Romagna mia!

Voto medio di 111
| 56 contributi totali di cui 28 recensioni , 28 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
"Non avrei mai potuto scrivere questo racconto della mia Romagna senza gli anni di studio forsennato ai tavolini del Bar di Sopra, a Casola Valsenio (Paese dei Matti, di Alfredo Oriani, delle Erbe Aromatiche e dei Frutti Dimenticati). Mi sono ... Continua
Ha scritto il 12/10/16
La Romagna del ventesimo raccontata attraverso i ricordi di un autore, romagnolo DOC, nato nel 1974.
Libro piacevole, simpatico, nel complesso divertente e spontaneo.
Ha scritto il 15/06/14
ho letto di meglio; l'autore mi piace, i suoi libri divertono e inteneriscono, ma questo mi sembra troppo compiaciuto e dalla visuale ristretta: troppo odore di campanilismo??
Ha scritto il 27/11/13
C'e' poco da aggiungere. Ci si spatacca: i romagnoli son cosi'...cio'
Ha scritto il 27/11/13
C'e' poco da aggiungere:i romagnoli son proprio cosi'....cio'
Ha scritto il 31/10/13
Fenomenologia del romagnolo stesa con accuratezza quasi scientifica e partecipazione emotiva e sentimentale totale. Cavina riesce a riempire i luoghi comuni sulla Romagna del senso antropologico del quale forse ci siamo dimenticati e che trasforma ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • 1 commento

Ha scritto il Jun 05, 2013, 17:02
In inverno mio zio iniziò a proiettare i film porno nella sala interrata del Bar di Sopra, e l'anno dopo, in estate, mi sentii pronto per spiccare il grande salto; del resto non potevo continuare ad occupare per ore il gabinetto di casa, anche ... Continua...
Pag. 79
Ha scritto il Jun 05, 2013, 16:59
Per molto tempo ho pensato che Dai Dunque fosse il mio nome e Oh Te il cognome.
Pag. 63
Ha scritto il Jun 05, 2013, 16:51
Ed esiste un solo metodo infallibile per riconoscerci all'istante. Basta fare caso a come parliamo. Non tanto all'inflessione dialettale, ma alle sfumature dell'italiano. Se parlate con qualcuno che dice: "Ho rimasto", ecco, allora siete di fronte a ... Continua...
Pag. 21
Ha scritto il Jun 05, 2013, 16:47
Qua non si raccontano delle storie: qua ti dicono dei fatti.
"At dègh un fat": è il nostro C'era una volta.
Pag. 12
Ha scritto il Jun 05, 2013, 16:45
Fanno tutti così, i nostri vecchi. Funzionano che è una meraviglia finchè hanno da trafficare con la terra o con l'orto, ma appena si staccano un centimetro dal campo si spengono; appassiscono proprio come farebbe qualsiasi vitigno.
Pag. 7

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi