Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Rubyfruit Jungle

By

Publisher: Bantam

4.0
(128)

Language:English | Number of Pages: 256 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 055327886X | Isbn-13: 9780553278866 | Publish date:  | Edition Reissue

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Gay & Lesbian

Do you like Rubyfruit Jungle ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Rubyfruit Jungle is the first milestone novel in the extraordinary career of one of this country's most distinctive writers. Bawdy and moving, the ultimate word-of-mouth bestseller, Rubyfruit Jungle is about growing up a lesbian in America – and living happily ever after.

Born a bastard, Molly Bolt is adopted by a dirt-poor Southern couple who want something better for their daughter. Molly plays doctor with the boys, beats up Leroy the tub and loses her virginity to her girlfriend in sixth grade.

As she grows to realize she's different, Molly decides not to apologize for that. In no time she mesmerizes the head cheerleader of Ft. Lauderdale High and captivates a gorgeous bourbon-guzzling heiress.

But the world is not tolerant. Booted out of college for moral turpitude, an unrepentant, penniless Molly takes New York by storm, sending not a few female hearts aflutter with her startling beauty, crackling wit and fierce determination to become the greatest filmmaker that ever lived.

Critically acclaimed when first published, Rubyfruit Jungle has only grown in reputation as it has reached new generations of readers who respond to its feisty and inspiring heroine.
Sorting by
  • 4

    Un libro che si fa leggere con grande piacere. La protagonista, Molly Bolt, si lascia amare per la sua determinazione, sfrontatezza, caparbietà, ironia e indipendenza. Il tutto ambientato nell'America tra gli anni '50 e '70.

    said on 

  • 5

    Semplicemente, Molly Bolt

    Molly Bolt è un personaggio unico. Sa quello che vuole, sa chi è, sa dove sta andando e soprattutto sa come arrivarci. Affronta un sacco di cose nella sua vita, ma al di là di tutto ha una grande forza interiore che le fa superare tutti i pregiudizi con cui l'hanno allevata, le fa superare l'affe ...continue

    Molly Bolt è un personaggio unico. Sa quello che vuole, sa chi è, sa dove sta andando e soprattutto sa come arrivarci. Affronta un sacco di cose nella sua vita, ma al di là di tutto ha una grande forza interiore che le fa superare tutti i pregiudizi con cui l'hanno allevata, le fa superare l'affetto negato di una famiglia, le fa superare le varie delusioni d'amore e non. Perché nonostante tutto, quello che conta è vivere la propria vita secondo i propri desideri e passioni. Questo romanzo ha diverse cose da insegnare ma fa soprattutto sorridere: se non avete voglia di riflettere sopra quello che è Molly Bolt e a quello che vuole trasmettervi, leggetelo semplicemente per farvi qualche risata. La sua freschezza vi conquisterà.

    said on 

  • 5

    L’infanzia e la giovinezza di una ragazza lesbica che scappa dal suo paesino dell’Illinois per rifugiarsi a New York, e lì trovare la propria strada. E’ divertente da morire, la protagonista è un personaggio profondamente ironico, forte, indipendente e candido nei suoi desideri così innocenti di ...continue

    L’infanzia e la giovinezza di una ragazza lesbica che scappa dal suo paesino dell’Illinois per rifugiarsi a New York, e lì trovare la propria strada. E’ divertente da morire, la protagonista è un personaggio profondamente ironico, forte, indipendente e candido nei suoi desideri così innocenti di amare altre ragazze, avere gli stessi diritti degli uomini e fare sempre quello che vuole (in fin dei conti, ha solo ragione). Ho adorato la sua schiettezza, la sua ingenuità, le sue vendette perfide e le sue risposte pronte, semplici e disarmanti. Bellissime le atmosfere e aggiungendo che è ambientato tra gli anni ’50 e i ’70 la forza del romanzo è ancora di più grande portata.

    said on 

  • 3

    La giungla della Vita

    Bisogna avere fegato. Fegato per portare avanti quello che si è, quello in cui si crede e fegato per trovare il dolore e la paura stimolanti. Ed è un bisogno, prima di essere un dovere che dobbiamo a noi stessi, cercare di ottenere quello che vogliamo, che desideriamo dal profondo, coscienti dell ...continue

    Bisogna avere fegato. Fegato per portare avanti quello che si è, quello in cui si crede e fegato per trovare il dolore e la paura stimolanti. Ed è un bisogno, prima di essere un dovere che dobbiamo a noi stessi, cercare di ottenere quello che vogliamo, che desideriamo dal profondo, coscienti dell'avversione esterna. Questo libro parla dell'ostinazione lucida e razionale del voler essere donna in un mondo di soli uomini, del voler essere di più di quanto le proprie origini possono far sperare, del voler buttare giù i muri della mesta rassegnazione. Con cinismo. Con rabbia. Ma anche con rancore. Il ranconre che nasce e cresce nel corso degli anni, nel corso di una vita che ti fa non solo sudare i meriti ma ti sommerge con ingiustificate pretese sessiste. Un libro da leggere, un libro su cui soffermarsi, e dal quale trarre spunto per buttarsi a capofitto e testa alta nei propri progetti. Attenzione però a non farsi schiacciare.

    said on 

  • 2

    .....partendo dal fatto che l'inizio non mi aveva molto entusiasmata; è una storia interessante che mostra le diversità fra uomo e donna negli anni centrali del 1900. La protagonista è, decisamente, una che sa il fatto suo ed alla fine non puoi che apprezzarla per la sua integrità e coerenza. Nel ...continue

    .....partendo dal fatto che l'inizio non mi aveva molto entusiasmata; è una storia interessante che mostra le diversità fra uomo e donna negli anni centrali del 1900. La protagonista è, decisamente, una che sa il fatto suo ed alla fine non puoi che apprezzarla per la sua integrità e coerenza. Nel complesso mi è piaciuto! ^__^

    said on 

  • 3

    Divertente, molto ben costruito, soprattutto tutta la parte nelle campagne dell'Illinois, quando lei racconta i ricordi di bambina, i giochi, le esplorazioni, il tempo passato insieme agli altri ragazzini, lì dove i rapporti di forza fra individui cominciano a formarsi e i ruoli sociali iniziano ...continue

    Divertente, molto ben costruito, soprattutto tutta la parte nelle campagne dell'Illinois, quando lei racconta i ricordi di bambina, i giochi, le esplorazioni, il tempo passato insieme agli altri ragazzini, lì dove i rapporti di forza fra individui cominciano a formarsi e i ruoli sociali iniziano a prendere forma.
    Tutto ha un taglio femminista, più che propriamente lesbico: si parte dal dopo seconda guerra mondiale, e nelle aree rurali americane non era certo una meraviglia per le donne. E’, in definitiva, la storia di una emancipazione femminile.
    E' intressante anche lo spaccato d’epoca su New York e il circolo di intellettuali/oidi che anima la città, ma si capisce che il corpo reale dell’america è lì, nel grande ventre delle campagne senza fine.
    I dialoghi sono molto belli.

    said on