Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Saggio sul dono

Forma e motivo dello scambio nelle società arcaiche

By Marcel Mauss

(264)

| Others | 9788806162269

Like Saggio sul dono ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

I doni, da noi, si fanno e si ricevono a Natale o in occasioni stabilite comei compleanni. Non è considerato "normale" fare regali senza un motivospecifico: il dono è un'eccezione, dove la regola è tenere per sé Continue

I doni, da noi, si fanno e si ricevono a Natale o in occasioni stabilite comei compleanni. Non è considerato "normale" fare regali senza un motivospecifico: il dono è un'eccezione, dove la regola è tenere per sé le propriecose e ottenerne altre tramite l'acquisto o lo scambio. L'antropologia ci hainvece offerto molti esempi di società presso cui il dono costituisce unodegli elementi fondanti. Mauss, nel suo saggio, mette in evidenza che il dononon è mai gratuito ma non è neppure uno scambio a fine di lucro. E' piuttostoun ibrido poiché chi dona si attende un "controdono". Negli oggetti donatiesiste un'anima che li lega al loro autore, ciò li rende quasi unprolungamento degli individui e tesse una rete di rapporti interpersonali.

9 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    sfida le nostre forme mentali

    E se pure vincesse la separazione tra oggetto e possessore, se pure la quantità uccidesse più di quanto non abbia già fatto differenze, qualità e ogni spazio per il sacro in un enorme esposizione di etichette, resta che Mauss ci ha detto qualcosa che ...(continue)

    E se pure vincesse la separazione tra oggetto e possessore, se pure la quantità uccidesse più di quanto non abbia già fatto differenze, qualità e ogni spazio per il sacro in un enorme esposizione di etichette, resta che Mauss ci ha detto qualcosa che soli non avremmo saputo. Non c'è che da domandare ancora

    Is this helpful?

    ellenù said on Feb 7, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Introduzione da saltare

    Peccato per l'introduzione di Aime. Non è difficile cogliere la patente contraddizione nel dire "il dono si nasconde nelle pieghe delle nostre azioni e non ci accorgiamo che molte di queste non sono affatto mosse da logiche utilitaristiche. Intendiam ...(continue)

    Peccato per l'introduzione di Aime. Non è difficile cogliere la patente contraddizione nel dire "il dono si nasconde nelle pieghe delle nostre azioni e non ci accorgiamo che molte di queste non sono affatto mosse da logiche utilitaristiche. Intendiamoci, non utilitaristiche non significa gratuite. Il dono non è mai gratuito". Mi sembra che l'allegra comunità degli antropologi (e di tanti sociologi) si opponga alla "logica utilitaristica" senza averne mai capito un acca, per semplice piglio ideologico o per ragioni politiche. Forse quando capiranno che "utilità" non è sinonimo di "guadagno monetario", e può tranquillamente comprendere (vedi Becker) solidarietà e creazione di obbligazioni (vedi Coleman), smetteranno di inventare "terze vie" e impianti concettuali del tutto congruenti con l'utilitarismo ma "moralizzati" togliendo quella brutta parola.
    Unitamente ad altre allegre baggianate sulla mancanza di credito\debito nelle strutture familiari dispiace, purtroppo, che sia accompagnata a un testo fondamentale come questo un'introduzione caratterizzata da tanta pochezza.

    Is this helpful?

    Joker said on Jul 23, 2010 | 1 feedback

  • 4 people find this helpful

    Esiste un margine di tempo in cui la felicità del ricevere qualcosa lascia spazio al presentimento di un debito cui, inesorabilmente, saremo chiamati a rispondere. Ne abbiamo fatto tutti esperienza e basterebbe ripercorrerla con la mente per riassume ...(continue)

    Esiste un margine di tempo in cui la felicità del ricevere qualcosa lascia spazio al presentimento di un debito cui, inesorabilmente, saremo chiamati a rispondere. Ne abbiamo fatto tutti esperienza e basterebbe ripercorrerla con la mente per riassumere in due righe questo classico dell’antropologia.
    Mauss osserva la società Triobriandese per individuare nel gesto del dono uno spazio semantico prospero di ambiguità e che, solo perché tale, è il mezzo primario con cui gli uomini si relazionano gli uni agli altri. Donare qualcosa a qualcuno genera infatti - Mauss lo racconta bene - un complesso regime di prestazioni e controprestazioni obbligatorie (ecco il debito da ricambiare) facendosi atto fondativo di ogni tipologia di scambio fra altri. Donare è sempre un fatto-totale: regola e sancisce rapporti sociali, economici, giuridici, religiosi. Ci sarebbe poi da dire della pratica del potlach, del mana, e di come l'oeconomicus moderno abbia origine dalla distinzione fra cose e persone e quindi sia un affrancamento dal religioso ma si fa prima a leggerne. E' pittusto breve.

    Is this helpful?

    post-onironauta said on Apr 27, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Che dire di un libro così famoso e importante? E' assolutamente da leggere, prima o poi, perché spiega molto della nostra società e di quelle apparentemente lontane. Piccolo e geniale.

    Is this helpful?

    kos said on Apr 26, 2010 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Il saggio di Mauss è oggi più che mai attuale. Forse pecca di un esagerato ottimismo nelle conclusioni, pur comprensibile se si considera che è stato scritto ottant'anni fa. Le sue ricerche però sono fondamentali per comprendere la funzione e la form ...(continue)

    Il saggio di Mauss è oggi più che mai attuale. Forse pecca di un esagerato ottimismo nelle conclusioni, pur comprensibile se si considera che è stato scritto ottant'anni fa. Le sue ricerche però sono fondamentali per comprendere la funzione e la forma del dono nelle società che più che primitive lui stesso definisce 'arcaiche'. Oggi forse impazzirebbe a vedere quanta strada ha fatto l'homo oeconomicus a dispetto della sua artificialità.. può consolare il fatto che la sua riflessione ci aiuta a comprendere che l'economia di mercato non è la sola, né l'unica, né la definitiva forma di economia per le società.

    Is this helpful?

    sweepsy said on Feb 5, 2010 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    un classico dell'antropologia, basato su un'indagine sul campo ed un raffronto tra la logica che sottende il dono nelle popolazioni primitive e quella che lo regola nel mondo civilizzato.
    eppure l'ho letto per preparare l'esame di storia moderna ...(continue)

    un classico dell'antropologia, basato su un'indagine sul campo ed un raffronto tra la logica che sottende il dono nelle popolazioni primitive e quella che lo regola nel mondo civilizzato.
    eppure l'ho letto per preparare l'esame di storia moderna, il mio primo esame universitario.
    non può essere, direte voi, che centra uno studio antropologico d'inizio novecento con l'epoca che va dalla scoperta dell'america alla rivoluzione francese (o al congresso di vienna, a seconda dei punti di vista)? nulla, avete perfettamente ragione, non centra nulla... ma la prof era una un po' strana... una mezza storica, un quarto antropologa ed un quarto filosofa... fatto sta che l'ho letto ed apprezzato in quell'occasione.
    aldilà del contenuto, del tema del dono, si tratta di una pietra miliare dell'antropologia e della metodologia antropologica d'inizio XX secolo.

    Is this helpful?

    Marco said on Jun 25, 2009 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book