Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Sangre de tinta

By

Publisher: Ediciones Siruela, S.A.

4.0
(1396)

Language:Español | Number of Pages: | Format: Others | In other languages: (other languages) English , German , Italian , Chi traditional , Japanese , Catalan , French , Dutch

Isbn-10: 847844923X | Isbn-13: 9788478449231 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like Sangre de tinta ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
La vida parece que vuelve a ser apacible en la casa de tía Elinor y en su fascinante biblioteca, o con el regreso de Resa, o con Mo (Lengua de Brujo) de nuevo encuadernando y «sanando» libros enfermos… pero el peligro vuelve a acechar tras las páginas y en el jardín. Meggie, que ha heredado de su padre Lengua de Brujo el don de dar vida a los personajes de los libros cuando lee en voz alta, tampoco será abandonada por la magia en esta aventura... y un nuevo viaje dará comienzo. Meggie partirá hacia el Mundo de Tinta en compañía de Farid con la intención de prevenir a Dedo Polvoriento, pues el cruel Basta y la malvada Mortola no andan muy lejos… Además, por fin conocerá al Príncipe Orondo, a Cósimo el Guapo, al Príncipe Negro y a su oso y el Bosque Impenetrable. Y, cómo no, también le gustaría reencontrarse con las hadas azules, con los elfos de fuego y, como es natural, con Fenoglio, que quizá pueda devolverla al mundo real mediante la escritura. ¿O quizá no?
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Ho apprezzato questo romanzo molto più del precedente Cuore d'inchiostro, forse perché questa volta sono Mo e Maggie, con Resa, Fenoglio e gli altri a entrare nel libro Cuore d'inchiostro di cui cerch ...continue

    Ho apprezzato questo romanzo molto più del precedente Cuore d'inchiostro, forse perché questa volta sono Mo e Maggie, con Resa, Fenoglio e gli altri a entrare nel libro Cuore d'inchiostro di cui cercheranno di modificare gli esiti.
    Interessante l'arrivo del nuovo personaggio - per il momento marginale - di Orfeo, un lettore dall'aspetto orrendo (Farid lo chiama Faccia di Formaggio) ma dalla voce meravigliosa ed evocativa come quella di Mo e Maggie. Sicuramente il suo ruolo sarà fondamentale nel terzo episodio della serie, Alba d'inchiostro. Di certo, il suo nome è molto simbolico!
    Interessantissime le riflessioni che nascono sul rapporto tra uno scrittore e la propria creazione; sull'immortalità che i libri possono donare; sulla capacità dei lettori a diventare partecipi delle vicende dei propri libri preferiti e sulla nascita di alcune leggende (Mo che diventa Glandarius perché Fenoglio ha immaginato un brigante che avesse in tutto e per tutto il suo aspetto - mai pensando che il rilegatore sarebbe entrato nel libro!)

    said on 

  • 5

    (Pubblicato anche qui: http://bibliomaniarecensioni.blogspot.it/2015/01/veleno-dinchiostrocornelia-funke.html )
    Ultimamente ho visto che molti lettori sembrano convinti della validità di un enunciato ...continue

    (Pubblicato anche qui: http://bibliomaniarecensioni.blogspot.it/2015/01/veleno-dinchiostrocornelia-funke.html )
    Ultimamente ho visto che molti lettori sembrano convinti della validità di un enunciato che dice, in sintesi, che il secondo libro di una serie non può che essere inferiore rispetto al primo volume. È probabile che questo sia causato dalla recente mania di produrre solo storie in pacchetti da tre, per così dire, allungando spunti ottimi per uno o due libri per sfruttare al massimo questa passione per le triplette. Tuttavia, credo sia bene ricordare che non tutte le storie nascono in questo modo e che certi autori sanno gestire al meglio questo formato editoriale: è il caso della serie del Mondo d’Inchiostro e di questo Veleno d’inchiostro, secondo libro che secondo me sfata la maledizione del seguito insoddisfacente e si eleva, anzi, fino a superare il suo predecessore.
    A dare quel quid in più a tutta la storia è senz’altro il cambio di ambientazione: dalla nostra realtà di passa a quella del Mondo d’Inchiostro, una terra magica, bellissima e pericolosa. Pur solleticando tutti i sensi degli amanti del fantastico più classico (si tratta pur sempre di un ambiente d’ispirazione tardo medievale) mantiene un che di realistico, soprattutto nella coerenza delle sue regole e della mentalità dei suoi abitanti, che la rende particolarmente vera e viva. Meggie e Mo si troveranno a dover comprendere le leggi che la regolano molto in fretta per riuscire a sopravvivere; e anche chi già le conosce, come Dita di Polvere, avrà di che preoccuparsi.
    Ed è lui ovviamente, l’amico del fuoco, a fare la parte del leone in questo romanzo. Già parlandone nel primo libro l’avevo definito intrigante; e in questo secondo capitolo diventa se possibile ancora più interessante, sfruttando fino in fondo il suo potenziale di personaggio “grigio”, né buono né malvagio. Il suo ruolo si fa essenziale per lo svolgimento della trama e finalmente riusciamo a vedere il suo legame con le fiamme nella sua completezza, sostenuto com’è dalla natura magica della sua terra natia.
    Molti colpi di scena prenderanno avvio dalle sue azioni, e sul finire del libro non si può che rimanere stupiti dalle pieghe prese dalla trama, e timorosi per il destino riservato a lui e agli altri personaggi.
    Presa dal mio entusiasmo per Dita di Polvere, tuttavia, non vorrei farvi credere che sia soltanto lui a mostrare un qualche tipo di crescita; parte del mio apprezzamento per questo libro, infatti, è dovuto al fatto che anche tutti gli altri crescono e cambiano a seconda delle esperienza subite, come dovrebbe accadere in ogni buon libro.
    Meggie e Farid, i più piccoli, cominciano ad affacciarsi sull’adolescenza o, per meglio dire, direttamente sull’età adulta; Mo si ritroverà, suo malgrado, a vivere una parte che diventerà sempre più vera, e ad assaggiare sulla propria pelle la forza della parola scritta; Resa ha finalmente la possibilità di mostrarsi ai lettori, farsi conoscere, e rendere visibile anche a noi il suo coraggio.
    Inoltre, conosciamo anche moltissimo nuovi personaggi, appartenenti al Mondo d’Inchiostro: in particolare, ho apprezzato Cosimo, Violante (e che nomi meravigliosamente calviniani…), Roxanne e anche Orfeo. Ma rivelarvi qualcosa di loro vi priverebbe del piacere della scoperta durante la vostra lettura, quindi qui mi limiterò ad esprimere il mio gradimento.
    Lo stesso dovrò fare per gli avvenimenti che si susseguono nel corso del libro; non vorrei mai svelarvi i colpi di scena, o impedirvi di gustare il crescendo di pericoli e avventure che i nostri affronteranno. Mi limito a dire che, per me, non c’è un solo avvenimento che non risulti, alla fine, necessario alla storia; e nonostante gli accadimenti siano molti, nessuno risulta di troppo, tanto che all’ultima frase del libro si arriva con un miscuglio di soddisfazione e consapevolezza che si tratta, in fondo, di una climax che dà avvio alla terza ed ultima avventura dei nostri beniamini.
    Ovviamente la magia della Lettura e della Scrittura avranno ancora una parte molto importante negli sviluppi della trama e personalmente li ho trovati perfettamente inseriti nello svolgimento, meglio ancora che nel primo libro; forse perché, in un mondo in cui la magia è naturale, risultano dotati di forza ancora maggiore.
    È vero, si tratta di un libro indirizzato a bambini e ragazzi e le illustrazioni fiabesche a inizio capitolo sono sempre lì a confermarlo; ma io concordo con C. S. Lewis quando dice che un libro per bambini che può essere apprezzato soltanto dai più piccoli non è affatto, alla fine dei conti, un buon libro per bambini. Secondo me anche Cornelia Funke è d’accordo con noi. Non vedo l’ora di scoprire cosa ci ha riservato per il terzo e ultimo capitolo!

    said on 

  • 2

    Mmm... Beh...

    ...Mi aspettavo decisamente di meglio. Ho letto il primo libro di questa saga diversi anni fa e mi è piaciuto, molto anche. Ero emozionata per via del secondo, ma, a causa di varie vicissitudini e di ...continue

    ...Mi aspettavo decisamente di meglio. Ho letto il primo libro di questa saga diversi anni fa e mi è piaciuto, molto anche. Ero emozionata per via del secondo, ma, a causa di varie vicissitudini e di altri libri, sono riuscita a leggerlo solo ora e... si vede che i miei gusti sono cambiati, non so, ma questo secondo libro non mi ha per niente lasciata soddisfatta. Ho trovato che lo stile della Funke sia diventato simile alla melassa, lento e pesante. Non sono riuscita a entrare nella trama nemmeno un po'; trama che, per altro, mi è sembrata troppo ingarbugliata e che ho fatto fatica a seguire. Questa serie di complicazioni ha fatto sì che mi ci volesse un mese intero per finire il libro... Un mese e tanta caparbietà. Nonostante ciò, leggerò il terzo perché voglio dare un'altra possibilità a quest'autrice. Speriamo bene!

    said on 

  • 4

    Secondo libro della saga del Mondo d'inchiostro.
    Personalmente, questo secondo capitolo mi è piaciuto di più rispetto al primo.
    Innanzitutto, la storia mi è parsa decisamente più coinvolgente ed inter ...continue

    Secondo libro della saga del Mondo d'inchiostro.
    Personalmente, questo secondo capitolo mi è piaciuto di più rispetto al primo.
    Innanzitutto, la storia mi è parsa decisamente più coinvolgente ed interessante, pur con le sue lacune.
    Inoltre, rispetto al primo, ho notato un miglioramento anche nella caratterizzazione dei personaggi, che qui risultano essere anche molti di più.
    Il finale lascia tutto in sospeso rimandando al terzo ed ultimo capitolo della saga, a differenza del primo che lo si poteva considerare anche un libro finito a tutti gli effetti.

    said on 

  • 5

    Davvero meritevole!

    Non capisco perchè questo libro (insieme agli altri che costituiscono la sua saga) sono messi nella sezione ragazzi.
    Credo sia, infatti, una lettura adatta ad ogni età, sia per la trama sia per lo sti ...continue

    Non capisco perchè questo libro (insieme agli altri che costituiscono la sua saga) sono messi nella sezione ragazzi.
    Credo sia, infatti, una lettura adatta ad ogni età, sia per la trama sia per lo stile utilizzato dall'autrice, alquanto sublime, le descrizioni sono infatti dettagliate ma non eccessivamente prolisse. Intrecci ben costruiti che tengono il lettore in suspance fino alla fine!

    said on 

  • 1

    Talmente noioso che non ho nemmeno voglia di fare una recensione lunghissima.
    La trama di questo secondo libro è lenta. Lenta al punto che per quanto l'intreccio sia ben pensato, riesce a risultare lo ...continue

    Talmente noioso che non ho nemmeno voglia di fare una recensione lunghissima.
    La trama di questo secondo libro è lenta. Lenta al punto che per quanto l'intreccio sia ben pensato, riesce a risultare lo stesso noioso. Ma la pecca peggiore di questa saga è la protagonista: una ragazzina TOTALMENTE idiota, che vien solo voglia di spaccarle il cranio contro il muro tanto è stupida.
    Avrei mollato la saga dopo il primo libro per colpa di questa protagonista deficiente.
    Ma ho continuato perchè ci sono personaggi che vale la pena di seguire e perchè la trama, seppur non raccontata bene, è buona.
    Mollerei la saga dopo questo libro per colpa della protagonista deficiente, del fidanzato altrettanto coglione e della trama stracciamaroni.
    Ma continuerò perchè tanto manca un solo libro.
    Perchè detesto lasciare la roba a metà.
    E perchè spero (speranza vana, lo so) che qualcuno si decida a far fuori quella ragazzina, quella specie di cancro maligno per tutto il corso della storia.

    said on 

  • 5

    Sapevo che la Funke non mi avrebbe deluso. Dopo aver finito cuore d'inchiostro, ho cominciato a leggere il seguito, veleno d'inchiostro. Molto bello e forse migliore del primo, grazie al mondo fantasy ...continue

    Sapevo che la Funke non mi avrebbe deluso. Dopo aver finito cuore d'inchiostro, ho cominciato a leggere il seguito, veleno d'inchiostro. Molto bello e forse migliore del primo, grazie al mondo fantasy con cui entriamo a contatto attraverso le pagine.

    said on 

  • 0

    Assolutamente noioso, senza suspance, senza attrattive, molto meglio Cuore d'inchiostro, ed il pensiero che c'è un seguito mi fa venire il mal di stomaco... ed io amo il fantasy!

    said on 

  • 3

    Forse l'ho letto nel momento sbagliato, ma non sono riuscita ad appassionarmi come per il primo volume...a parte i personaggi principali che sono gli stessi di cuore d'inchiostro sono stati introdotti ...continue

    Forse l'ho letto nel momento sbagliato, ma non sono riuscita ad appassionarmi come per il primo volume...a parte i personaggi principali che sono gli stessi di cuore d'inchiostro sono stati introdotti nuovi personaggi che per quanto mi riguarda troppo "fantasy" mai stati nominati prima che sinceramente non ho trovato per nulla interessanti...non so se andare avanti nella lettura!

    said on 

Sorting by