Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Risveglio a Parigi

Di

Editore: Mondadori

3.2
(365)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 308 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804588136 | Isbn-13: 9788804588139 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace Risveglio a Parigi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Io adoro Margherita Oggero, la reputo una delle migliori scrittrici in circolazione! Ecco perchè mi ha profondamente deluso questo libro. Scritto ovviamente in modo esemplare, dialoghi arguti e divertenti, scorrevole. Ma manca quel qualcosa che, negli altri libri, mi ha fatto pensare a libro conc ...continua

    Io adoro Margherita Oggero, la reputo una delle migliori scrittrici in circolazione! Ecco perchè mi ha profondamente deluso questo libro. Scritto ovviamente in modo esemplare, dialoghi arguti e divertenti, scorrevole. Ma manca quel qualcosa che, negli altri libri, mi ha fatto pensare a libro concluso " che peccato è finito!. Qui proprio il finale mi sembra alquanto affrettato.

    ha scritto il 

  • 2

    Inconcludente

    Avevo aspettative migliori, invece mi ha totalmente deluso.
    La lettura é scorrevole, le descrizioni brevi e chiare al punto giusto, ma la trama non porta a nulla.
    Peccato.

    ha scritto il 

  • 4

    Adoro la Oggero

    Sia in versione gialli, sia in versione romanzi.
    Mi tira sempre su di morale!
    Vi devono piacere i dialoghi però.
    Anche se devo dire che per un libro leggero 303 pagine sono troppe

    ha scritto il 

  • 4

    La scrittura di Margherita Oggero è meravigliosamente leggera. Anche i drammi più dolorosi e cupi sono raccontati dai personaggi attraverso l'ovatta del ricordo che rende tutto più sopportabile. Leggere un libro di Margherita Oggero è sempre una coccola. Un piccolo momento consolatorio che ci si ...continua

    La scrittura di Margherita Oggero è meravigliosamente leggera. Anche i drammi più dolorosi e cupi sono raccontati dai personaggi attraverso l'ovatta del ricordo che rende tutto più sopportabile. Leggere un libro di Margherita Oggero è sempre una coccola. Un piccolo momento consolatorio che ci si ritaglia nell'arco della giornata.

    ha scritto il 

  • 2

    Lettura da spiaggia non in spiaggia

    Siccome ieri notte i malefici studenti Erasmus del piano di sopra facevano party e feste e trenini, e siccome invece io ho quasi 30 anni e un dente del giudizio uscito di senno, all’1.30, e poi alle 2.30 ero ancora lì a leggere questo librettino. Il pregio è che si legge di corsa, non provoca nem ...continua

    Siccome ieri notte i malefici studenti Erasmus del piano di sopra facevano party e feste e trenini, e siccome invece io ho quasi 30 anni e un dente del giudizio uscito di senno, all’1.30, e poi alle 2.30 ero ancora lì a leggere questo librettino. Il pregio è che si legge di corsa, non provoca nemmeno grossi fastidi per scrittura stridente o personaggi mocceschi o storie improbabili, fila via liscio e non fa venire troppo sonno (certo, particolare controproducente ieri notte). Il difetto è che tra circa mezz’ora me lo sarò già dimenticata (purtroppo non si può dire lo stesso del dente del giudizio).

    ha scritto il 

  • 2

    Irritante. Un concentrato di vite sfortunate da far chiudere il libro subito. Scrittura giovanilistica e furbetta. Struttura evidente con sospesi a fine capitolo per farti arrivare al successivo. Proverò uno dei suoi gialli per vedere se Alicia Gimenez Bartlett, che ne parla bene, non abbia preso ...continua

    Irritante. Un concentrato di vite sfortunate da far chiudere il libro subito. Scrittura giovanilistica e furbetta. Struttura evidente con sospesi a fine capitolo per farti arrivare al successivo. Proverò uno dei suoi gialli per vedere se Alicia Gimenez Bartlett, che ne parla bene, non abbia preso un granchio...

    ha scritto il 

Ordina per