Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Salammbo

By Gustave Flaubert

(4)

| Paperback | 9782080711120

Like Salammbo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

32 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Ormai non ne se ne vedono più nelle case, ma il camino ce l'ho. Adesso che siamo vecchi io Roma Dublino e gli altri amici ci ritroviamo intorno al fuoco a scaldarci le ossa. Roma a malapena si regge in piedi. Me lo ricordo sotto il portico al mare un ...(continue)

    Ormai non ne se ne vedono più nelle case, ma il camino ce l'ho. Adesso che siamo vecchi io Roma Dublino e gli altri amici ci ritroviamo intorno al fuoco a scaldarci le ossa. Roma a malapena si regge in piedi. Me lo ricordo sotto il portico al mare una costituzione robusta. Io non ho più un capello e ho peli ovunque, Dublino ha perso i denti intorno ai 45. New York ha ancora la spocchia che aveva da giovane ma non è sorretta dalle stesse spalle, non sono più larghe. Siena porta i pop corn. Non ci sono più i pop corn di una volta, sono in polvere anche loro ormai. Viviamo nello stesso posto dopo tanto tempo ma non durerà per molto. Viviamo nello stesso posto ora. I pop corn neanche scoppiano più, sussultano, e si materializzano silenziosi senza saltare. Sono vecchi anche loro. Ora che ci siamo ritrovati nessuno dice niente. Ci guardiamo negli occhi stanchi e respiriamo pesante intorno al fuoco. Ci faremo domande stupide fra un po', quando il fuoco starà per spegnersi. La cosa più coraggiosa che hai fatto?, fa Dublino. Ricordo una volta ho messo a bollire l'acqua, risponde New York, volevo cucinare la mia favolosa pasta col pesce. Bolle e mi accorgo che la padella era schifosa, unta, e dal bollore emanava un tanfo che se avessi cucinato con l'acqua del Gange sarebbe stato meglio. Ma alla fine ho messo la pasta e me la sono mangiata. E tutti sospiriamo per lo sforzo di quelle frasi. Nel silenzio qualcuno si ricorderà la domanda. Io ho attraversato rotatorie in terra etiope, dice Porto. E per lo sforzo di immaginare sospiriamo di nuovo. Dopo un silenzio molto lungo arriverà un'altra domanda stupida. Che animale siete? Quante volte ci siamo fatti questa domanda senza indovinare mai. Ci ricorda che non sappiamo niente di noi stessi. Qualche aspirazione, qualche riflesso, ma niente di più. Palermo risponde, e poi Berlino, e poi San Pietroburgo e poi tutti gli altri. Rispondo anche io. Dico un animale, ma appena lo dico mi rendo conto che non è vero e allora chiedo, secondo voi che animale sono?, chissà perché non l'ho mai chiesto. Le vecchie teste si tirano su con molta fatica e le cataratte mi fissano. Un elefante, dice qualcuno. Poi rimaniamo in silenzio e le teste tornano giù verso la luce del fuoco nel camino. Sospiriamo. Passa molto tempo e il fuoco perde vigore. Sono rimaste solo le braci. Già, dico io allora. Finalmente tutto torna.

    Is this helpful?

    (skate) said on May 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Nella sua anima si era fatto silenzio - un silenzio in cui il mondo intero si inabissava per l'urgere di un unico pensiero"

    Is this helpful?

    valentina signorelli said on May 1, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Un universo di colori, suoni, odori e sangue

    Leggendo Salambò si entra, anche grazie alla ottima traduzione di Teresa Cremisi che accompagna questa edizione degli Oscar Mondadori, nel meraviglioso mondo dello stile di scrittura di Flaubert, forse più che leggendo gli altri e più celebrat ...(continue)

    Leggendo Salambò si entra, anche grazie alla ottima traduzione di Teresa Cremisi che accompagna questa edizione degli Oscar Mondadori, nel meraviglioso mondo dello stile di scrittura di Flaubert, forse più che leggendo gli altri e più celebrati romanzi.
    La sensazione di trovarsi di fronte a un testo in cui Flaubert raggiunge la vetta del suo musicare in prosa si ha sin dall'incipit, giustamente famoso e osannato da Proust: C'était a Megara, fauburg de Carthage, dans le jardins d'Hamilcar.
    Il romanzo, come appare dall'incipit, è ambientato a Cartagine, nella Cartagine del III secolo a.C. guidata da Amilcare Barca, padre di Annibale, in lotta con Roma per il predominio nel Mediterraneo. La Città-Stato africana ha appena perso la Sicilia al termine della prima guerra punica, e le pesanti condizioni di pace imposte dai Romani non le consentono di pagare i mercenari che sono ritornati in città. Il romanzo racconta in particolare la rivolta dei mercenari, che si sentono defraudati del salario, e la guerra che ne deriva. Gli avvenimenti narrati hanno quindi una base storica, e un primo dato da mettere in evidenza è che Flaubert, per scrivere Salambò, si è sobbarcato un immane lavoro di ricerca nelle fonti antiche, in particolare Polibio. (Chi volesse saperne di più sulla Rivolta dei mercenari può consultare l'omonima dettagliata voce di Wikipedia).
    Perché Flaubert si imbarca in un romanzo che si occupa di un avvenimento storico tanto lontano e tutto sommato oscuro? Le ragioni sono molte, e sono messe bene in evidenza nella bella prefazione al romanzo, ma forse alcune prevalgono sulle altre:
    a) l'ambientazione “classica” permette a Flaubert di dispiegare uno stile di scrittura che porta alle estreme conseguenze la sua ricerca sulla scrittura;
    b) raccontando di un periodo lontano, in cui i paradigmi morali e le convenzioni sociali erano molto diversi dagli attuali, e “dovendo” essere aderente alla realtà storica dei fatti, Flaubert è molto più libero di essere “esplicito”: infatti il romanzo è caratterizzato da un tasso di crudeltà (che a volte rasenta il grand-guignol) e di “cinismo narrativo” inusitato per l'epoca;
    c) L'ambientazione esotica permette a Flaubert di caricare il romanzo di suggestioni ambientali, anche derivate da viaggi e sopralluoghi ad hoc, funzionali a creare un'aura di mistero che contribuisce a sua volta all'indubbio fascino di Salambò;
    d) La vicenda è perfetta per descrivere i meccanismi inesorabili del potere e come a questi siano assoggettati i sentimenti e persino le volontà individuali.
    Sullo sfondo dei fatti storici Flaubert innesta la vicenda di Salambò, sacerdotessa della dea Tanit (la luna) e figlia di Amilcare, che è amata da Matho, il capo dei rivoltosi: La giovane sarà spinta dalla ragion di stato a sacrificare i suoi sentimenti e ad essere strumento della riscossa di Cartagine.
    Il romanzo è molto complesso e richiede di essere letto con attenzione, lasciandosi cullare dal ritmo narrativo Flaubertiano, che ci fa entrare in un mondo antico e sconosciuto, dove ogni frase ci sprofonda in un abisso di odori, colori, rumori e sangue che si fa via via più reale e totalizzante. L'acme lo si raggiunge ovviamente alla fine: l'ultimo capitolo, con la conclusione della vicenda (che non anticipo) credo sia da considerarsi uno dei vertici della letteratura di ogni tempo.
    Come ogni grande romanzo, Salambò può essere letto a vari livelli: se indubbiamente nel caso di uno scrittore come Flaubert prevale il cromatismo, lo spessore della scrittura – e come detto in questo romanzo secondo me Flaubert va “oltre sé stesso” - altrettanta importanza ha ovviamente ciò che sta sotto questa scrittura, vale a dire la vicenda politica narrata. Flaubert scrive Salambò nella Francia apparentemente narcotizzata dal trionfo del II impero, e sembra lanciare un secondo campanello d'allarme, dopo quello di Madame Bovary, sulla fatuità delle convenzioni e delle sicurezze borghesi. Stavolta, come detto, è più esplicito, pur nell'esotismo dell'ambientazione, e quasi prefigura, nel rosso sangue che domina le pagine del romanzo, la inevitabile fine cruenta di un ordine finto, che si sarebbe puntualmente verificata pochi anni dopo.

    Is this helpful?

    Viducoli said on Dec 15, 2013 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Ho abbandonato. La perpetua crisi mistica si Salammbo mi stava un po' stancando.

    Is this helpful?

    Zouzou said on Nov 15, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Non ho mai desiderato tanto l'annientamento di un esercito come in questo caso, perché il supplizio di questa lettura terminasse.
    Sopraffatto da una incredibile e smisurata erudizione,non ne rimane altro.

    Is this helpful?

    Barbara Setti said on Nov 9, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Purtroppo non mi piace! Ho provato più volte a continuarlo, ma la voglia di leggerlo non mi viene proprio. Sarà forse il momento sbagliato.

    Is this helpful?

    Milly86100 said on Aug 14, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection