Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Savages

A Novel

By

Publisher: Simon & Schuster

3.7
(915)

Language:English | Number of Pages: 320 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , French , German

Isbn-10: 1439183368 | Isbn-13: 9781439183366 | Publish date: 

Also available as: Paperback , eBook , Audio CD

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Savages ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Young, independent Laguna Beach-based marijuana kingpins are blackmailed into workingfor the Baja Cartel after one of their threesome is kidnapped.
Sorting by
  • 3

    Esagerato in tutto, sesso, violenza, idealismo, amicizia ecc.
    Troppo.
    Comunque avvincente e originale nella scrittura.
    In classifica molto indietro rispetto agli altri libri di Winslow. ...continue

    Esagerato in tutto, sesso, violenza, idealismo, amicizia ecc.
    Troppo.
    Comunque avvincente e originale nella scrittura.
    In classifica molto indietro rispetto agli altri libri di Winslow.

    said on 

  • 4

    Adoro Winslow!

    Su questo romanzo ho letto diversi pareri. Chi lo ritiene bellissimo, chi invece non ha accettato il cambiamento dello stile narrativo di Winslow. Io ho trovato Le belve, certamente diverso dai preced ...continue

    Su questo romanzo ho letto diversi pareri. Chi lo ritiene bellissimo, chi invece non ha accettato il cambiamento dello stile narrativo di Winslow. Io ho trovato Le belve, certamente diverso dai precedenti romanzi dell’autore, ma comunque un libro veloce, con capitoli brevissimi che scorrono senza sosta, e soprattutto, senza noia. Winslow, in questa nuova avventura, utilizza un linguaggio molto giovanile, ricco di parolacce e molto dettagliato, soprattutto nelle scene di sesso. Per chi non amasse il genere, non è sicuramente il libro adatto. Molto spesso l’autore si rivolge direttamente ai lettori, con frasi comiche e taglienti che rendono la lettura anche simpatica. Lo stile narrativo nel complesso mi ha convinto, risultando molto cinematografico (in effetti Oliver Stone ne ha tratto un film uscito nel 2012). Iniziamo subito a conoscere i personaggi principali: Ben, Chon e O. (che sta per Ophelia). Di contro attraverso flashback e azioni al presente anche i personaggi che gli fanno da contorno: il messicano Lado, la Reina Elena, il poliziotto corrotto Dennis. Ben è un ragazzo geniale. E’ un economista figlio di due psicoanalisti figli dei fiori. E’ una macchina da soldi ed è l’inventore della migliore “maria” in commercio nella California a due passi dal Messico. E’ anche un buddista convinto e soprattutto fautore di molte opere di beneficenza nei paesi del terzo mondo, dove non manda soltanto denaro, ma provvede ad andare di persona a costruire con le proprie mani le opere di bene. Chon non è un asiatico, come sembrerebbe dal nome, ma un tipo che ama dissertare sull’etimologia delle parole e crearne di nuove, tra cui anche il suo nome. Ex militare dei Seal, è stato in Afghanistan ed ha provato sul suo corpo la guerra. E’ uno che lascia parlare i fatti e non le parole, e si integra perfettamente con Ben. O. è il diminutivo di Ophelia. Lo ha ridotto semplicemente alla sua lettera iniziale perché lo sente più grande dell’affetto ricevuto da piccola, ma anche per la fine che ha fatto l’Ophelia nell’Amleto di Shakespeare. Lei non ha nessuna intenzione di finire annegata. E’ innamorata di entrambi i suoi uomini. La storia di per se è molto semplice. Tutto sarebbe facile e bello se il Cartello del narcotraffico messicano non si fosse messo in testa di ridurre la ditta B & C a dei semplici fornitori, sottraendogli oltre al prodotto anche la clientela. Per convincerli che l’affare va fatto gli spediscono un video dove vengono mostrate sette decapitazioni. A Ben e Chon restano due alternative: incassare i dividendi e ritirarsi di buon ordine o accettare la sfida in campo aperto e prepararsi alla battaglia senza esclusione di colpi. Ma in gioco non ci sarà solo la loro impresa commerciale, ma la loro stessa vita e quella di Ophelia. La storia è dunque, come già detto, semplice. L’azione pura arriverà solo nelle scene finali. La parte iniziale sarà dedicata con dovizia di particolari alla caratterizzazioni dei protagonisti resi benissimo dalla penna dell’autore. Meticolosa la descrizione dei cartelli del narcotraffico, sinonimo di una forte conoscenza dell’argomento. Un romanzo particolare, rapido, coinvolgente. L’autore riesce, con l’uso di capitoli brevi e brevissimi, a mantenere accesa l’adrenalina. Un noir coinvolgente, da leggere fino all’ultimo respiro lasciandosi travolgere dalla scrittura veloce e sincopata di Winslow. Voto: 7/8.

    said on 

  • 3

    Doppia lettura per Don Winslow, con I re del mondo e Le belve. Lo stesso mondo cinico, apatico, egoista, avido de Il potere del cane. Due buoni romanzi, ottimamente narrati, con grandi e potenti perso ...continue

    Doppia lettura per Don Winslow, con I re del mondo e Le belve. Lo stesso mondo cinico, apatico, egoista, avido de Il potere del cane. Due buoni romanzi, ottimamente narrati, con grandi e potenti personaggi.

    said on 

  • 0

    due ragazzi e una fidanzata

    un romanzo rapido come un tiro di..., un romanzo in vero stile californiano pieno di vilenza, droga, selvaggio, storie maledette. scritta ed edito con una tencia molto particolare con pagine anche di ...continue

    un romanzo rapido come un tiro di..., un romanzo in vero stile californiano pieno di vilenza, droga, selvaggio, storie maledette. scritta ed edito con una tencia molto particolare con pagine anche di una sola parola e altre piene, ma che mi ha convinto complessivament eanche se in realtà ci sono circa 200 pagine

    said on 

  • 4

    ultimo di 7 Winslow letti in fila, il migliore mi pare resti "Il potere del cane" il primo che ho letto. In quest'ultimo LE BELVE si va anche per lle strade del romanzo della serie ci piacerebbe un mo ...continue

    ultimo di 7 Winslow letti in fila, il migliore mi pare resti "Il potere del cane" il primo che ho letto. In quest'ultimo LE BELVE si va anche per lle strade del romanzo della serie ci piacerebbe un mondo di spacciatori come Ben...

    said on 

  • 3

    nessuno leggerebbe una sceneggiatura al posto di un romanzo

    perchè la sceneggiatura è solo la premessa di un altro linguaggio, quello del cinema. Eppure Don Winslow si sposta sempre di più in questa direzione. Non lo capisco. Tre stelle perchè la storia, comun ...continue

    perchè la sceneggiatura è solo la premessa di un altro linguaggio, quello del cinema. Eppure Don Winslow si sposta sempre di più in questa direzione. Non lo capisco. Tre stelle perchè la storia, comunque, è di quelle che appassionano.

    said on 

  • 4

    Come selvaggi. Belli, bellissimi selvaggi.

    Bella storia, anche se il cambio di stile di Don (più somigliante a una sceneggiatura) non mi ha fatto impazzire.

    said on 

  • 4

    8

    Un novela salvaje escrita para salvajes, drogas, sexo y mas drogas, un guion de pelicula al mas estilo americano, frases cortas y directas, divertida de cojones.
    Chapo Don Winslow

    said on 

  • 5

    Geniale!

    Don Wilson è un genio. Una storia moderna, tristemente attuale a tinte noir scritta in uno stile unico e accattivante. Pungente, sfrontato, dritto al bersaglio in un mix di scorrevole e folle coinvolg ...continue

    Don Wilson è un genio. Una storia moderna, tristemente attuale a tinte noir scritta in uno stile unico e accattivante. Pungente, sfrontato, dritto al bersaglio in un mix di scorrevole e folle coinvolgimento. Da leggere!

    said on 

Sorting by