Risurrezione

2 volumi

Voto medio di 1246
| 111 contributi totali di cui 106 recensioni , 5 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Edizione completa, contenente i brani non permessi dalla censura russa.

In Resurrezione (Воскресение [Voskresenie], 1889-1899) Tolstoj descrive l'angoscia profonda dell'uomo di coscienza (e in primo luogo dell'autore) stretto nel meccanismo
...Continua
Molla
Ha scritto il 20/10/18
AFlowerForDinner
Ha scritto il 01/07/18
Premetto di adorare la letteratura russa, e sì, Tolstoj è Tolstoj ma per me questo romanzo è stato pesante. La storia è carina, le tematiche importanti ma il tutto è scritto in una maniera tremendamente noiosa e distaccata. L'unico personaggio che vi...Continua
Diceros
Ha scritto il 18/02/18
Uno dei grandi romanzi dello scrittore russo. Esce contemporaneamente alla sua “conversione “conversione” verso un ruolo puro della religione. Il “delitto” commesso dal protagonista, nobile ma tormentato dalle moderne idee di progresso lo porta ad un...Continua
Vally
Ha scritto il 01/08/17
Tolstoj è indiscutibilmente affascinante anche quando non è al suo massimo, perché in effetti qui manca qualcosa. I temi sono sempre interessanti e moderni, in "Resurrezione" forse più che mai visto che si parla dell'abuso di potere da parte della ma...Continua
pc
Ha scritto il 14/07/17

La precisione con cui Tolstoj denuda l'animo dei personaggi e le ipocrisie della societa' e' strabiliantemente disarmante. Terza parte piu’ macchinosa, forse aggiunta dopo. Resta comunque un geniale capolavoro verista.


Alessandro Di Candia
Ha scritto il Sep 23, 2018, 18:20
Se si può ammettere che qualcosa sia più importante dell'amore del prossimo, anche per un'ora solo o per un caso eccezionale, non c'è delitto che non si possa commettere contro gli uomini senza ritenersi colpevoli
Pag. 373
Alessandro Di Candia
Ha scritto il Aug 29, 2018, 10:42
Allegre erano le piante, e gli uccelli, e gli insetti, e i bambini. Ma gli uomini - i grandi, gli adulti - non la smettevano di ingannare e tormentare se stessi e gli altri. Gli uomini ritenevano che sacro e importante non fosse quella mattino di pri...Continua
Pag. 4
Fatalia Stamina
Ha scritto il Aug 04, 2010, 20:12
"Perché ha sofferto? Perché ha vissuto? L'avrà capito ora?" pensava Nehljudov, e gli sembrava che non ci fosse quella risposta, che non ci fosse nulla, eccetto la morte, e si sentì male.
Pag. 576
Fatalia Stamina
Ha scritto il Aug 04, 2010, 20:10
Nehljudov si sedette su un divanetto di legno alla parete, e a un tratto avvertì una terribile stanchezza. Era stanco, non per la notte insonne, non per il viaggio, non per l'agitazione, ma si sentiva terribilmente stanco di tutta la vita. Si appoggi...Continua
Pag. 596
Fatalia Stamina
Ha scritto il Sep 14, 2009, 20:40
"E' disgustosa la vitalità della bestia nell'uomo" pensava "ma quando si presenta nel suo aspetto elementare, dall'alto della tua vita spirituale la vedi e la disprezzi, e sia che tu cada, sia che tu resista, resterai quel che eri; ma quando la besti...Continua
Pag. 394

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi