Santo mostro

Di

Editore: Playground

3.6
(58)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 222 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8889113448 | Isbn-13: 9788889113448 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maria Baiocchi

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Religione & Spiritualità

Ti piace Santo mostro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Sul "promontorio ventoso" dei suoi cinquant'anni Clyde Meadows Deiman, un rispettato professore universitario di lingue antiche, sposato e padre di due giovani figlie, decide di raccontare l'episodio che ha segnato la sua infanzia e la sua vita: a otto anni, ha sorpreso la madre con il veterinario sul divano di casa, spezzando così un equilibrio familiare fondato su omissioni e bugie. Un percorso a ritroso nel ricordo in particolare del rapporto con il padre, un uomo bruttissimo, ma anche la creatura "più gentile che abbia mai abitato la terra". Tutte le domeniche, infatti, dai sei agli otto anni, il piccolo Clyde Meadows accompagna l'amatissimo padre a distribuire le Bibbie nei motel più squallidi del Nord Carolina - un espediente con il quale il padre consente alla moglie di tradirlo - incontrando personaggi bizzarri, criminali, adulteri, pedofili, e descrivendo un'America degli anni '50 "che per il fatto di essere più semplice - frontale come uno spettacolo di burattini - era perfino più palesemente bizzarra di com'è oggi." Ma l'idillio tra padre e figlio, lontano dalle inquietudini e dai desideri di fuga della madre, è scosso dalle voci e dai pettegolezzi che porteranno il giovanissimo "Testabionda" a prendere una decisione dagli effetti drammatici e imprevisti.
Ordina per
  • 4

    Lo scrittore americano Allan Gurganus ha uno strano destino tra noi, lodato, recensito, cercato, pubblicato a sprazzi e con modalità che forse non ne aiutano la diffusione e la notorietà.

    Nel 1991 fu ...continua

    Lo scrittore americano Allan Gurganus ha uno strano destino tra noi, lodato, recensito, cercato, pubblicato a sprazzi e con modalità che forse non ne aiutano la diffusione e la notorietà.

    Nel 1991 fu Leonardo a pubblicare quello che in patria é stato un Best Seller, il lungo romanzo
    L´ultima vedova sudista vuota il sacco, ma ahimè non é stato Gurganus a salvare l´editore milanese, come non furono Roth e DeLillo.

    Ora invece é Playground - editore per il resto praticamente specializzato in letteratura gay - a "saccheggiare" (in senso buono) le raccolte di racconti medio/lunghi pubblicate dallo scrittore americano in patria, estrapolandone i punti salienti e facendoli uscire come romanzi brevi singoli. Scelta che potrebbe sembrare discutibile, ma che probabilmente risponde a esigenze economiche e commerciali, e che se non altro ci dà la possibilità di leggere l´autore originario del Nord Carolina.

    Questo Santo Mostro é il racconto finale della raccolta The practical Heart (del 2001), ma in effetti per dimensioni (circa 220 pagine) e compiutezza merita la dignità di romanzo breve (non che i racconti abbiano minore dignità, ma si dice si vendano peggio).

    Gurganus mi pare un autore "della provincia profonda americana" non del tutto dissimile da un Cheever, da un Yates, un cantore onesto e sottile delle tante strade e cittadine in via di gentrificazione (problematica che ovviamente meno riguardava Yates e Cheever, se non come oscura previsione), delle tante famiglie in via di disfacimento o già disfatte in premessa, di quella carnalità della natura e dei corpi che possiamo associare a una vita vissuta ai confini dell´urbanizzazione, in campagne e paesaggi spesso idilliaci, a volte afosi o minacciosi.

    In questo Santo Mostro Clyde Jr. - ormai professore universitario, pacificato con se stesso e con la vita - ci racconta del suo trauma degli 8 anni, lo scoprire l´infedeltá della madre all´adorato padre, Clyde Sr.,il Santo Mostro del titolo, Santo perché profondamente religioso, ma anche uomo generoso, capace di far sentire a proprio agio il mondo attorno a sé, di dispensare allegria, e Mostro perché bruttissimo, eppure sposato a una donna simbolo di sensualità, a volte distruttiva.

    Il libro si apre con una scena fortissima che non vi anticipo, per poi scorrere picaresco, ironico e un po´disperato come in un Mark Twain modernizzato; si tratta di infanzia e di sogni, di amore e amicizie paterne e virili, della stessa identità (anche razziale), di quel nucleo religioso e puritano tipico della provincia americana, e ancora dei retaggi del passato, della scoperta delle proprie origini e di come fare la pace con l´uno e con le altre.

    Gurganus ha una penna carnale, incisiva e raffinata allo stesso momento, partecipe, ricchissima di immagini e particolarmente a proprio agio nelle frenate e nelle accelerazioni, nel ritratto a tre dimensioni dei personaggi.

    Volendo, questa é una rapida storia di innocenza perduta e di vita recuperata, una storia che sembra scritta da un Cheever meno cinico e disperato, o da un Ford insolitamente verboso.

    Un romanzo/racconto che ci parla probabilmente (vorrei leggere le sue prove più lunghe prima di decretare) di un grande scrittore, che consiglierei in primo luogo a tutti gli amanti dell´Americana e - in seconda battuta - a chi abbia apprezzato La vita davanti a sé di Romain Gary (romanzo e scrittore diversissimi, intendiamoci, ma con un comune nucleo di stupore pulito verso una vita sporca, o comunque a chiazze).

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    penalizzato da una brutta copertina, Santo mostro dell'americano Allan Garganus è un grande libro, scritto in maniera mirabile e tradotto con grande accuratezza e partecipazione da Maria Baiocchi per ...continua

    penalizzato da una brutta copertina, Santo mostro dell'americano Allan Garganus è un grande libro, scritto in maniera mirabile e tradotto con grande accuratezza e partecipazione da Maria Baiocchi per Playground. Il romanzo si apre con una scena forte: Clyde, il protagonista, a otto anni, entra in casa e trova la madre sul divano a fiori con sopra il veterinario del paese seminudo, che va in su e in giù come la macchina da cucire, mentre il padre gli urla di non guardare. Il Clyde cinquantenne, che racconta in prima persona la storia della sua vita, parte da questo episodio e poi va a ritroso a illustrare la figura paterna. Mostro per la sua bruttezza, santo per la gentilezza che lo contraddistingue, il padre di Clyde porta ogni domenica in giro il figlio con la scusa di distribuire bibbie nei motel che ne sono sprovvisti. In realtà vuole lasciare all'amatissima moglie Grace la possibilità di tradirlo. Al trauma della perdita dell'innocenza si accompagna per Clyde, dopo poche settimane, quello della perdita del padre, che muore solo in un motel. Grace non ci pensa un attimo a mandare il bambino in un collegio e da quel momento i due non si vedono più. Lui studia, diventa un rinomato professore, si sposa, ha due figlie, e un giorno, sulla strada per Disneyworld, si ferma a salutare Grace. Questa l'ossatura della narrazione; dentro ci sono una serie di sorprendenti riflessioni sui rapporti familiari, sull'amore, sui condizionamenti che esercitano su di noi le circostanze in cui ci troviamo. Il personaggio di Grace, inizialmente avvolto nella nebbia del dolore e dell'umiliazione con cui il figlio l'avvolge, emerge nel finale con una sua stupefacente grandezza. Gurganus non si legge d'un fiato: è concettoso, tortuoso, sardonico. Impegna il lettore, ma ne vale la pena.

    ha scritto il 

  • 4

    Totus tuus

    Il regno di Fantasia sorge sui ricordi dei bambini divenuti adulti. Un minatore cieco li estrae e posa le lastre su cui sono impressi sulla neve. Bastiano, il bambino protagonista, giunge da lui smarr ...continua

    Il regno di Fantasia sorge sui ricordi dei bambini divenuti adulti. Un minatore cieco li estrae e posa le lastre su cui sono impressi sulla neve. Bastiano, il bambino protagonista, giunge da lui smarrito e solo potrà salvarsi riconoscendo un'immagine che gli restituisca la consapevolezza del suo passato per poter tornare a casa. Cosi passerà i giorni che lo separano dalla salvezza osservando quelle immagini fragilissime, semitrasparenti e spesso frammentate, che il minatore continua a depositare sulla neve, indifferente.
    Conosco molto bene quell'andare e venire dal passato al presente, quello scendere e salire dei ricordi che affiorano e scompaiono e che vorrei afferrare, nell'estremo tentativo di ricomporre intero il volto di mia madre. E non mi piace ricordare, perché il ricordare mio si trasforma in prostrazione, talmente intensa da volerla semplicemente evitare. Non potendo rivivere l'eden che fu la mia infanzia, in quell'idillio perfetto di amore mai surclassato, tento di conoscere la persona che mi ha generato, ed é li, tra parallassi e distorsioni e impossibili oggettività, che lo sforzo si trasforma in sonno, L'imperativo é obnubilare sfuggire alle forche caudine. Quanto tempo si perde ed invano, a voler conoscere i propri genitori per nome. Figli e genitori sono come l'acqua e il ghiaccio. Talmente prossimi per funzione da non potersi misurare qualitativamente. I sentimenti amicali, la prossimità e la confidenza sono per i pari ed all'interno del rapporto genitoriale il massimo che si possa sperare é di imparare qualcosa di veramente profondo almeno a proposito u se stessi.
    Avevo addirittura letto che il sentimento religioso posa le ue basi sul senso di protezione, onipotenza ed accudimento che ci avvolge nella muta consapevolezza dei primi anni di vita: C'e sempre qualcuno che pensa per te e non ti abbandona, ti fornisce ciò di cui abbisogni, tiriconduce alla pace qundo sei disperato, offre nutrimento contenimento e consolazione. Ecco allora, ni primi anni i genitori sono un inconoscibile Dio. Quando ci si rapporta con dei bambini, dei figli infatti c'é un periodo di tempo in cui essi chi benedicono di uno sguardo innocente su di noi . Attraverso il loro giudizio piegato come la luce falla forza di un buco nero , possiamo percepire un versione nuova di noi, innocente, pura. Se per un attimo un bambino ci guarda negli occhi sorridendo una gioia di cui ci crede causa, siamo salvati. Infallibili, graziati e perfetti
    Poi i bambini crescono, e arriva il momento in cui i bambini ci vedono. O meglio, esiste sempre un momento che funge da detonatore per mille successive esplosioni, che ci denudano ai loro occhi, strato dopo strato, fino a quando esso ci vede, veramente,fatti di carne ed ossa, meschinità e piccolezze, brutture difetti e bassezze.
    Quello credo sia il momento in cui non solo il figlio comincia veramente a strappare le fibre del suo cordone ombelicale, ma anche il momento in cui si comincia ad invecchiare.
    Questo libro racconta la costruzione di quel momento. Le premesse del progetto,il cantiere, l'edificio portante in tutta la sua magnificenza con il suo piccolo abitante, in piedi un po'rigido, senza scarpe di fianco alla porta d'entrata. E poi sempre il piccolo abitante, correre a posizionare le cariche e l'esplosione, e gli anni successivi ad aspettare la posa delle polveri.
    Con linguaggio poetico pieno di luce e di vetro ci viene riferito del momento in cui l'adulto verrà immolato, ed il figlio comincerà a trascinare dietro di se un sacco pieno di esperienze e colpe, da aprire periodicamente, come si fa con la scatola dei tesori, per tentare di dare un senso al tutto.
    Gurganus imposta il libro su questo e lo fa magistralmente, comunicando appieno lo sgomento ricorrente che a lungo deve averlo tormentato sottoforma di doloroso ricordo, ricordo ricordo. Si capisce che il romanzo é un estremo tentativo di consumare definitivamente una colpa caricata sulle spalle troppo precocemente, in quell'epoca dove non si può avere altra forza che caricarsi sulle spalle le conseguenze della piena realizzazione di un proprio entusiastico pensiero,
    Non anticipo nulla, giacché il fatto crudo viene raccontato subito nelle prime pagine: Gurganus racconta del bambino che era, alle prese con un costoso atto di giustizia: tornare a casa prima dal consueto giro in macchina domenicale che lo vede impegnato assieme al padre nella vendita di bibbie per motel. Questa occupazione é in realtà un a copertura che il padre offre lla moglie affinchè lei possa consumare indisturbata il suo adulterio. Piombando sulle natiche dell'amante di sua madre, il bambino metterà fine alla dignità che il padre ha costruito per se, ed anche al rapporto con la madre,che da li a poco lo metterà in istituto giudicandosi inadatta ad accudirlo.
    La salvezza , nel racconto, arriva quando il protagonista affronta la madre, unico tangibile segnale della consistenza reale dei suoi ricordi. La ricerca si placa e la scrittura si fa opaca, meno necessaria, condotta dalla volontà piuttosto che dll'urgenza .
    Ma é cosi che ci si salva dalla balia del Tempo e dal logorio dei ricordi frammentari, dai tagli ricorrenti dei sentimenti incontrollabili: riallacciandosi al reale.
    Ci si salva salutando le amiche delle elementari che non saluti più facendo finta i non conoscere o di non riconoscere, ci si salva riannodando l'oggi con un giorno sperso nel labirinto della memoria, ci si salva accettando il primo ricordo doloroso e rivelatore che ti ha per un breve attimo mostrato il volto deforme di tuo padre .
    Ci si salva camminando immemori dimentichi davanti ad immagini tutte diverse e poi lentamente tutte uguali, rabbrividendo un freddo invernale che non si placa e come lui non placandosi a guardare fino che un giorno che si scorge un'immagine che fa come un raggio di sole, subito, la primavera.

    ha scritto il 

  • 2

    Tiepido-brio-intermittente

    Quando ho acquistato, usato, questo romanzo, mi ero sentitamente indignato leggendo una simpatica, affettuosa dedica, scritta a mano da qualcuno a qualcun altro, un ingrato, pensai, un senza cuore che ...continua

    Quando ho acquistato, usato, questo romanzo, mi ero sentitamente indignato leggendo una simpatica, affettuosa dedica, scritta a mano da qualcuno a qualcun altro, un ingrato, pensai, un senza cuore che ha avuto l’ardire di rivendere un regalo che avrebbe dovuto cementare, nelle intenzioni del donante, una nuova, bella amicizia. Affossandola in partenza; perché il presente volume è finito nelle mani dello scrivente che, impazienti, vorrebbero a loro volta sbarazzarsene. Capisco ora, pur non approvandolo, il gesto deprecabile del ricevente campione d'etichetta. E’ una parabola di tensione narrativa tutta in soporifera discesa questa prova incolore di Allan Gurganus: Santo Mostro è la storia di uno che, oramai pressoché cinquantenne, ci racconta di quando a 8 anni scoprì la madre a letto con un aitante veterinario soprannominato Doc Dick Dix (eh già…), di ritorno da una consueta domenica di giri per motel col padre, brutto brutto brutto, ma buono buono buono (di qui il titolo del libro), a distribuire e rimpiazzare bibbie. Da lì si snoda tutto il racconto, che avvince a singhiozzo - ma senza slanci davvero convincenti - per oltre 200 pagine, salvo poi cercare di riprendersi alla fine con risultati alquanto tiepidi e insapori. Trascurabile

    ha scritto il 

  • 3

    Secondo regalo di Babbo Natale, 2011

    *** e mezza.
    Per il resto, devo lasciar decantare.

    A distanza di quasi due mesi, non è decantato gran che: credo di poterlo scambiare senza rimorsi. Ci sono sottolineature a matita morbida, dunque cre ...continua

    *** e mezza.
    Per il resto, devo lasciar decantare.

    A distanza di quasi due mesi, non è decantato gran che: credo di poterlo scambiare senza rimorsi. Ci sono sottolineature a matita morbida, dunque credo facilmente cancellabili.

    ha scritto il 

  • 3

    un padre di straordinaria bruttezza e incredibile bontà, una madre sciamannata e noncurante- e la scoperta dei segreti (tragici) di una famiglia del sud degli stati uniti, tra sensi di colpa e legami ...continua

    un padre di straordinaria bruttezza e incredibile bontà, una madre sciamannata e noncurante- e la scoperta dei segreti (tragici) di una famiglia del sud degli stati uniti, tra sensi di colpa e legami così stretti che nessuna lama della vita può spezzare.

    "qualche volta, figlio" disse dopo un po' di chilometri "ti chiedi se quello che ami di più basta a compensarti."

    ha scritto il 

  • 3

    Un romanzo breve sulla perdita dell'innocenza pieno di ripetizioni e banalità che mi ha annoiata. Si riprende con uno scatto di reni nel finale, dove il colloquio con la madre è veramente molto bello. ...continua

    Un romanzo breve sulla perdita dell'innocenza pieno di ripetizioni e banalità che mi ha annoiata. Si riprende con uno scatto di reni nel finale, dove il colloquio con la madre è veramente molto bello. Poco per quattro stelle.

    ha scritto il 

  • 3

    Racconto un poco troppo lungo, sconta nella sua prima parte un forte senso di finzione. Nella seconda, pure. Due pagine degne di nota sono rappresentate dall'invettiva della madre nei confronti del fi ...continua

    Racconto un poco troppo lungo, sconta nella sua prima parte un forte senso di finzione. Nella seconda, pure. Due pagine degne di nota sono rappresentate dall'invettiva della madre nei confronti del figlio, verso la fine. Per il resto, Gurganus ha il dono di una piacevole scrittura, ma in questa prova
    manca la scintilla che lo possa fare uscire dall'anonimato letterario.

    ha scritto il 

Ordina per