Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ristorante al termine dell'Universo

Urania Classici 200

Di

Editore: Mondadori (Urania)

4.0
(5081)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 190 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Portoghese , Tedesco , Francese , Olandese , Giapponese , Lettone , Chi tradizionale , Ceco , Polacco , Greco , Sloveno , Ungherese

Isbn-10: A000007762 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Laura Serra

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Ristorante al termine dell'Universo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In principio fu la Guida: la Guida galattica per gli autostoppisti, naturalmente. Doveva essere l’ultimo grido in fatto di mappe dell’universo, il non plus ultra per i viaggiatori del cosmo. A ogni stella, a ogni sistema planetario, ma che dico, a ogni pianeta con un minimo di dignità cosmica, sarebbe stata dedicata un’esauriente scheda informativa. La Terra, uno dei mondi meno importanti, vide drasticamente ridursi la sua (1) per decisione del Comitato di redazione della Guida, e (2) perché una poco affidabile razza di ingegneri cosmici aveva deciso di polverizzare quel pianetucolo periferico e costruire al suo posto una superstrada galattica. Ma poi qualcosa non era andato per il verso giusto... Riprendono, con questo romanzo, le avventure deliranti e divertentissime della più fortunata serie fantasatirica di tutti i tempi. Non perdete questo e i prossimi appuntamenti: potrebbe sfuggirvi un dettaglio essenziale sulla natura della vita, l’universo & tutto quanto.
Ordina per
  • 2

    Le fonti biografiche concordano su un fatto: Adams la trama ce l’aveva in testa, ma gli è finita per sbaglio nel Barlafusator, un bel pezzo di tecnologia finalizzato ad obliterare progetti, speranze e ...continua

    Le fonti biografiche concordano su un fatto: Adams la trama ce l’aveva in testa, ma gli è finita per sbaglio nel Barlafusator, un bel pezzo di tecnologia finalizzato ad obliterare progetti, speranze e compiti delle vacanze. Proprio dopo questo evento, l’autore ha provveduto a distruggere l’unico modello ancora esistente, ma ormai la frittata era fatta e tanto valeva mandare tutto alle stampe, con la speranza che il romanzo almeno facesse ridere. E invece manco quello: le gag non funzionano come nella Guida galattica, lasciando a nudo tutti gli altri difetti: personaggi che vagolano per lo spazio-tempo senza un motivo, fili narrativi che si interrompono nel nulla, caratterizzazione monodimensionale, zero progressione narrativa dal capitolo precedente, una storia smolecolarizzata priva della congruenza che, nonostante tutto, la Guida Galattica aveva. Un libro senza capo né coda, un po’ come questa recensione.

    ha scritto il 

  • 4

    Un pochino meno bello rispetto a "guida intergallatica per autostoppisti" (sarà anche perché ho visto il film fino allo sfinimento) ma in ogni caso... come non apprezzare la genialità di questo libro? ...continua

    Un pochino meno bello rispetto a "guida intergallatica per autostoppisti" (sarà anche perché ho visto il film fino allo sfinimento) ma in ogni caso... come non apprezzare la genialità di questo libro?

    ha scritto il 

  • 5

    PRIMA LETTURA: Secondo capitolo della saga fantascientifica scritta da adams.
    Proseguono le avventure di Arthur, Ford, Zaphod, Trillian e Marvin, tra viaggi nello spazio e nel tempo.
    Il libro inizia b ...continua

    PRIMA LETTURA: Secondo capitolo della saga fantascientifica scritta da adams.
    Proseguono le avventure di Arthur, Ford, Zaphod, Trillian e Marvin, tra viaggi nello spazio e nel tempo.
    Il libro inizia benissimo, per poi scivolare in alcuni capitoli poco comprensibili e noiosi anche se pieni di azione. Ma da quando i nostri eroi arrivano al ristorante al termine dell'universo in poi, si torna su grandissimi livelli, per la genialità e originalità di Adams. Con meno senso dell'umorismo e con un impatto inferiore rispetto al primo episodio della saga, "Ristorante al termine dell'universo" è comunque un libro divertente, appassionante, originale ed intelligente.

    SECONDA LETTURA: la rilettura di questo episodio della saga è stata una sorpresa. Infatti il romanzo mi è apparso molto più chiaro e si è rivelato non inferiore al primo capitolo della saga. Infatti, se è vero che è un po' meno brillante, è anche vero che è più marcata la satira e più nichilista e disincantato. Senza diminuire in nulla l'inventiva.

    ha scritto il 

  • 4

    Da leggere per forza!

    Continuano le disavventure in giro per l'universo di Arthur, Ford, Trillian e Zaphod. Divertimento assicurato. Ripeto... Si ride dalla prima all'ultima pagina. Già il solo pensiero di poter scrivere u ...continua

    Continuano le disavventure in giro per l'universo di Arthur, Ford, Trillian e Zaphod. Divertimento assicurato. Ripeto... Si ride dalla prima all'ultima pagina. Già il solo pensiero di poter scrivere una saga del genere fa capire che questo scrittore ha una fantasia incredibile. Cosa potrei fare ora se non continuare con il prossimo capitolo?!?!?!??

    ha scritto il 

  • 5

    "I tuoi progenitori in questo momento sono seduti intorno a una vasca da bagno in pietra dall'altra parte della collina e girano un documentario su se stessi."

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Né infamia né lode per questo libro dal quale però hanno preso ispirazione in molti, per creare dei prodotti rivelatisi di gran lunga migliori del libro stesso.
    Il titolo è intrigante, l'idea non male ...continua

    Né infamia né lode per questo libro dal quale però hanno preso ispirazione in molti, per creare dei prodotti rivelatisi di gran lunga migliori del libro stesso.
    Il titolo è intrigante, l'idea non male, ma andando al succo, trovo il tutto slegato, disarmonico:

    *) vuoi raccontare di come lo scopo sia raggiungere il ristorante alla fine dell'universo? perchè è questo che suggerisce il titolo. Bene, fallo, ma il problema è che poi non è quello il nodo della narrazione. è solo una tappa a cui viene dedicato un misero capitolo.
    **)la scoperta che il pianeta verde-azzurro è niente meno che la terra mi lascia in bocca un sapore da pianeta delle scimmie rancido che avrei evitato.

    ha scritto il 

Ordina per