Sardegna come un'infanzia

Voto medio di 107
| 31 contributi totali di cui 21 recensioni , 9 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
"Sardegna come un 'infanzia - ebbe a scrivere magistralmente Geno Pampaloni sulla rivista "il Ponte" " era un reportage e nell'insieme rimane un libro composito: un po' poema in prosa, un po' "recensione" di paesaggi e figure come era nel gusto del ... Continua
Ha scritto il 12/05/17
L’isola che (non) c’è
È una Sardegna battuta dal vento di maestrale, ammantata di boschi e fichi d’india, profumata dii lentischio e brezza marina e dai profili granitici di monti e scogliere quella ritratta dalla penna di Elio Vittorini in questo breve scritto che, ..." Continua...
  • 34 mi piace
  • 8 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 22/08/16
Io so cosa vuol dire essere felice nella vita - e la bontà dell'esistenza, il gusto dell'ora che passa e delle cose che si hanno intorno, pur senza muoversi, la bontà di amarle, le cose, fumando, e una donna in esse. Conosco la gioia di un ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 17/01/16
Un viaggio. Un libro sul viaggio. Un libro che è un viaggio. Sensazioni. Luoghi. Poesia.
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 31/08/15
un poetico spaccato di Sardegna degli anni '30, assolutamente da "rileggere" per farci rimpiangere un paesaggio passato!
  • 2 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 30/11/14
"Infine, scendiamo verso il mare. In Sardegna si sente sempre, a cento e cento chilometri dalle coste, che splende nell'aria da ogni lato. E' una vera isola, Sardegna, dentro il suo splendore e le sue tempeste"
Credevo sinceramente che Vittorini, da isolano, avrebbe saputo intessere, intorno alla Sardegna, un racconto disvelatore e disincantato; pensavo che gli sarebbe bastato uno sguardo per comprenderla (per analogia con la natia Sicilia) e smascherarla ..." Continua...
  • 5 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Aug 23, 2013, 19:57
Di generazione in generazione eravamo sempre noi.
Anche il bimbo tornava bimbo.
Ma si cambiò animo più volte.
Pag. 124
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 23, 2013, 19:56
Dicevamo cancello, dicevamo gradino, e si sapeva che non erano soltanto cose così, ma segreti di cui mantenere il segreto.
Pag. 123
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 23, 2013, 19:56
Ecco: Sardegna è finita. Ho dormito quattordici ore, e ora m’ha destato il rumore del primo tram che rotola sul mondo deserto. Di nuovo sono nella mia clama, nella mia stanza dove la finestra è rimasta tutta la notte spalancata. E io capisco ... Continua...
Pag. 113
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 23, 2013, 19:56
Poche volte nella mia vita sono stato così felice. Così dentro all’incanto di una realtà che dura. Troppo vera; di un di più che non mi lascia pensare che finirà.
Pag. 100
  • Rispondi
Ha scritto il Aug 23, 2013, 19:56
Ora, malgrado tutto, quando, seduti sopra un sasso, meditano, assonnati, e nulla da fare li occupa, loro sono nella vita. Gli altri che lottano, no, se si lasciano occupare del tutto, nella loro coscienza, dalla lotta e dal moto, e non intendono ... Continua...
Pag. 78
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Jul 14, 2016, 14:18
853.91
VIT 4097
Letteratura Italiana
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi