Ricordare, raccontare

Conversazione su Šalamov

Voto medio di 10
| 4 contributi totali di cui 4 recensioni , 0 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Nessuno mette in dubbio l'orrore del nazismo e dei suoi lager. Per "l'intelligencija" di sinistra, e non solo per quella, ai gulag "si annette un'importanza minore, stabilendo comunque una differenza di fondo: una cosa erano i lager nazisti, ...Continua
Ha scritto il 04/04/14
"Non sono mai stato libero in vita mia, ma indipendente lo sono stato sempre." - Varlam Salamov (cit. a p. 34)
  • 1 mi piace
Ha scritto il 19/07/10
Per conoscere ed apprezzare Salamov
questo breve dialogo a tre voci è di fondamentale importanza: Sinatti, suo primo traduttore italiano, Herling, polacco, che come Salamov ha vissuto l'orrore dei gulag, e Anna Raffetto della casa editrice che avrebbe dovuto pubblicare lo scritto ...Continua
Ha scritto il 24/04/10
'Trasformare l'orrore in Arte'
Questa frase non è mia, bensì dello slavista Sinatti,che per primo tradusse nel 1976 trenta racconti della Kolyma, introducendo così Salamov in Italia.Lo smilzetto che vi troverete tra le mani è in realtà un libro densissimo che vi darà cibo a ...Continua
  • 13 mi piace
  • 5 commenti
Ha scritto il 21/03/10
E' un libro da leggere...
ma forse non e' per tutti. Racchiude una appassionata riflessione sul mondo Salamov e sulla realtà che purtroppo contro ogni speranza ancora non e' come sperava Herlig. Il tema della discussione viene generato in occasione dell'intenzione della ...Continua
  • 5 mi piace
  • 1 commento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi