Rinne vol. 1

Circle Of Reincarnation

Di

Editore: Star Comics

3.4
(74)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fumetti & Graphic Novels

Ti piace Rinne vol. 1?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Sakura Mamiya è una ragazza che fin da bambina è in grado di vedere i fantasmi. Rinne Rokudo è un suo misterioso compagno di classe dai capelli rossi che lei crede sia un fantasma, in quanto è la sola in grado di vederlo. In realtà, il ragazzo si rivelerà essere mezzo umano e mezzo shinigami (un dio della morte), con il compito di aiutare le anime smarrite rimaste sulla terra a trasmigrare e trovare finalmente la pace. L’incontro fra i due giovani darà inizio ad una stravagante collaborazione che li porterà in giro ad “acchiappare” gli spiriti.
Ordina per
  • 5

    Pur essendo una fan della Takahashi, e un lettrice di manga e fumetti, mi ero presa un pausa. Ora che torno a simili letture, è con piacere che scopro, con ritardo ovviamente, l'ultima e ancora incors ...continua

    Pur essendo una fan della Takahashi, e un lettrice di manga e fumetti, mi ero presa un pausa. Ora che torno a simili letture, è con piacere che scopro, con ritardo ovviamente, l'ultima e ancora incorso fatica della regina dei manga. Rinne manca della sfrontatezza di Ranma, come opera, o della malizia un po' stralunata di Lamù e anche della drammaticità di Inuyasha. E' un'opera più composta, meno rumorosa, che usa in modo più sottile e un po' più cinico l'impareggiabile ironia di questa mangaka, attraverso episodi brillanti e disegnati alla perfezione, come sempre. Se devo trovare un difetto, è nei personaggi secondari, che hanno meno forza di quelli a cui la Takahashi ci ha abituati, e a cui spesso ho finito per affezionarmi. Qui, a mio parere, Rinne e Sakura dominano incontrastati. Rinne, in particolare, è diverso da tutti gli altri eroi della Takahashi. Innamorato e timido, così lontano dal bullismo, pur simpatico, di Ranma, e dall'intensità di Inuyasha, eppure forte, saggio e deciso. E poverissimo. La Takahashi in quest'ultima saga è più pudica che mai, forse un po' di malizia in più non avrebbe fatto male, tuttavia, com lei non c'è nessuno.

    ha scritto il 

  • 4

    RIN-NE, gli shinigami secondo Rumiko Takahashi

    n manga gradevole e accattivante, nel perfetto stile di Rumiko Takahashi. Strappa più di un sorriso durante la lettura, e nei primi volumi la storia si mantiene abbastanza leggera grazie anche alle va ...continua

    n manga gradevole e accattivante, nel perfetto stile di Rumiko Takahashi. Strappa più di un sorriso durante la lettura, e nei primi volumi la storia si mantiene abbastanza leggera grazie anche alle varie storie autoconclusive in cui Sakura e Rinne rimangono coinvolti.

    Innegabili però sono le similitudini con Inuyasha e le precedenti opere della Takahashi.

    Continua qui -> http://ditadinchiostro.blogspot.it/2012/10/rin-ne-gli-shinigami-secondo-rumiko.html

    ha scritto il 

  • 2

    Povero

    Storia - 2/5
    Disegni - 2/5
    Personaggi - 2/5

    Questo primo volume (fortunatamente) non mi ha entusiasmata abbastanza per imbarcarmi nell'avventura di una terza serie della Takahashi.
    Tra l'altro ho l'im ...continua

    Storia - 2/5
    Disegni - 2/5
    Personaggi - 2/5

    Questo primo volume (fortunatamente) non mi ha entusiasmata abbastanza per imbarcarmi nell'avventura di una terza serie della Takahashi.
    Tra l'altro ho l'impressione che come contenuti non possa offirmi molto di più che Ranma e InuYasha combinati.

    ha scritto il 

  • 4

    A due anni dall'inizio in patria, arriva anche da noi la nuova serie di Rumiko Takahashi, tra le più celebri mangaka anche in Italia. Abbandonato il classico shonen d'avventura di Inuyasha, manga fin ...continua

    A due anni dall'inizio in patria, arriva anche da noi la nuova serie di Rumiko Takahashi, tra le più celebri mangaka anche in Italia. Abbandonato il classico shonen d'avventura di Inuyasha, manga fin troppo lungo e macchinoso, la Zietta torna al genere della commedia; i toni, stavolta, sono più pacati rispetto ai caciaroni Lamù e Ranma. Lo stesso protagonista, pur essendo pienamente takashiano (sfigatissimo e povero in canna!) appare come un "bravo ragazzo"; Sakura, poi, è piena di un buonsenso un po' cinico (mi ricorda Kyon!). Non si raggiungeranno magari le vette di Lamù, ma come inizio pare un manga di piacevolissima lettura.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho acquistato questo manga approfittando della promozione "prezzo euro 1,90", nonostante non abbia più fiducia da anni nelle serie della (per me) ex regina dei manga, Rumiko Takahashi.
    Dopo la delusio ...continua

    Ho acquistato questo manga approfittando della promozione "prezzo euro 1,90", nonostante non abbia più fiducia da anni nelle serie della (per me) ex regina dei manga, Rumiko Takahashi.
    Dopo la delusione di Ranma 1/2 e dopo aver abbandonato Inuyasha al quinto volume, ho comperato solo le storie brevi dell'autrice, e se non fosse stato per la promozione non avrei mai acquistato questo volume; purtroppo mi è capitato sotto mano in una mattinata particolarmente scialacquatrice....
    Sarà che è da un bel pò che non leggo i suoi manga, ma sfogliare questo volume mi ha dato una strana sensazione, come rincontrare un vecchio amico e riprendere una conversazione lasciata a metà; Rumiko non cambia mai, il suo marchio di fabbrica è sempre lo stesso, i suoi personaggi sono dei clichè, cambia il dettaglio (karateka, demone, shinigami) ma gli intrecci sono sempre i medesimi.
    Quello che nei primi anni poteva essere scambiato per il suo marchio di fabbrica, ad oggi sa solo di minestra riscaldata.
    Nonostante questo il volume mi è piaciuto, probabilmente per l'aspetto scanzonato che ho sempre amato nelle sue opere, un intrattenimento leggero dal sapore nostalgico, consigliato solo agli ultra fan dell'autrice.

    ha scritto il 

  • 2

    Nel leggere questo primo volume ho sofferto più di quando sto in fila alla posta: una noia mortale!
    La Takahashi dovrebbe concentrarsi sulle storie brevi, le riescono decisamente meglio.

    ha scritto il 

  • 2

    Due stelle, forse anche troppe.
    Come detto già da altri utenti, questo manga non è altro che una copia sbiadita di altre opere precedenti dell'autrice. Un mix tra Ranma ½ e Inu Yasha che in più occasi ...continua

    Due stelle, forse anche troppe.
    Come detto già da altri utenti, questo manga non è altro che una copia sbiadita di altre opere precedenti dell'autrice. Un mix tra Ranma ½ e Inu Yasha che in più occasioni genera dei noiosi déjà vu. Sarebbe meglio se la Takahashi tornasse a lavorare alla saga delle Sirene.

    ha scritto il 

Ordina per