Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Saggio sulla lucidità

By José Saramago

(540)

| Paperback | 9788807722738

Like Saggio sulla lucidità ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Cosa succede a un paese se alle elezioni i cittadini decidono in massa di votare scheda bianca? Quali meccanismi vengono sollecitati fino alla rottura, quali contromisure andranno messe in atto? Se lo chiede José Saramago con questo straordinario rom Continue

Cosa succede a un paese se alle elezioni i cittadini decidono in massa di votare scheda bianca? Quali meccanismi vengono sollecitati fino alla rottura, quali contromisure andranno messe in atto? Se lo chiede José Saramago con questo straordinario romanzo, avvincente come un giallo e penetrante come un'analisi (fanta)politica. L'ipotesi più accreditata è che ci sia un legame fra questa "rivolta bianca" e l'epidemia di cecità che, solo quattro anni prima, si era sparsa come la peste. Gli indimenticabili protagonisti di Cecità fanno ritorno, per condurci in un viaggio di scoperta delle radici oscure del potere. Un viaggio che ci fa gettare uno sguardo nuovo e spietato sui meccanismi del mondo nel quale esercitiamo (o crediamo di esercitare) ogni giorno la nostra libertà.

306 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    "Nasciamo, e in quel momento è come se firmassimo un patto per tutta la vita, ma può arrivare il giorno in cui ci domandiamo Chi l'ha firmato per noi."

    Come suo solito, Saramago ci dipinge scenari surreali, assurdi e inverosimili. Qui, nella stessa città in cui, quattro anni prima, ci fu l'epidemia di cecità, gli elettori, chiamati ad eleggere il nuovo consiglio comunale, inaspettatamente votano qua ...(continue)

    Come suo solito, Saramago ci dipinge scenari surreali, assurdi e inverosimili. Qui, nella stessa città in cui, quattro anni prima, ci fu l'epidemia di cecità, gli elettori, chiamati ad eleggere il nuovo consiglio comunale, inaspettatamente votano quasi tutti scheda bianca. Il potere "costituito" e da costituire si alleeranno per scoprire e sconfiggere, con sistemi leciti (ma soprattutto illeciti!!) la persona che, secondo il loro assurdo e ridicolo ragionamento, è a capo di questa "rivoluzione bianca":la donna che all'epoca dell'epidemia non divenne cieca. Superlativo!!

    Is this helpful?

    Mauro Torquati57 said on Oct 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Le ultime cento pagine sono molto belle, e meritano la fatica di arrivarci; le centonovanta precedenti, però, sono davvero impervie. Succede pochissimo, e la scrittura di Saramago, già di norma impegnativa, viene ulteriormente appesantita dai continu ...(continue)

    Le ultime cento pagine sono molto belle, e meritano la fatica di arrivarci; le centonovanta precedenti, però, sono davvero impervie. Succede pochissimo, e la scrittura di Saramago, già di norma impegnativa, viene ulteriormente appesantita dai continui commenti del narratore, qualche volta arguti ma molto più spesso moralistici o pedanti.

    Is this helpful?

    Alexpardi said on Sep 26, 2014 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    CAPOLAVORO ASSOLUTO

    A poche pagine dalla fine, mi sono ritrovato a ridere come un cretino per l'impressione che mi dava Saramago, netta e decisa, di giocare con marionette che non erano altro che esseri umani fatti e compiuti, in situazioni realistiche, reali, tanto da ...(continue)

    A poche pagine dalla fine, mi sono ritrovato a ridere come un cretino per l'impressione che mi dava Saramago, netta e decisa, di giocare con marionette che non erano altro che esseri umani fatti e compiuti, in situazioni realistiche, reali, tanto da fare impressione. Come impressione mi ha fatto la fine, traumatica e dolorosa, ma che ti lascia, dopo la scossa dello choc, la sola riflessione possibile dopo cotanto libro: non poteva che finire così, perchè la realtà è questa. Più che un libro, più denso e forte di cecità, a mio parere: un capolavoro assoluto, che andrebbe portato sui banchi di scuola.

    Is this helpful?

    Ivano Mingotti said on Sep 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questo romanzo è la continuazione dello straordinario Cecità con cui condivide alcuni protagonisti. Quattro anni dopo l’epidemia di cecità un nuovo evento eccezionale colpisce la capitale del paese. Questa volta, l’evento non è fisico ma socio-politi ...(continue)

    Questo romanzo è la continuazione dello straordinario Cecità con cui condivide alcuni protagonisti. Quattro anni dopo l’epidemia di cecità un nuovo evento eccezionale colpisce la capitale del paese. Questa volta, l’evento non è fisico ma socio-politico perché la gran parte della popolazione decide inaspettatamente di votare scheda bianca alle elezioni. Il potere reagisce in maniera scomposta con arroganza, stupidità e sommo disprezzo per la democrazia e la giustizia. Il governo decide di abbandonare la città, e di porla in stato d’assedio, avviando una campagna di disinformazione e di destabilizzazione. La popolazione reagisce in maniera composta e pacifica e questo getta ancora più nello sconcerto il governo. Nella seconda parte del romanzo entrano in gioco i due veri protagonisti della storia: il commissario incaricato di indagare sul complotto delle schede bianche, che ha in realtà il comito di costruire false prove per incolpare il capro espiatorio individuato dal ministro dell’interno e la donna protagonista di Cecità che viene individuata dal governo come capro espiatorio. Il finale è tragico e crudele.

    Il tema principale del romanzo è l’arroganza, l’ignoranza e la stupidità del potere. In alcune parti la visione di Saramago mi sembra troppo ingenua ma il suo stile mordace ed il suo amore per il paradosso sono unici e straordinari.

    Is this helpful?

    cloudbuster said on Sep 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Que pasaría si en unas elecciones generales, votara en blanco el 83 por ciento del censo electoral?...pues eso. Que miedo el Poder!!!
    Como siempre, Saramago un genio!.

    Is this helpful?

    ttomaslucio said on Aug 6, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection

Margin notes of this book