Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Rumble Bee

Romanzo

Di ,

Editore: Agenzia X

3.6
(36)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 304 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8895029518 | Isbn-13: 9788895029511 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Rumble Bee?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Traduttori, grafici, correttori di bozze, direttori di collana e magazzinieri. Tutto il settore dell’editoria è sceso in piazza scontrandosi con la polizia.

La crisi divora anche le ultime certezze e Malcolm lo sa bene. Da anni occupa un ambiguo ruolo nell’editoria indipendente, a metà tra lo scrittore e lo standista. A peggiorare la sua condizione sopraggiunge l’innamoramento per una donna ricca e irraggiungibile.
Deciso a inseguire la rivolta, coinvolge una banda di amici senza scrupoli a lanciarsi in avventure grottesche e tragicomiche. Come sciami d’api, colpiranno i punti nevralgici di un immaginario ribelle che aspetta solo la scintilla giusta per esplodere.
Rumble Bee è un romanzo in presa diretta, che nasce dai racconti orali e dai sogni alterati ma profetici dei due autori. Narra le convulsioni di un mondo sull’orlo del precipizio, dal terremoto in Abruzzo fino alle code davanti alla Deutsche Bank in fallimento, da una Londra in fiamme a un traffico internazionale di cani pregiati. Dalle cavalcate a dorso di cammello in Egitto a quelle in renna al controvertice di Copenaghen. Dagli scontri del 14 dicembre 2010 a Roma fino all’insurrezione totale in arrivo al prossimo Salone del libro di Torino.

Il Duka è l’ironico bardo della controcultura romana. Ha pubblicato I hate music e Roma k.o.
Marco Philopat è agitatore culturale e scrittore. Ha pubblicato: Costretti a sanguinare, La banda Bellini, I viaggi di Mel, Lumi di punk e Roma k.o.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Last Gang in Town

    Mi è piaciuto, divertente e non banale.
    Fa impressione che persino quelli con 10 anni meno di me siano già
    nostalgici....
    C'è dentro il mondo dei centri sociali, semplificando molto, e il mondo della piccola editoria, e tante altre cose.
    Ho l'impressione che l'idea del mon ...continua

    Mi è piaciuto, divertente e non banale.
    Fa impressione che persino quelli con 10 anni meno di me siano già
    nostalgici....
    C'è dentro il mondo dei centri sociali, semplificando molto, e il mondo della piccola editoria, e tante altre cose.
    Ho l'impressione che l'idea del mondo che sembra vero ma è sognato,anche nei toni,sia presa abbastanza di peso dall'ultimo Lethem, Chronic City, e non a caso l'autore USA fa la sua comparsa a Torino, al salone del libro, teatro di una spettacolare e onirica mini-rivoluzione.
    Pieno di citazioni intertestuali, comunque una scrittura non seriosa, divertente, poco italiana, oserei dire.

    colonna sonora: The Clash - Give'em enough rope
    Joe Strummer era uno che si sognava rivoluzioni soprattutto dove non c'erano..

    Last Gang in Town -->

    Everybody's looking for last gang in town
    You better watch out for they're all comin' around

    The sport of today is exciting
    The in crowd are into infighting
    When some punk sees some rock-olla
    It's rock and roll all over
    In every street and every station
    Kids fight like different nations
    And it's brawn against brain
    And it's knife against chain
    But it's all young blood
    Flowing down the drain

    The Crops hit the Stiffs
    An' the Spikes whipped the Quiffs
    They're all looking 'round

    For the last gang in town

    Meanwhile down in black town
    Those old soul rebels are haingin' around
    An' when some punk come alooking for sound
    Rastaferi goes to ground
    The white heart flipped his pocket dipped
    'Cos a black sharp knife never slips
    And they never say to one antoher
    That tomorrow we might kill our brothers

    Down from the edge of London
    The rockabily rebels came
    From another edge of London
    Skinhead gangs call out their name
    But not the Zydeco kids
    From the high rise
    Though they can't be recognized
    When you hear a cajun fiddle
    Then you're nearly in the middle
    Of the last gang in town

    ha scritto il 

  • 4

    Sorprendente questo Rumble Bee. Mi sbilancerei quasi a dire che si tratta di un nuovo modo, in Italia, di raccontare il reale. La fantasia irrompe nelle trame di questo libro. Malcom è uno standista/scrittore ed ex militante politico che ha superato i 40 anni senza abbandonare la voglia di partec ...continua

    Sorprendente questo Rumble Bee. Mi sbilancerei quasi a dire che si tratta di un nuovo modo, in Italia, di raccontare il reale. La fantasia irrompe nelle trame di questo libro. Malcom è uno standista/scrittore ed ex militante politico che ha superato i 40 anni senza abbandonare la voglia di partecipare a manifestazioni, alle lotte sociali. Lui e un folto gruppo di curiosi personaggi organizza un piano degno di uno stratega per finanziare una particolare manifestazione al salone del libro di Torino. Da Torino a Copenhagen, dall'Egitto a Londra, c'è un po' tutto quello che è successo negli ultimissimi anni, finendo in quel 14 Dicembre 2010 che per molti è stato un disastro e per molti altri un segno dei tempi che cambiano e il risveglio del Rumble Bee. L'ape che da sola muore ma in sciame può cambiare il mondo.

    ha scritto il 

  • 4

    "La repressione che stiamo subendo non mira a distruggerci, ma a renderci facilmente identificabili. L'esasperazione, l'accerchiamento, la provocazione. Hanno bisogno di decodificare, classificare, inventare figure ribelli, per poi sbatterle in prima pagina e così mantenere il resto della popolaz ...continua

    "La repressione che stiamo subendo non mira a distruggerci, ma a renderci facilmente identificabili. L'esasperazione, l'accerchiamento, la provocazione. Hanno bisogno di decodificare, classificare, inventare figure ribelli, per poi sbatterle in prima pagina e così mantenere il resto della popolazione nell'ignoranza."

    ha scritto il 

  • 3

    Faccio movimento per il movimento

    Cantavano così Assalti Frontali.
    E il protagonista di questo romanzo lo fa per sopravvivere e per sfogare la propria rabbia.
    Un romanzo carino e senza pretese.

    La mia recensione:
    http://opinionista.noblogs.org/post/2011/06/01/rumble-bee/

    ha scritto il