Ritornati dalla polvere

Di

Editore: Mondadori

3.5
(272)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Chi tradizionale , Inglese , Tedesco , Ceco

Isbn-10: 8804503572 | Isbn-13: 9788804503576 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giuseppe Lippi ; Illustratore o Matitista: Betty Lew

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Ritornati dalla polvere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ray Bradbury ci guida fino alla più fantastica delle destinazioni: nel cuoredi una Famiglia Eterna. Per secoli hanno trascorso la loro esistenza inuna casa sospesa tra leggenda e mistero nell'Illinois e sono molto, ma molto"particolari": è difficile incontrarli di giorno, hanno bambini curiosi eselvaggi; i più vecchi risalgono ai tempi in cui la Sfinge affondò per laprima volta le sue zampe nelle sabbie del deserto. Alcuni dormono in "letticon il coperchio". Ma ora la casa si prepara ad una festa che vedrà riunitianche i rami più lontani della famiglia.
Ordina per
  • 5

    Un nome una garanzia...

    personalmente Bradbury mi affascina sempre. Questa serie di racconti mi ha portato con se, sull'onda di tutti questi venti e bisbigli. Veramente imperdibile. :-D

    ha scritto il 

  • 3

    3,5 sarebbe il mio voto...Un libro particolare, che ho trovato a tratti un po' confuso. Contiene alcune interessanti riflessioni sulla vita, sulla morte e sulle relazioni.."umane". Un horror stile fam ...continua

    3,5 sarebbe il mio voto...Un libro particolare, che ho trovato a tratti un po' confuso. Contiene alcune interessanti riflessioni sulla vita, sulla morte e sulle relazioni.."umane". Un horror stile famiglia Addams (che guarda caso è lo stesso cognome del disegnatore della copertina originale di questo libro e futuro inventore proprio della famiglia Addams!) senza avere lo stesso marcato aspetto comico.

    ha scritto il 

  • 4

    Uno stranissimo Bradbury. La sua vita famigliare trasposta in un mondo surreale. Alcune descrizioni sono davvero criptiche e paiono scappate dalla penna. L'insieme ha dei punti estremamente validi ma ...continua

    Uno stranissimo Bradbury. La sua vita famigliare trasposta in un mondo surreale. Alcune descrizioni sono davvero criptiche e paiono scappate dalla penna. L'insieme ha dei punti estremamente validi ma l'insieme, non ostate i 55 anni per comporlo, rimane un groviglio inestricabile. La 4* per rispetto all'autore.

    ha scritto il 

  • 3

    "O Bellissima!" Dalle labbra dell'antica mummia si staccò un batuffolo di polvere, come polline. "Bella non sono più!" "Nonna, allora." "Mica nonna e basta" fu la debole risposta.

    L’ho sempre detto, Ray Bradbury era un poeta della fantascienza, aveva una percezione della fantascienza come di un’entità delicata, un luogo ideale per far vivere storie concentrate sull’essere umano ...continua

    L’ho sempre detto, Ray Bradbury era un poeta della fantascienza, aveva una percezione della fantascienza come di un’entità delicata, un luogo ideale per far vivere storie concentrate sull’essere umano, sui suoi sentimenti, sui suoi sogni.
    A me questa fiaba noir ha ricordato un cartone animato che ho amato molto, “Carletto, il principe dei mostri e devo dire che nella trama ci somiglia molto, nella vecchia campagna dell’Illinois c’è una casa abitata da strani personaggi, esseri misteriosi e leggendari che dormono di giorno e vivono di notte, che corrono a quattro zampe sotto la Luna, che hanno assistito(i più anziani)alla costruzione delle Piramidi.
    Halloween si avvicina e Timothy, l’unico essere umano del gruppo, attende con entusiasmo la festa che gli permetterà, dopo molti anni, di veder riunita tutta la sua Famiglia.
    Non è certo il capolavoro di Bradbury ma a me, a differenza di molti, è piaciuto, un romanzo ricco di mistero, di fascino e di poesia, una fiaba dolce e tenera che solo un genio della visionarietà come Bradbury poteva creare, una favola che si scaglia contro il materialismo della nostra epoca che ha distrutto tutto ciò che di più ingenuo, fiabesco e poetico c’è in ognuno di noi.
    In men che non si dica ci si ritrova all’ultima pagina, in un clima di poesia che si dipana per tutta la lettura.
    Una fiaba dolce come una carezza materna che fa commuovere, che fa emozionare e in parte fa anche riflettere.
    Bradbury ha scritto di meglio, certo, ma merita lo stesso una lettura.
    Lo consiglio a chi ha dei figli molto giovani, a loro piacerà sicuramente molto.

    ha scritto il 

  • 2

    Più che un romanzo, una serie di racconti lunghi a malapena attaccati a un intreccio quasi invisibile. Bradbury tratteggia una sorta di famiglia Addams al netto del grottesco e dell'eccesso, priva qui ...continua

    Più che un romanzo, una serie di racconti lunghi a malapena attaccati a un intreccio quasi invisibile. Bradbury tratteggia una sorta di famiglia Addams al netto del grottesco e dell'eccesso, priva quindi di fascino e mordente. Si arriva alla fine a fatica.

    ha scritto il 

  • 2

    Ritornati dalla polvere è una specie di mix tra La famiglia Addams, Carletto il principe dei mostri e Bem il mostro umano (che quando è stato messo in onda in Italia per la prima volta avevo poco più ...continua

    Ritornati dalla polvere è una specie di mix tra La famiglia Addams, Carletto il principe dei mostri e Bem il mostro umano (che quando è stato messo in onda in Italia per la prima volta avevo poco più di nove anni e a metà della sigla iniziale mi ero già completamente cagato addosso) solamente non all'altezza dei tre cartoni animati e a tratti noioso e discontinuo.

    ha scritto il