Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Rock Springs

By Brice Matthieussent,Richard Ford

(1)

| Others | 9782020622202

Like Rock Springs ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

28 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Troppo americano

    Fatica tanta e non solo mia ma anche dei personaggi che faticano ad andare avanti tra desolazione, solitudine e incomunicabilità.

    Is this helpful?

    Zorka said on Sep 8, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    I cieli infiniti del Montana, i vasti spazi dell'America e tante storie di abbandoni, solitudini, momenti in cui si stanno rimettendo insieme i pezzi di una vita raffazzonata andata un po' a catafascio. I protagonisti di questa antologia sono persone ...(continue)

    I cieli infiniti del Montana, i vasti spazi dell'America e tante storie di abbandoni, solitudini, momenti in cui si stanno rimettendo insieme i pezzi di una vita raffazzonata andata un po' a catafascio. I protagonisti di questa antologia sono persone infelici, zoppicanti, ferite, malinconiche, che stanno provando a tirarsi su. Non sanno dove andranno e come faranno, ma ci provano.
    Sono racconti bellissimi e profondamente struggenti, piccole gemme che parlano di bellezza e di squallore, di punti di partenza da cui ricominciare. Mi ha ricordato il miglior Carver.

    Is this helpful?

    Cicely said on Aug 30, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    meglio i suoi romanzi!

    Già è difficile, in linea generale, apprezzare i racconti (che, essendo brevi romanzi, o sono davvero compiuti, o sembrano aborti); già è abbastanza duro Richard Ford di suo verso la società americana a cui appartiene (peggio di Delillo e Franzen mes ...(continue)

    Già è difficile, in linea generale, apprezzare i racconti (che, essendo brevi romanzi, o sono davvero compiuti, o sembrano aborti); già è abbastanza duro Richard Ford di suo verso la società americana a cui appartiene (peggio di Delillo e Franzen messi assieme),.. quindi, lasciate perdere questi racconti, che hanno in sé poco "spring" (primavera) e molto, direi TROPPO "rock" (scoglio, pietra dura). convinti?

    Is this helpful?

    ghiro said on Aug 6, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    “Sogni mai che uno che conosci ti porta dentro un fiume e proprio quando l’acqua ti arriva alle ginocchia metti il piede in una buca e vai sotto? Poi salti su nel sonno, tanto grande è la paura?”. Dieci storie per la mia prima lettura di Richa ...(continue)

    “Sogni mai che uno che conosci ti porta dentro un fiume e proprio quando l’acqua ti arriva alle ginocchia metti il piede in una buca e vai sotto? Poi salti su nel sonno, tanto grande è la paura?”. Dieci storie per la mia prima lettura di Richard Ford. Dieci storie dell’America rurale, per lo più Montana, da Rock Springs – un’ignobile città piena di delitti e di puttane e di delusioni, il posto dove una donna mi aveva abbandonato - a Spokane, da Victory a Havre, a Great Falls. Nomi che dicono poco o nulla ma che raccontano di un’America di agenti immobiliari, ferrovieri, addetti a basi militari, allevatori, vagabondi, ladri d’auto. Mi ero trovato una buona macchina, una Mercedes color mirtillo rubata nel parcheggio di un oftalmologo a Whitefish, nel Montana.
    Sono storie di famiglie disgregate, di coppie scoppiate, di figli abbandonati, di amanti occasionali, di ex mariti o ex mogli che ricompaiono dopo tanto tempo e ovviamente trovano il loro posto occupato.
    …è la vita, la mediocrità della vita, una freddezza che c’è in ognuno di noi, un’impotenza che ci porta a fraintendere la vita quando è pura e semplice, che fa sembrare la nostra esistenza un confine tra due nulla, e che ci fa essere né più né meno come animali che s’incontrano per la strada: guardinghi, inesorabili, privi di pazienza e di desiderio.
    Credo che questa lunga frase del protagonista del racconto Great Falls, un uomo che decenni dopo ripercorre la storia della sua famiglia che si è spaccata quando lui era tredicenne, sintetizzi bene lo spirito di questa raccolta di racconti, pubblicati la prima volta nel 1987. Di mezzo ci sono sempre ragazzi, che diventeranno grandi e ripeteranno gli stessi errori dei loro genitori.
    E quanti anni avevo, allora? Sedici. A sedici sei un ragazzo, ma puoi anche essere un adulto. Oggi ne ho quarantuno, e penso a quel tempo senza rimpianti, anche se io e mia madre in quel modo non parlammo mai più, e io non ho sentito la sua voce già da molto, molto tempo.
    Libro propedeutico alla lettura dei romanzi del pluripremiato Ford. L’ultimo pubblicato, Canada, è già lì che attende.

    Is this helpful?

    Riccardo Caldara said on Jul 22, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ora so che la verità, tutta la verità di una cosa, è un'idea che cessa di esistere, alla fine.

    Is this helpful?

    Luca Leone said on Jun 24, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book