Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

!!!SCHEDA DOPPIA!! Dalla parte delle bambine

NON AGGIUNGERE IN LIBRERIA!

By Elena Gianini Belotti

(75)

| Paperback

Like !!!SCHEDA DOPPIA!! Dalla parte delle bambine ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Utilizzare (o sostituire con) la scheda:

http://www.anobii.com/books/Dalla_parte_delle_bambine/0…

6 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Datato. La premessa a tutta la riflessione – ovvero, che l'identità sessuale è interamente determinata da fattori culturali, e non biologici – si è in seguito rivelata falsa. Rimane comunque relegato nel suo contesto storico e sociale.

    Is this helpful?

    Caterina :) said on Dec 18, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Anche questo è un saggio che definire "bellissimo" è improprio. Rileggendolo a trent'anni di distanza si nota quanto siamo ancora arretrati nell'educazione e nella valorizzazione dei bambini e dei loro talenti. Molti credono che questa sia una faccen ...(continue)

    Anche questo è un saggio che definire "bellissimo" è improprio. Rileggendolo a trent'anni di distanza si nota quanto siamo ancora arretrati nell'educazione e nella valorizzazione dei bambini e dei loro talenti. Molti credono che questa sia una faccenda da femmine ma l'applicazione dello stereotipo e del pregiudizio penalizza e rende infelici tutti, sia la bambina che si arrampica sugli alberi quanto il bambino che vorrebbe starsene quieto a giocare con le pentoline.

    Is this helpful?

    Anna Antonini said on Jun 2, 2010 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Ricorderò sempre con risentimento la mia prof di italiano alle medie (si parla di un episodio di 15 anni fa): durante una spiegazione nessuno ascolta, così lei decide di seminare il terrore chiedendo alla classe di riassumere cosa stesse dicendo.
    "Ma ...(continue)

    Ricorderò sempre con risentimento la mia prof di italiano alle medie (si parla di un episodio di 15 anni fa): durante una spiegazione nessuno ascolta, così lei decide di seminare il terrore chiedendo alla classe di riassumere cosa stesse dicendo.
    "Marcialis, cos'ho appena detto?". Il malcapitato è un ragazzo, che però se la cava con un "non stavo ascoltando" che lei accoglie piccata/rassegnata dicendo "AH, evviva la sincerità!". Poi chiede a me "Michela, di cosa stavo parlando?". Dato che lui se l'è cavata a buon mercato, dico anch'io che non stavo ascoltando, e lei risponde: "Da te non me lo sarei mai aspettata".
    Ecco, è di questo che parliamo: replicare schemi educativi tollerando la disattenzione machile e cassando quella femminile, ad esempio, tanto più preoccupante quanto uscita indenne da condizionamenti precedenti.

    Is this helpful?

    Astracan! said on Apr 26, 2010 | 1 feedback

  • 2 people find this helpful

    Datato

    Probabilmente rivoluzionario quando fu scritto negli anni '70, si riferisce a una cultura e a modalità educative pressoché scomparse nell'Italia del nuovo millennio.
    Probabilmente, a questa evoluzione culturale, ha contribuito.

    Is this helpful?

    Acquacheta said on Apr 25, 2010 | 2 feedbacks

  • 5 people find this helpful

    Ho trovato questo saggio estremamente interessante. L'autrice analizza i condizionamenti sociali nei primi anni di vita dei bambini, nello specifico quelli che portano alla differenziazione caratteriale fra maschio e femmina, differenza solitamente p ...(continue)

    Ho trovato questo saggio estremamente interessante. L'autrice analizza i condizionamenti sociali nei primi anni di vita dei bambini, nello specifico quelli che portano alla differenziazione caratteriale fra maschio e femmina, differenza solitamente percepita in modo errato come 'innata' invece che 'condizionata'. E' sorprendente quanta forza e quanti trucchi vengono più o meno coscientemente utilizzati per creare individui che si conformino allo stereotipo maschile/attivo femminile/passivo.
    Questo saggio apre gli occhi su tutte quelle cose che non percepiamo perchè ci siamo cresciuti dentro, perchè siamo frutto di quegli stessi condizionamenti.
    Come donna, è una sofferenza accorgersi e/o riconoscere quanto a torto è fatto al nostro sesso. Il libro è datato (la prima edizione è del 1973) e spesso lo si avverte, perchè fortunatamente un pochino-ino-ino le cose sono cambiate. Ma c'è ancora tanto da fare, per cui l'opera resta comunque più che attuale e godibilissima. Anzi, oserei dire irrinunciabile per tutti coloro che vogliano prendere coscienza di come agisca il razzismo di genere.
    Lo consiglio di tutto cuore a chi sta per avere bambini, riuscirà forse ad educare degli individui liberi e realizzati per davvero.

    Is this helpful?

    Valeyoshino said on Dec 30, 2009 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Bisognerebbe che tutti leggessero questo libro.

    Is this helpful?

    Angela said on Jan 14, 2008 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (75)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 196 Pages
  • ISBN-10: A000069769
  • Publisher: Feltrinelli
  • Publish date: 1973-10-17
Improve_data of this book

Margin notes of this book