Ritrovarsi a Parigi

di | Editore: Fazi
Voto medio di 63
| 24 contributi totali di cui 14 recensioni , 10 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Dopo la morte della madre, Pierre Fauré lascia Parigi per trascorrere il mese d’agosto in Provenza da François, un vecchio amico ritrovato per caso. L’incontro con la foresta, i suoi sentieri, la sua luce, la sua immutabilità e il suo silenzio fa int ...Continua
Ha scritto il 19/01/18
Titolo e copertina fanno pensare subito a una storia d'amore e Parigi è da sempre una cornice perfetta per gli innamorati. Di amore in queste pagine ce n'è tanto, ma non di quello classico o che ci si aspetterebbe. Le prime pagine scorrono veloci, co ...Continua
  • 3 mi piace
Ha scritto il 18/12/17
Primo approccio con Gazdanov.
Sufficiente.
Mi aspettavo qualcosa in più dato che, anche a questo giro, ho acquistato entrambi i suoi lavori editi da Fazi Editore sulla fiducia, appunto, di quest'ultima.
Quest'autore e la sua vita sono
...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 24/08/17
Non mi è piaciuto. Inconsistente, farraginoso, bruttino proprio. La copertina non ci azzecca per nulla, ma dico, i signori delle copertine li leggono i libri?
Ha scritto il 07/02/17
Bello. Un uomo comune, il tipico uomo medio, senza grandi aspirazioni. Solo il desiderio di sentirsi utile. Che ad un certo punto della sua vita ormai avvizzita realizza in una maniera contemporaneamente semplice e straordinaria. Come semplice e stra ...Continua
Ha scritto il 22/11/16
Vicenda particolare, a volte coinvolgente perché costruisce qualche tensione psicologica nel lettore che lo spinge a scoprire di più non il fatto quanto l'interiorità del personaggio. Una forma narrativa piana, ma "passé", nella sintassi così come ne ...Continua

Ha scritto il Sep 13, 2016, 09:26
In effetti sono i nostri sforzi per raggiungere l'obiettivo che danno un senso profondo alla nostra esistenza. L'obiettivo è raggiunto - e poi?
Pag. 85
Ha scritto il Sep 13, 2016, 09:24
La storia dell'umanità è una storia di prodezze e di crimini: è la Bibbia, è Attila, è Ivan il Terribile, è Napoleone, sinistri fantasmi il cui tempo è ormai passato... Entriamo nell'era del trionfo della mediocrità: decine di milioni di uomini avran ...Continua
Pag. 85
Ha scritto il Sep 11, 2016, 12:32
La felicità è ciò che l'uso non può logorare.
Pag. 43
Ha scritto il Jul 25, 2016, 14:36
«E se fosse necessario ricominciare, sapendo che lei mi verrà a cercare, non esiterei un secondo». «Nemmeno io esiterei un secondo».
Pag. 127
Ha scritto il Jul 25, 2016, 14:31
«Bevo», esordì, «a chi crede nei miracoli. A ciò che sembra assurdo e alla vittoria di questo assurdo sul reale. Bevo all’invincibile potenza dei sentimenti irrazionali e aberranti, quei sentimenti che sono, da ogni punto di vista, incompatibili col ...Continua
Pag. 115

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi