Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

SEXING THE CHERRY

(BLOOMSBURY CLASSIC)

By

Publisher: BLOOMSBURY PUBLISHING PLC

3.5
(447)

Language:English | Number of Pages: 240 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , German

Isbn-10: 0747512507 | Isbn-13: 9780747512509 | Publish date: 

Also available as: Paperback , eBook

Category: Fiction & Literature , Gay & Lesbian , Science Fiction & Fantasy

Do you like SEXING THE CHERRY ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In the reign of Charles II, Jordan and his mother, the Dog-Woman, live on the banks of the stinking Thames, where they take in sights ranging from the first pineapple in London to Royalist heads on pikes. As a young man, Jordan leaves to travel the world, seeking wonder and knowledge, and learns that every journey conceals another within it. Sexing The Cherry celebrates the power of the imagination as it playfully juggles with our perceptions of history and reality; love and sex; lies and truths; and the twelve dancing princesses who lived happily ever after, but not with their husbands.
Sorting by
  • 0

    Standby

    Mi mette a disagio questo libro, riesco ad apprezzarne le "belle frasi" ma non riesco a seguire la storia, confondo chi narra cosa, no,io e la Winterson non ci "acchiappiamo".
    E' il secondo libro di quest'autrice che leggo e mentre scorrono le pagine mi sorge continuamente una domanda:" sono io u ...continue

    Mi mette a disagio questo libro, riesco ad apprezzarne le "belle frasi" ma non riesco a seguire la storia, confondo chi narra cosa, no,io e la Winterson non ci "acchiappiamo". E' il secondo libro di quest'autrice che leggo e mentre scorrono le pagine mi sorge continuamente una domanda:" sono io una capretta e lei è troppo per me oppure è così cervellotica che avrebbe bisogno d'aiuto?"Boh!! io passo ad altro, ma è scritto da dio e mi spiace lasciarlo

    said on 

  • 0

    Quando stai realizzando che l'amore non esiste... (I)

    un libro così non fa per te. forse un libro così non fa per me in generale. non colgo i simbolismi, non riesco a leggere dietro immagini che non esistono. dev'essere un mio limite. quindi non so quante stelle mettere, e non so neanche se dire che i personaggi mi sono sembrati incompleti, una madr ...continue

    un libro così non fa per te. forse un libro così non fa per me in generale. non colgo i simbolismi, non riesco a leggere dietro immagini che non esistono. dev'essere un mio limite. quindi non so quante stelle mettere, e non so neanche se dire che i personaggi mi sono sembrati incompleti, una madre e un figlio così sui generis avrei voluto conoscerli meglio. o forse semplicemente sotto un altro punto di vista. certe battute di lei, la gigantessa, e certe perle di saggezza (appunto sul fatto che l'amore non esiste!) di lui, il tormentato marinaio disilluso a tratti -di quei tipici individui che fingono di non credere all'amore, segretamente aspettando che gli eventi lo contraddicano...-, sono indimenticabili, questo bisogna ammetterlo.

    said on 

  • 2

    non so

    l'unico libro della winterson che non mi ha totalmente convinta. lei si sa scrive da Dio. davvero. la storia è ambientata a metà del 1600, personaggi fantastici: una donna gigante e orripilante che adotta Jordan, un trovatello e lo alleva. un misto tra fiaba e fantasy con discussioni sull'amore, ...continue

    l'unico libro della winterson che non mi ha totalmente convinta. lei si sa scrive da Dio. davvero. la storia è ambientata a metà del 1600, personaggi fantastici: una donna gigante e orripilante che adotta Jordan, un trovatello e lo alleva. un misto tra fiaba e fantasy con discussioni sull'amore, sui sentieri del cuore, sull'Inghilterra del tempo.

    certo ha delle frasi bellissime al suo interno però la ricchezza di rimandi e cambiamenti di luogo e paesaggi e personaggi hanno reso la sua comprensione piuttosto ardua. contrariamente a tutti gli altri lavori della winterson, devo essere sincera, questo non mi ha appassionata.

    said on 

  • 4

    Il libro si divide in due fasce temporali, il passato ed il futuro, confrontando le due realtà in un'unica metafora: l'eterno presente. Gli eventi si svolgono a Londra.
    È la storia di una madre ambigua che adotta un bambino che trova per caso, e che chiamerà Giordan.
    Il ragazzo crescerà con la co ...continue

    Il libro si divide in due fasce temporali, il passato ed il futuro, confrontando le due realtà in un'unica metafora: l'eterno presente. Gli eventi si svolgono a Londra. È la storia di una madre ambigua che adotta un bambino che trova per caso, e che chiamerà Giordan. Il ragazzo crescerà con la costante condizione di precarietà dovuta all'incertezza di vita che le offre la donna, ma non togliendogli mai la voglia di scoprire nuove opportunità e nuove terre. La storia si intreccia nella metafora della propria percezione del tempo e nel mito di se stessi, partorendo ad ogni accadimento un nuovo elemento vitale. Giordan, nel corso della sua avventura che fino alla fine sarà interminabile, avrà modo di incontrare personaggi molto singolari che lo metteranno sulla retta via e che gli faranno comprendere la vera importanza del percepire il proprio eterno presente. Ad un certo punto il ragazzo si innamora di una ballerina che a quanto pare, appartiene solo al mondo della sua immaginazione, così facendo, Giordan inizierà un lungo percorso che in realtà si rivelerà il suo reale percorso di vita: l'immaginazione; che lo porta ovunque e lo sostiene negli eventi. In tutto questo, la madre, condurrà la sua esistenza in maniera selvaggia ma allo stesso tempo formativa, lontano dal figlio che ad un certo punto prenderà la via del mare grazie ad un giardiniere della corona. La donna, di cui non verrà rivelato il nome, redenta dei suoi blasfemi peccati di cui nel corso dei fatti resteranno a lei come azioni dovute, attenderà l'arrivo del figlio, per poi fuggire dalla pestilenza che si è abbattuta ormai da tempo a Londra. Quasi sul finire, il testo offre al lettore il confronto tra diverse realtà, facendo un balzo temporale in un'altra epoca, quella attuale, facendo rivivere le stesse vicende ai nuovi protagonisti; mettendo a confronto la loro consapevolezza del tempo e dello spazio, riunendo due realtà simili ma consapevolmente prive di se stesse allo stesso modo del doversi credere "qui ed ora"; nel loro presente eterno.

    said on 

  • 2

    Avevo entusiasmo quando l'ho comprato. Avevo iniziato a leggerlo almeno per 3 volte...ed ogni volta l'avevo abbandonato. Venivo da un momento positivo di letture e credevo/speravo che il momento fosse giusto.
    ..L'inizio, quella frase, si era impossessata del mio immaginario come qualcosa di fanta ...continue

    Avevo entusiasmo quando l'ho comprato. Avevo iniziato a leggerlo almeno per 3 volte...ed ogni volta l'avevo abbandonato. Venivo da un momento positivo di letture e credevo/speravo che il momento fosse giusto. ..L'inizio, quella frase, si era impossessata del mio immaginario come qualcosa di fantastico e fenomenale.... Poi lo leggo e...cerco un senso.. "forse sono le prime pagine" mi dico...mi sforzo, vado avanti...torno a qualche pagina prima per capire... No io non capisco. Non sono nel momento giusto?... mi sforzo, provo, vado avanti, ritorno alla pagina precedente e poi continuo... Prendo anche una matita, sottolineo per trovare concentrazione, andare avanti e finirlo.... Sono partito con tutti i buoni propositi... Non è stata una lettura ma uno sforzo...quasi qualcosa di sovrumano. Probabilmente non ho capito nulla del libro...e mi è rimasta qualche bella frase e qualche citazione...Peccato che non fosse il momento giusto per leggerlo (non so se esisterà mai un momento giusto)....(mi sono però riproposto di rileggerlo...nel momento giusto...qualche cosa mi ha lasciato se mi sono riproposto di ritentare l'impresa???). Le due stelline per l' inizio...e questa frase: "molto raramente la persona amata è qualcosa di diverso dall'incarnazione dei sogni dell'amante. Forse gli va bene cosi. Essere una musa potrebbe anche bastagli. Il dolore si manifesta quando i sogni cambiano, come accade, com'è inevitabile. All'improvviso la città incantata svanisce e ci ritroviamo soli in un deserto spazzato dal vento. Quanto alla persona amata non vi ha capito. La verità è che siete voi a non aver mai capito voi stessi"... e per l'idea di ritentare la lettura...(ma è solo un idea)

    said on 

  • 4

    Categoria: indescrivibile.
    Almeno non da me, non sono all'altezza.


    Tra mito e leggenda, tra sogno e realtà, fra storia e fantasia.
    Personaggi idelebili eppure così labili.
    Tutta la tenerezza e la violenza di cui si può essere capaci.


    Lo spazio ed il tempo che si modificano, si plasm ...continue

    Categoria: indescrivibile. Almeno non da me, non sono all'altezza.

    Tra mito e leggenda, tra sogno e realtà, fra storia e fantasia. Personaggi idelebili eppure così labili. Tutta la tenerezza e la violenza di cui si può essere capaci.

    Lo spazio ed il tempo che si modificano, si plasmano, si ribellano al nostro bisogno di misurare, di contare.

    Un libro strano e forte eppure capace di una poesia intensa.

    said on 

Sorting by