Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Saga di Egill il Monco

Editore: Iperborea

4.0
(65)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 107 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8870910539 | Isbn-13: 9788870910537 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Fulvio Ferrari ; Prefazione: Fulvio Ferrari

Genere: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Saga di Egill il Monco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
C'era un re che regnava a est, in Russia, e aveva due figlie buone e belle, che amava teneramente. Ma un triste giorno una venne rapita da un mostruoso animale uscito dal bosco e, poco tempo dopo, anche l'altra fu portata via da un gigantesco avvoltoio comparso improvvisamente in cielo. Il re, profondamente addolorato, promise una figlia in sposa e un terzo del suo regno a chi fosse riuscito a ritrovare le fanciulle. Così comincia la Saga di Egill il monco. Scritta agli inizi del XIV secolo, fa parte delle cosiddette "saghe del tempo antico", una fase più tarda del genere, quando motivi fiabeschi ed esotici, elementi cavallereschi e cortesi, il gusto del meraviglioso, dell'artificio letterario irrompono nelle tradizioni del racconto locale, mutandone profondamente lo spirito. La cronologia è sostituita da un tempo in cui generazioni ed epoche diverse si sovrappongono e si confondono, terre note e paesi leggendari si affiancano in un comune spazio mitico. Ancora vige il codice d'onore vichingo, la gloria conquistata con le armi, le lotte sanguinose, ma gli eroi, pur animati da un indomito desiderio di misurare il proprio valore, non partono più alla conquista di regni e ricchezze, alla fondazione di città, partono per liberare principesse prigioniere, spinti dall'amicizia, dal gusto dell'avventura. Tappeti volanti, erbe miracolose, specchi magici vengono usati quanto le spade, giganti, nani, uomini e dei si alleano e si combattono, ma non è più il fato che regge inesorabile la fila delle vicende e dei destini: siamo entrati nel mondo del lieto fine, in cui le buone azioni vengono premiate, le mani tagliate vengono riattaccate, le principesse salvate, la giustizia ristabilita. Raffinata e complessa, la narrazione si arricchisce di archetipi della fiaba, si fa letteratura consapevolmente nutrita di se stessa, allontanandosi volutamente dalla vita.
Ordina per
  • 4

    Una saga geometrica nella sua costruzione, che rivela tutta la raffinatezza del suo anonimo autore: un'avventura breve e meravigliosa nel Tempo Antico, ove storia e mito sono una cosa sola e anche qua ...continua

    Una saga geometrica nella sua costruzione, che rivela tutta la raffinatezza del suo anonimo autore: un'avventura breve e meravigliosa nel Tempo Antico, ove storia e mito sono una cosa sola e anche qualche motivo fiabesco, popolare o colto, trova il suo spazio!
    Lo schema è all'apparenza semplice: due principesse dai nomi di valchiria, due eroi possenti e valorosi che debbono salvarle ─ ma tutto è vissuto con gusto “vichingo” e ingredienti norreni: dalle scorrerie, ai duelli, alla fratellanza di sangue, ai giganti!
    Saga dal lieto fine, saga che allieta la lettura...

    ha scritto il 

  • 4

    Un po' faticoso, soprattutto perché ci sono molti nomi da ricordare. Mi ha colpito il tono oggettivo e circostanziato della narrazione; in certi passi, sembra di assistere a un film d'azione: imboscat ...continua

    Un po' faticoso, soprattutto perché ci sono molti nomi da ricordare. Mi ha colpito il tono oggettivo e circostanziato della narrazione; in certi passi, sembra di assistere a un film d'azione: imboscate nella neve, arti mozzati, poesia e fiumi di vomito...
    P.S. in Islanda esiste la birra Egill Skallagrimrson! Ma non mi pare che il libro le faccia una buona pubblicità...

    ha scritto il 

  • 3

    Un'edizione curata, note ricche, precise e puntuali, un'introduzione che è una vera miniera d'oro per un neofita, ma anche per chi non sia già uno studioso di vaglia della letteratura norrena.
    La saga ...continua

    Un'edizione curata, note ricche, precise e puntuali, un'introduzione che è una vera miniera d'oro per un neofita, ma anche per chi non sia già uno studioso di vaglia della letteratura norrena.
    La saga in sè una piacevole e interessante lettura.

    ha scritto il 

  • 3

    La saga racconta principalmente le avventure di Egill e Asmundr, giovani avventurosi, divenuti fratelli di sangue dopo una lotta all'ultimo sangue, e decisi a ritrovare le figlie del re di Russia. Fa ...continua

    La saga racconta principalmente le avventure di Egill e Asmundr, giovani avventurosi, divenuti fratelli di sangue dopo una lotta all'ultimo sangue, e decisi a ritrovare le figlie del re di Russia. Fa parte delle cosiddette "saghe del tempo antico", in cui realtà e magia si fondono. Non è quello che avrei voluto, ma è un ottimo scorcio sul genere, e poi l'apparato critico è (naturalmente) di buon livello, ti spiega tutto e ti fa capire. Grande bibliografia!

    ha scritto il 

  • 4

    Una splendida traduzione di uno dei testi più belli e appassionanti della letteratura norrena. La "Saga di Egill" è un libro da leggere e rileggere, e gelosamente conservare.

    ha scritto il 

  • 4

    la semplicità è il punto di forza di questa piccola opera(come del resto lo è anche della saga di Oddr), che con poche pennellate dipinge efficacemente uno sfondo mitologico e quasi idilliaco, dove la ...continua

    la semplicità è il punto di forza di questa piccola opera(come del resto lo è anche della saga di Oddr), che con poche pennellate dipinge efficacemente uno sfondo mitologico e quasi idilliaco, dove la geografia reale si fonde e si confonde con quella fantastica, i confini non esistono e il tempo è relativo. è davvero difficile che chi abbia già letto altri racconti mitologici (non per forza solo nordici) non trovi varie similitudini con diverse storie ed elementi contenuti ora in un racconto gallese, ora in una leggenda greca. ciò non vuol dire che siano copiate, sta solo ad indicare l'origine comune di queste storie.

    ha scritto il 

  • 0

    Egill e Ásmundr, eroi rivali diventati fratelli di sangue quan-do si scoprono pari in tutto, partono alla ricerca delle figlie del re di Russia, rapite da mostri. I viaggi attraverso paesi reali e imm ...continua

    Egill e Ásmundr, eroi rivali diventati fratelli di sangue quan-do si scoprono pari in tutto, partono alla ricerca delle figlie del re di Russia, rapite da mostri. I viaggi attraverso paesi reali e immaginari, fino alla mitica Terra dei Giganti, lo scontro con nemici umani e sovraumani, le vittorie riportate con il coraggio e le armi e quelle con l’astuzia e aiuti magici, tappeti volanti, specchi fatati, erbe miracolose, li porteranno alla liberazione delle principesse e al felice ritorno a casa. Non è più il fato che domina le vicende umane: con le “saghe del tempo antico” si entra nel mondo del lieto fine.

    ha scritto il 

  • 4

    Saga al limite del fantasy, il racconto ironico e solo in superfice sconnesso di Egill e Asmund compagni d'avventura in cerca delle figlie del re, si troveranno a un matrimonio di troll e lì ne accadr ...continua

    Saga al limite del fantasy, il racconto ironico e solo in superfice sconnesso di Egill e Asmund compagni d'avventura in cerca delle figlie del re, si troveranno a un matrimonio di troll e lì ne accadranno di tutti i colori tra tappeti volanti e specchi magici

    ha scritto il 

  • 5

    L'epopea del poeta-guerriero Egill, una delle figure più grandiose della letteratura norrena. Questa è tra le più belle saghe islandesi, un must per gli amanti del genere, non ci sono parole per descr ...continua

    L'epopea del poeta-guerriero Egill, una delle figure più grandiose della letteratura norrena. Questa è tra le più belle saghe islandesi, un must per gli amanti del genere, non ci sono parole per descriverlo, fidatevi di me e leggetelo!

    ha scritto il