Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ritratto di donna in cremisi

Stoccolma 1880. Una storia d'amore.

Di

Editore: Sperling & Kupfer

3.9
(296)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 448 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Svedese , Tedesco , Danese , Ceco , Finlandese

Isbn-10: 8820050994 | Isbn-13: 9788820050993 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Roberta Nerito

Disponibile anche come: eBook , Paperback

Genere: Fiction & Literature , History , Romance

Ti piace Ritratto di donna in cremisi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In una Stoccolma torbida di intrighi e segreti, un’eroina moderna e indimenticabile e un protagonista maschile che farà innamorare le lettrici.

Stoccolma, Teatro dell’Opera, dicembre 1880. Lei è Beatrice Lowenstrom, una ragazza dai meravigliosi capelli rosso fuoco prigioniera della sua famiglia adottiva e delle loro rigide convenzioni borghesi. Lui è il carismatico Seth Hammerstaal, lo scapolo più discusso della città, affascinante e inaffidabile, che non ha mai vissuto secondo gli schemi.
Una sera, a teatro, le loro strade si incrociano per non separarsi mai più: Seth è incantato dall’intelligenza e dal fascino di Beatrice, una donna che non assomiglia a nessun’altra, e il loro sarà un amore complicato e fatale, unico e folle, capace di resistere agli spietati intrighi messi in atto dalla famiglia di Beatrice per separarli.
Ordina per
  • 5

    Stoccolma, 1800… Beatrice, bellissima fanciulla dai lunghi capelli rossi, a seguito della morte dei genitori, vive con lo zio e i cugini. La sua vita è un dolore continuo a causa dei continui soprusi ...continua

    Stoccolma, 1800… Beatrice, bellissima fanciulla dai lunghi capelli rossi, a seguito della morte dei genitori, vive con lo zio e i cugini. La sua vita è un dolore continuo a causa dei continui soprusi costretta a patire, non da ultimo il matrimonio forzato per salvare il destino dell’adorata cugina Sofia. L’incontro con Seth Hammerstaal, scapolo d’oro, amante delle belle donne, è destinato a cambiare irrimediabilmente il corso della storia. Tra momenti romantici, passioni, dolori e lacrime, la giovane Beatrice prova a scrivere il suo destino di donna.

    “Beatrice si lasciò trascinare nel suo abbraccio. Poter stare con lui una sola volta, potersi sentire desiderata per quello che era davvero era tutto ciò che credeva.”

    Il romanzo è uno spaccato sociale della società ottocentesca, un mondo ricco di contraddizioni e ingiustizie. Le donne sono presentate come figure secondarie, le quali, pur volendo essere protagoniste indiscusse delle vicende, vengono inevitabilmente relegate nell’angolo.

    Beatrice è la figura principe dell’intera opera. Donna testarda, forte e allo stesso tempo debole, non esita a sacrificare se stessa per amore della cugina andando incontro a un matrimonio sbagliato, organizzato dalla famiglia per liberarsi di lei. È una figura sulla quale riflettere, quella di Beatrice, emblema di tutte quelle donne costrette a vivere un’esistenza passiva, senza alcuna possibilità di decidere del proprio destino… eppure Beatrice a suo modo si ribella ed è pronta a pagarne le conseguenze. Davvero un personaggio ben riuscito dal punto di vista storico e narrativo.

    Seth, il protagonista maschile, è un personaggio davvero ambiguo. In un primo momento agli occhi del lettore appare come l’eroe negativo, il nobile amante delle frivolezze, seduttore incallito, mentre nel corso della narrazione viene rivalutato divenendo il salvatore della situazione.

    L’autrice si serve di uno stile semplice per rendere il romanzo accessibile a un pubblico eterogeneo, ricco di dialoghi e momenti di grande passione erotica. Fedele è anche il contesto storico sul quale ella non si dilunga ma offre un buon assaggio, quel tanto che basta a inquadrare le vicende narrate.

    In un primo momento il romanzo lascia il lettore in punta di piedi, un po’ estraneo alla vicenda ma poi, man mano che la narrazione prosegue, aumenta il coinvolgimento emotivo ed egli resta a bocca aperta dinanzi ai numerosi colpi di scena, patteggiando per la “vittoria” del coraggioso potere femminile.

    Un romanzo storico ben riuscito, un’ottima lettura, una buona occasione di fare storia.

    ha scritto il 

  • 5

    Davvero bello,ricordo di averlo letto in un freddo inverno,momento che si sposa bene con le ambientazioni nordiche e innevate del libro. Una storia d'amore coinvolgente senza essere troppo stucchevole ...continua

    Davvero bello,ricordo di averlo letto in un freddo inverno,momento che si sposa bene con le ambientazioni nordiche e innevate del libro. Una storia d'amore coinvolgente senza essere troppo stucchevole che è il genere che preferisco. L'ho finito velocemente tanto mi ha preso. Bellissimi lo sfondo storico e i luoghi in cui si svolge la trama.

    ha scritto il 

  • 4

    Ho dato a questo libro 4 stelle perché mi ha fatto ritornare ai tempi dei miei 14 anni, quando leggevo libri romantici, rammaricandomi che non fossero un po' più espliciti nelle descrizioni delle scen ...continua

    Ho dato a questo libro 4 stelle perché mi ha fatto ritornare ai tempi dei miei 14 anni, quando leggevo libri romantici, rammaricandomi che non fossero un po' più espliciti nelle descrizioni delle scene amorose. Quando poi casualmente nella lettura mi capitava di imbattermi in qualche riferimento leggermente più inquietante nella sua volutamente impenetrabile e ambigua descrizione, ricordo che rileggevo più e più volte il pezzo, senza riuscire a capire molto, ma intuendo che in quelle frasi c'era descritto quello che cercavo di capire e che rimaneva oscuro ma capace di provocarmi turbamento. Ecco questo è il libro che avrei voluto leggere a quell'età, ma che ancora non era stato scritto e solo per questo motivo l'ho valutato così generosamente....

    ha scritto il 

  • 4

    Molto carino

    Non avevo alcuna aspettativa quando l'ho inziato a leggere e quindi non sono stata né delusa né mi aspettavo di trovare una nuova e giovane J.Austen come invece avevano scritto e né mi aspettavo di le ...continua

    Non avevo alcuna aspettativa quando l'ho inziato a leggere e quindi non sono stata né delusa né mi aspettavo di trovare una nuova e giovane J.Austen come invece avevano scritto e né mi aspettavo di leggere un capolaro.

    E' un buon libro, un romanzo rosa (genere che non sono abituata a leggere) che ho apprezzato grazie anche alla scrittura scorrevole, ai battibecchi tra i due amanti e alla trama che tutto sommato non mi è dispiaciuta.

    I due protagonisti, Beatrice e Seth, sono belli da togliere il fiato, a quanto pare, e tra loro nasce subito un'attrazione fisica che da passione andrà, verso la fine della storia, a traformarsi in amore.
    Una storia travagliata che tra inganni, invidie, bugie, incomprensioni e tradimenti si risolverà, come sempre, con il solito lieto fine. (Ma a sta povera fanciulla qualcosa di buono doveva pur capitare alla fine no?!)

    ha scritto il 

  • 4

    Una travolgente storia d'amore!

    Cosa mi è piaciuto di più di questo romanzo? I protagonisti e il modo in cui si approcciano al loro amore. Non ci sono pezzi melensi da romanzo rosa, questo amore viene raccontato in tutte le sue tint ...continua

    Cosa mi è piaciuto di più di questo romanzo? I protagonisti e il modo in cui si approcciano al loro amore. Non ci sono pezzi melensi da romanzo rosa, questo amore viene raccontato in tutte le sue tinte, anche le più crude. I protagonisti sono forti, vivono anche uno senza l'altro, non si affossano nella commiserazione. Molto bella anche la suggestiva ambientazione svedese. Insmma, un romanzo che vale la pena leggere!

    ha scritto il 

  • 5

    Una nuova passione......Simona Ahrnstedt.

    C'è chi la definisce la Jane Austen svedese.....be' io amo i libri della Austen....ma questa mi a preso davvero tanto , non riuscivo a smettere di leggere , mi arrabbiamo con la scrittrice e avrei vol ...continua

    C'è chi la definisce la Jane Austen svedese.....be' io amo i libri della Austen....ma questa mi a preso davvero tanto , non riuscivo a smettere di leggere , mi arrabbiamo con la scrittrice e avrei voluto chiudere il libro e non andare avanti , non poteva dividere Beatrice e Seth , ma poi l entusiasmo riprendeva a pieno ritmo e così fino alla fine. Anche i libri di Jane Austen mi hanno preso fino alla fine , ma non come questo , qui c'è di più secondo me.....sono già alla ricerca del suo secondo libro...
    Quando un libro mi appassiona tanto e mi suscita emozioni contrastanti alla fine in me cresce un energia davvero stupefacente....questo è il risultato : 5 stelle.

    ha scritto il 

  • 5

    Un romanzo d'amore non mi prendeva così tanto dai tempi di "Via col vento".
    Iniziato a leggere per caso, questo libro mi ha praticamente travolta dalla prima all'ultima pagina. Il copione è banale, il ...continua

    Un romanzo d'amore non mi prendeva così tanto dai tempi di "Via col vento".
    Iniziato a leggere per caso, questo libro mi ha praticamente travolta dalla prima all'ultima pagina. Il copione è banale, il classico amore contrastato, ma prende il lettore parola dopo parola trascinandolo in un vortice di passione, la stessa che travolge i due protagonisti. Seth e Beatrice scoprono di amarsi e tra inganni, costrizioni e tradimenti che li terranno separati negli anni riusciranno finalmente a realizzare il loro sogno d'amore circondati dall'affetto degli amici. La scrittura non è particolarmente ricercata, come ci si aspetterebbe da un romanzo ambientato nel '800 e questo fa sì che non risulti pesante, il libro si lascia leggere scorrevolmente e velocemente.
    Consigliatissimo a tutti gli animi romantici, che amano le storie difficili, ma a lieto fine.

    ha scritto il 

Ordina per