Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Salutz 1984-1986

Di

Editore: Einaudi

3.7
(7)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 106 | Formato: Altri

Isbn-10: 8806593633 | Isbn-13: 9788806593636 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Salutz 1984-1986?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    I.

    alla fine della giornata quando gli odori
    della giornata sono tutti intorno a te

    ti senti pronto per dire bene bene
    ho fatto qualcosa

    II.
    alle 9.00 ho telefonato in circoscrizione
    per chiedere delle informazioni: in realtà non

    ero per niente ...continua

    I.

    alla fine della giornata quando gli odori
    della giornata sono tutti intorno a te

    ti senti pronto per dire bene bene
    ho fatto qualcosa

    II.
    alle 9.00 ho telefonato in circoscrizione
    per chiedere delle informazioni: in realtà non

    ero per niente certo di ottenere soddisfazione
    perché la giornata odierna era una giornata impegnativa,

    per i lavoratori, diciamo. I lavoratori cattivi, diciamo.
    Dunque telefono e dall'altra parte mi risponde una

    voce e subito di primo acchito volevo urlare "cosa fai al lavoro?
    scendi in strada combatti - in strada in strada"

    invece ho chiesto con voce gentile la cosa dei sacchetti
    per la raccolta differenziata perché io differenzio i

    rifiuti.

    III.
    Alle 10.00 gironzolo per la città e finisco nella mia
    vecchia scuola delle medie dove ci sono però degli uffici

    anche di altri enti e io dovevo andare da questi enti
    entro e vedo centinaia di studenti e torme di insegnanti

    ma guarda, ho pensato, le teste degli uomini sono bellissime
    e sono tutte diverse

    IV
    uscito dalla mia vecchia scuola media ho incrociato,
    giuro, la mia vecchia insegnante delle elementari, una che ci

    picchiava in classe
    gli dei possono averla perdonata

    mia mamma no
    io neppure

    sono anni che non ci salutiamo
    non ne sento la mancanza

    i vostri nati torcano il viso mi viene da dire

    ha scritto il