Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Sacré bleu

Di

Editore: Elliot (Scatti)

4.0
(286)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 313 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco

Isbn-10: 8861922597 | Isbn-13: 9788861922594 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luca Fusari

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Sacré bleu?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il titolo del romanzo si ispira al preziosissimo color azzurro, ricavato dai lapislazzuli d’Oriente e utilizzato nell’arte sacra per ornare gli abiti della Madonna. Ambientato a Parigi nel 1880, ne è protagonista Lucien, fornaio e figlio di fornai, ma deciso ad abbandonare farine e impasti per diventare pittore – il sogno di suo padre, amico e protettore di artisti poveri e affamati di nome Renoir, Monet, Pissarro, Cézanne… Anche Lucien dipinge – e ha come “spalla” d’eccezione nel romanzo niente meno che un certo Toulouse-Lautrec – e la sua musa è la bella Juliette dagli occhi color del cielo, che lo pianta in asso salvo ricomparire dopo due anni e mezzo di misteriosa assenza dalla sua vita. Al fianco della ragazza, un venditore di colori, dietro la cui misteriosa apparizione si celano enigmi e retroscena sconvolgenti: la sparizione dell’azzurro da certi capolavori rinascimentali, o il misterioso suicidio – o forse omicidio? – di Vincent Van Gogh. Dopo il Vangelo e Re Lear, Christopher Moore ci regala la sua rilettura di un momento fondamentale della storia dell’arte e della modernità nel suo complesso, frutto di tre anni di ricerche che lo hanno portato in Francia e in Italia, in un capolavoro di umorismo e riflessioni su quanto di più profondo muove gli esseri umani: la passione, sotto qualsiasi forma essa si manifesti.
Ordina per
  • 3

    Ho deciso di abbandonare questo libro perché non mi coinvolgeva.
    Ho già letto "Un lavoro sporco" di Moore e l'ho trovato scorrevole e geniale e qualche giorno fa ho preso in considerazione "Sacré bleu" perché avevo voglia di qualcosa di leggero.
    Non è il Moore che ho conosciuto io e non sono rius ...continua

    Ho deciso di abbandonare questo libro perché non mi coinvolgeva. Ho già letto "Un lavoro sporco" di Moore e l'ho trovato scorrevole e geniale e qualche giorno fa ho preso in considerazione "Sacré bleu" perché avevo voglia di qualcosa di leggero. Non è il Moore che ho conosciuto io e non sono riuscita ad andare avanti. Lo riprenderò in mano? Chissà!

    ha scritto il 

  • 4

    Moore fornisce la sua versione all'annosa domanda: "Ma com'è che così tanti pittori sono morti di sifilide?" e lo fa con una fiaba nera con sottili venature comiche (alcuni scambi di battute fra il protagonista e Henri de Toulouse-Lautrec sono da antologia) degna dei suoi romanzi migliori. Anche ...continua

    Moore fornisce la sua versione all'annosa domanda: "Ma com'è che così tanti pittori sono morti di sifilide?" e lo fa con una fiaba nera con sottili venature comiche (alcuni scambi di battute fra il protagonista e Henri de Toulouse-Lautrec sono da antologia) degna dei suoi romanzi migliori. Anche i non amanti della pittura (e mi metto in prima fila) l'apprezzeranno.

    ha scritto il 

  • 4

    Non il solito Moore, ma comunque una lettura davvero piacevole.
    Rispetto ad altri libri dello stesso autore, ho trovato una maggior attenzione ai dettagli nella ricostruzione storica dei personaggi e dell'ambientazione, che ha reso molto interessante la lettura,anche solo per rispolverare un po' ...continua

    Non il solito Moore, ma comunque una lettura davvero piacevole. Rispetto ad altri libri dello stesso autore, ho trovato una maggior attenzione ai dettagli nella ricostruzione storica dei personaggi e dell'ambientazione, che ha reso molto interessante la lettura,anche solo per rispolverare un po' di storia dell'arte. L'ironia c'è, ma è meno marcata rispetto ad altri libri, direi che gli unici due personaggi prettamente alla Moore sono Blues e il Colorista,forse perché li ha inventati da nuovi, mentre per i pittori ha dovuto seguire certe caratteristiche non modificabili. Consigliato a tutti seguaci dell'autore e agli amanti degli Impressionisti.

    ha scritto il 

  • 3

    ecco, io mi aspettavo un biff dell'impressionismo. e invece no. è un po' meno, un bel po' meno. però ci sono tante tette e la sifilide, l'amore per l'arte e per l'amore e mette su voglia di ripassare storia dell'arte. il suo sporco lavoro lo fa.

    ha scritto il 

  • 3

    "Vincent osservò il foulard della zingara, giallo con un'edera verde ricamata sull'orlo. Dallo scialle e dalla gonna, ognuno di un colore diverso, traboccava un arcobaleno cencioso che si spegneva ai suoi piedi sotto un velo di polvere."


    "Quello prima vuole scopare, poi si mette a farti il ...continua

    "Vincent osservò il foulard della zingara, giallo con un'edera verde ricamata sull'orlo. Dallo scialle e dalla gonna, ognuno di un colore diverso, traboccava un arcobaleno cencioso che si spegneva ai suoi piedi sotto un velo di polvere."

    "Quello prima vuole scopare, poi si mette a farti il ritratto mentre ti pettini, poi ti prepara una tazza di tè, e non molla mai l'assenzio o il cognac. Questo lavoro non dovrebbe essere così complicato, Monsieur. Ieri, quando mi sono svegliata. era lì che mi dipingeva le unghie."

    "Lucien non poteva ricordarlo, ma quando nacque, quando diede la sua prim sbirciata al mondo, la prima cosa che vide fu il buco del sedere di Madame Lessard. Ci dev'essere qualcosa di sbagliato, pensò. E pensò che forse poteva piangere di sorpresa. Poi la levatrice lo ribaltò, e la seconda cosa che vide fu il cielo blu al di là del lucernario. E pensò: Ah, così va meglio! Quindi pianse di bellezza e rimase letteralmente senza parole per quasi un anno. Non poteva ricordare quel momento, ma quella sensazione ritornava di tanto in tanto, ogni volta che Lucien ritrovava il blu."

    " -Papà, cosa vuol dire stuprare? - Lucien, hai mai sentito l'espressione 'Fare l'amore'? - Sì, papà, come quando tu e la mamma vi baciate, vi fate il solletico e ridete. Me lo ha detto Régine. - Sì, è vero. Beh, lo stupro è il contrario. E' fare l'odio."

    ha scritto il 

  • 4

    Moore... ish.

    Come hanno scritto prima di me, non il solito Moore. O meglio, l'ironia e lo stile di scrittura restano quelli, ma indubbiamente rimane meno divertente rispetto ad altri dello statunitense.
    Comunque lo consiglierei, perché lo potremmo considerare, in parte, uno spaccato di vita della Parigi di fi ...continua

    Come hanno scritto prima di me, non il solito Moore. O meglio, l'ironia e lo stile di scrittura restano quelli, ma indubbiamente rimane meno divertente rispetto ad altri dello statunitense. Comunque lo consiglierei, perché lo potremmo considerare, in parte, uno spaccato di vita della Parigi di fine '800.

    ha scritto il 

  • 3

    storia giallo-surreale- comica che entra nell'impressionismo e mostra i pittori la loro vita, le muse ispiratrici. dal verosimile al magico. fa venire voglia di rivedere i quadri citati e i loro particolari. gli ultimi capitoli però troppo surreali per me.

    ha scritto il 

  • 4

    Non il solito Moore

    A spasso nella storia dell'arte ci vado da quando ero piccolina, Moore ha attinto da lontani ricordi, dalle primissime informazioni ricevute, mi ha regalato un'emozione vecchia, restaurandole i colori.
    E' vero, non è il solito Moore e forse ci mette un pò ad accendere i motori la storia, ma già ...continua

    A spasso nella storia dell'arte ci vado da quando ero piccolina, Moore ha attinto da lontani ricordi, dalle primissime informazioni ricevute, mi ha regalato un'emozione vecchia, restaurandole i colori. E' vero, non è il solito Moore e forse ci mette un pò ad accendere i motori la storia, ma già dalle prime pagine colpisce la famigliarità con cui ci vengono presentati i personaggi, gli artisti studiati e amati. La loro vita prende forma dalle parole di Moore che la stravolge e alcune delle tragistorie che conosciamo acquistano un altro significato, assurdo, ma che sembra più vero di quello che fino ad ora ci hanno raccontato, perchè quando si parla di arte è difficile conoscere la verità... E forse Moore lo sa bene. Sono stata lì, a cercare tutti i quadri su Google immagini, a scovare i particolari di cui parlava e c'erano tutti e tutto combaciava e sì, mi sono persa... e manco me so ritrovata.

    ha scritto il 

Ordina per