonisti principali rimangono gli scomparsi, gli allontanati dalla famiglia, i morti di prima e seconda generazione , genitori e nonni, zii, fratelli dei genitori e fratelli propri persino gli abortiti o i nati morti. Secondo Hellinger tutti questi continuano a vivere all'interno della famiglia e a condizionare le relazioni che si instaurano tra i membri del nucleo generando il disagio. Solo ristabilendo gli equilibri si riesce a ritrovare l'armonia nell'insieme e nella vita di ognuno che a questo appartiene. La famiglia è un organismo veramente complesso, dove le colpe di uno vengono assorbite da un altro che se ne fa carico, la mancanza di un componente scomparso trova reincarnazione in qualcuno che ne prende il posto addossandosi il carico di colpe che quella mancanza ha generato, in un gioco di ruoli che si costruisce inconsapevolmente e che mette a repentaglio la vita e la psiche della vittima designata. Tutto questo è spaventoso e svela come il mondo della famiglia sia un mondo di vittime e carnefici inconsapevoli, dove l'amore e l'armonia vengono a ricostruirsi solamente quando ognuno si riprende sulle spalle tutto il peso delle proprie colpe, alleggerendo così il fardello che grava sulle vite degli altri. La malattia, la violenza, il disagio psichico, l'auto annientamento, l'incesto, l'isolamento, il suicidio, l'allontanamento, il fallimento delle relazioni amorose, il fallimento di se stessi, il desiderio di gettare il proprio corpo prostituendosi con l'intento di espiare le colpe di un altro, tutto può essere generato da questo meccanismo meraviglioso e terribile che è la famiglia. Questo libro ti fa star male perché è pesante e destabilizzante accettare tutto ciò, ma ti chiede anche di approfondire, di andare oltre, di continuare a comprendere. Questa è la psiche e prima o poi bisogna anche farci i conti. Beh, da oggi in poi prima di andare ad una riunione familiare sicuramente ci penserò un po' di più. E voi, avete festeggiato bene il Natale assieme ai parenti? Meditate gente meditate

    ha scritto il 

  • 3

    Onora la mano che ti percuote.

    Quando lo lessi rimasi suggestionato, da qui le tre stelline di fiducia. Adesso che sono un pò più grande, mi puzza di mistificazione bella e buona. Mi spiego: solo un prete poteva inventarsi un metodo attraverso cui si dimostra che non esistono responsabilità personali dei carnefici, che obbedi ...continua

    Quando lo lessi rimasi suggestionato, da qui le tre stelline di fiducia. Adesso che sono un pò più grande, mi puzza di mistificazione bella e buona. Mi spiego: solo un prete poteva inventarsi un metodo attraverso cui si dimostra che non esistono responsabilità personali dei carnefici, che obbediscono ad una sorta di programmazione trans-generazionale, quanto piuttosto quelle delle vittime che attraverso il mancato disvelamento delle cause delle proprie nevrosi, la perpretano. Complimenti!
    Un altro che invece che sostenere il paziente nel ricostruire la verità che la sua nevrosi custodisce, invita all'alienazione in nome dell'antico e ormai completamente inutile comandamento cultural/ divino di onorare chi ti perseguita.

    ha scritto il 

  • 2

    opinioni sospette

    Non metto in dubbio che le sue terapie possano essere servite a migliorare le relazioni in qualche famiglia, ma le sue opinioni sono a volte assurde, come quando afferma che per accettare il bambino nato da una violenza, la donna non deve mantenere rancore contro il suo violentatore, ma onorarlo, ...continua

    Non metto in dubbio che le sue terapie possano essere servite a migliorare le relazioni in qualche famiglia, ma le sue opinioni sono a volte assurde, come quando afferma che per accettare il bambino nato da una violenza, la donna non deve mantenere rancore contro il suo violentatore, ma onorarlo, perchè ciò si rifletterà positivamente sul figlio; mi pare che sia troppo influenzato dalle sue matrici cattoliche, e tetragono. La sua opinione che non si possa dare un giudizio negativo su nazismo o comunismo , perchè sarebbe presuntuoso pretendere di giudicare qualcosa che è al disopra del volere del singolo mi ha lasciato perplessa, perchè sa di acquiescenza e giustificazione di atrocità che invece hanno a che vedere con la coscienza dei singoli. La intervistatrice cerca di metterlo alle strette e qualche volta gli fa ammettere le sue contraddizioni. Un libro bruttissimo.

    ha scritto il 

  • 4

    Metodo psicologico assai originale che ha la finalità di rimuovere antichi "blocchi" che la ns. personalità può aver subito nelle interazioni familiari. Il metodo è fenomenologico. Hellinger, infatti, non teorizza delle regole fisse, ma analizza i "casi", dai quali inferisce delle relazioni. Dall ...continua

    Metodo psicologico assai originale che ha la finalità di rimuovere antichi "blocchi" che la ns. personalità può aver subito nelle interazioni familiari. Il metodo è fenomenologico. Hellinger, infatti, non teorizza delle regole fisse, ma analizza i "casi", dai quali inferisce delle relazioni. Dalla pratica alla teoria, teoria che può cambiare se vi siano dei casi pratici in contrastano con essa. Niente di immutabile, solo osservazione. Come osserva? Ecco la vera novità: mettere in scena una famiglia (anche allargata a parenti, nonni, amici o quant'altro) attraverso degli "attori" che vengono scelti a caso tra il pubblico, i quali vengono coinvolti a tal punto, da rivivere, senza conoscere alcun retroscena, certe dinamiche. Attraverso l'osservazione della disposizione delle persone nella scena (orchestrata dall'analizzato) e aclune semplici domande, il "facilitatore" trae delle indicazioni che utilizza per rimuovere i blocchi.
    Detta così in sintesi è un piuttosto riduttivo, ma nel libro vi sono una vasta serie di considerazioni su svariati argomenti che sono state elaborate dall'osservazione.
    Molto interessante.

    ha scritto il 

  • 0

    paralleli

    Rispetto alle mise en espace riportate ne "La danza della realtà" di Jodorowski, questo testo di Hellinger riporta la dimesione analitica ad una sorta di sciamanesimo mediato dalla scienza. Due mondi di una densità multiforme, me che in questo libro non vedo fondersi per trascinare il lettore nel ...continua

    Rispetto alle mise en espace riportate ne "La danza della realtà" di Jodorowski, questo testo di Hellinger riporta la dimesione analitica ad una sorta di sciamanesimo mediato dalla scienza. Due mondi di una densità multiforme, me che in questo libro non vedo fondersi per trascinare il lettore nella dimensione che probabilmente sta cercando. L'ho sentito freddo senza essere glaciale, e barocco senza averne la grandiosità di struttura.

    ha scritto il