Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Rumore bianco

La biblioteca di Repubblica - Novecento, 61

By Don DeLillo

(733)

| Hardcover | 9788496142015

Like Rumore bianco ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Una nube tossica di incerta natura e provenienza compare improvvisamente su una città americana, i cui abitanti sono costretti a una frettolosa evacuazione. E nel momento dell'emergenza la rassicurante facciata di efficienza ipertecnologica e di feli Continue

Una nube tossica di incerta natura e provenienza compare improvvisamente su una città americana, i cui abitanti sono costretti a una frettolosa evacuazione. E nel momento dell'emergenza la rassicurante facciata di efficienza ipertecnologica e di felicità consumistica va d'un tratto in mille pezzi, con effetti spesso esilaranti. La famiglia del protagonista Jack Gladney, professore di studi hitleriani nel campus universitario della città, diviene con le sue vicissitudini l'emblema di una civiltà ormai esausta, che ha affidato agli oggetti il compito di coprire il vuoto di idee, di valori, di aspirazioni su cui drammaticamente poggia, e da cui viene risucchiata non appena qualche elemento del sistema comincia a incepparsi, a deviare da una strada che pareva tracciata per l'eternità.

Pubblicato nel 1985, Rumore bianco è unanimemente considerato il frutto più maturo delle problematiche sociali e culturali legate al post-moderno: sostenuto da un forte impegno etico e da una presa violentemente sarcastica su una realtà franta, disumanizzata, per molti versi incomprensibile, il romanzo disegna un affresco impietoso e indimenticabile dell'America contemporanea, fatto di stupidità, di miseria morale, di inconsapevolezza profonda, che gli afflati apocalittici di pochi, stanchi e inascoltati profeti di sventure non valgono certo a riscattare. È una sorta di radiografia del deserto quotidiano, illuminata tuttavia da una scrittura duttile e vivacissima, che rende sempre nuovi e affascinanti i dolenti sberleffi che le danno alimento.

392 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Bellissimo. É il primo libro di DeLillo che leggo. Il tema della morte e della sua attesa, la paura della morte e tutto il modo di vivere americano, a tratti incredibile, parodia di se stesso. Un must per gli appassionati della folle cultura USA.

    Is this helpful?

    Gaetanozizzo said on Aug 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Classico postmoderno

    Capolavoro della letteratura post-moderna, romanzo preveggente vista la sua pubblicazione nel 1985, mette a nudo le fobie e i mali della nostra epoca, l'inquinamento chimico, l'alienazione moderna, il consumismo, l'incessante e superfluo flusso di da ...(continue)

    Capolavoro della letteratura post-moderna, romanzo preveggente vista la sua pubblicazione nel 1985, mette a nudo le fobie e i mali della nostra epoca, l'inquinamento chimico, l'alienazione moderna, il consumismo, l'incessante e superfluo flusso di dati, il rumore bianco che ci frastorna e avvolge la nostra quotidianità ma che ci lascia soli e fragili nell'affrontare la paura più essenziale: quella della morte.

    Is this helpful?

    elettra said on Aug 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    [...] La paura è autocoscienza portata a un livello più elevato. [...] E la morte? -chiesi. - L'io, l'io, l'io
    Se la morte potesse essere vista come un fatto meno strano e privo di riferimenti, il tuo senso dell'io in rapporto con essa diminuirebbe, ...(continue)

    [...] La paura è autocoscienza portata a un livello più elevato. [...] E la morte? -chiesi. - L'io, l'io, l'io
    Se la morte potesse essere vista come un fatto meno strano e privo di riferimenti, il tuo senso dell'io in rapporto con essa diminuirebbe, e con esso anche la paura. - Ma che cosa posso fare per renderla meno strana? Come ci arrivo? -Non lo so. - Devo rischiare la morte correndo in auto su una strada piena di curve? [...] - Penso che quello che dovresti fare jack sia dimenticare la medicina contenuta in quella pastiglia. Non c'è cura x questo male. Aveva ragione. Avevano ragione tutti. Continuare la mia vita, tirare su i miei figli, insegnare ai miei studenti. [...] - Continuo a essere triste, Winnie, ma tu hai dato alla mia tristezza una ricchezza e profondità mai conosciute prima. [...]

    Is this helpful?

    Meloanto75 said on Jul 14, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Un libro da leggere, un libro per darsi delle priorità e per dare il giusto valore alle cose. E forse da contestualizzare in un momento storico in cui c'è bulimia di tutto tranne che di realtà. Da pelle d'oca.

    Is this helpful?

    utti said on Jul 4, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Ossessioni

    Sono veramente dispiaciuta per questo scarso giudizio perché é indubbio che DeLillo sia uno scrittore con tutti i crismi. Ma..
    ma sono delusa. In primo luogo mi era stato spacciato come romanzo distopico. La distopia, qui, è, invece, solo un espedien ...(continue)

    Sono veramente dispiaciuta per questo scarso giudizio perché é indubbio che DeLillo sia uno scrittore con tutti i crismi. Ma..
    ma sono delusa. In primo luogo mi era stato spacciato come romanzo distopico. La distopia, qui, è, invece, solo un espediente narrativo che dà l'occasione per poter parlare della paura della morte. L'episodio che fa credere l'imminente avverarsi di uno scenario apocalittico (e quindi uno svolgimento distopico) è circoscritto ad una trentina circa di pagine. Dopo, il racconto procede sconnesso centrando il tema della morte in un'ossessione che travolge i personaggi. Questa è la seconda delusione: il risvolto paranoico che affossa delle interessanti riflessioni su come l'uomo affronta la realtà della morte. Interessanti sono anche le ironie che si riferiscono ad altre ossessioni tipiche della moderna società statunitense: l'appagamento nella abbondanza materiale, la centralità del cibo, la cieca fiducia nel progresso medico ed altro. Ma ho fatto una gran fatica a finire il libro perché, purtroppo, l'autore ha saputo essere davvero noioso reiterando concetti e trasferendo il tema dell'ossessione in una narrazione assillante. Sarà perchè personalmente non concepisco le fissazioni?

    Is this helpful?

    Dagio Maya (scambio solo ebook!) said on Jun 14, 2014 | 4 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book