Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Santi, poeti, naviganti, evasori e badanti

Di

Editore: Aliberti (I lunatici)

4.1
(9)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 317 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8874246625 | Isbn-13: 9788874246625 | Data di pubblicazione: 

Genere: Biography

Ti piace Santi, poeti, naviganti, evasori e badanti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Con la pubblicazione di "Quando la rucola non c'era", "I cretini non sono più quelli di una volta" e "Anche a costo di mentire" in un'unica edizione, i diari di memorie di Enrico Vaime per Aliberti assurgono finalmente al rango di trilogia. Senza scomodare gli illustri precedenti della letteratura italiana, da Goldoni a Calvino questa vaimiana è davvero una trilogia. Prima di tutto per l'oggettivo ordine di sequenza cronologica che le tre "puntate" dell'autobiografia dispiegano al lettore. Si comincia dalla ormai celebre rucola, che ai tempi del Vaime ragazzo "non c'era, o magari non c'era dappertutto come adesso". Si giunge, attraversando il confronto col padre, la naia e i casini (in senso edilizio), al fatidico I960: l'età del "boom", che per il giovane Vaime coincide col personale exploit dell'entrata in Rai. A questo punto, la Recherche vaimiana scivola, dondolandosi fra pubblico e privato, lungo il decennio che porterà dritto al Sessantotto. E si approda così agli anni Ottanta: vero sfondo paesaggistico del terzo volume, Anche a costo di mentire, in cui campeggia, sul piano storico e su quello simbolico, il grande totem della televisione commerciale. E tutto un salto, in avanti e all'indietro, fra vita e memoria. Così, alla fine, si compie il destino tipico di ogni trilogia: quello, cioè, di essere in fondo un unico grande racconto.
Ordina per
  • 4

    Vaime sa sempre farmi sorridere. Anche con questa ricerca del "suo" tempo perduto, che è un po' pure mio.
    Della trilogia preferisco le due prime parti: "Quando la rucola non c'era" e "I cretini non sono più quelli di una volta".

    ha scritto il 

  • 4

    Molto interessante

    Cambierei il titolo a questo libro interessante, ironico, acuto.
    È un titolo che lo identifica come non lo è affatto.
    Non è quello che sembra: è decisamente molto meglio.
    L'autore, famoso per la sua professione di autore televisivo e teatrale,
    ci disegna un'Italia d'altri ...continua

    Cambierei il titolo a questo libro interessante, ironico, acuto.
    È un titolo che lo identifica come non lo è affatto.
    Non è quello che sembra: è decisamente molto meglio.
    L'autore, famoso per la sua professione di autore televisivo e teatrale,
    ci disegna un'Italia d'altri tempi, anche se nemmeno così remoti, attraverso il racconto
    della sua vita professionale inframmezzata dalla sua vita personale.
    Il racconto di vari personaggi famosi (impossibile non riconoscerli, nonostante non sia
    mai, o quasi, citato il nome), dei loro vezzi e abitudini che li rendono normali.
    Da leggere, soprattutto la prima e la seconda parte per ridere, anche amaramente,
    delle nostre piccole, grandi manie.

    ha scritto il