Nella pittoresca giungla di artisti della Montparnasse anni Trenta, Lillian e Jay si incontrano e intessono una tormentata storia d'amore. Jay, pittore versatile e irriverente, rappresenta per Lillian la liberazione dai pregiudizi e dalle ... Continua
Ha scritto il 14/06/15
"Com'è profondo il mare" di Anais Nin....
La validità di uno stile di vita ha la sua controprova dal modo con cui dialoga con la sofferenza. E in Anais Nin, che spesso ce la dimentichiamo, lo scrivere diviene in qualche modo elemento di riscatto o ,posso immaginare, di chiarezza interiore ...Continua
  • 11 mi piace
  • 10 commenti
Ha scritto il 21/01/13
Una vera goduria i fini ritratti psicologici dei tanti personaggi, molti dei quali sono delle meteore ma, seppur "marginali" non risultano "minori". Tanti ritratti (ma non tutti) che, come i puntini di un quadro impressionista, se osservati dalla ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 07/06/12
Cities of Interior, #1 introduzione viola papetti traduzione monica pavani nota al testo gunther stuhlmann
Ha scritto il 28/08/11
"Quando attaccava dei bottoni sui vestiti di Jay, Lillian insieme ai bottoni cuciva i frammenti sparsi e incoerenti delle idee di lui, delle sue invenzioni, dei suoi sogni incompiuti. Lei non faceva che tessere, cucire e rammendare perchè dentro di ...Continua
Ha scritto il 08/04/11
"Lillian attaccava un bottone e intanto rimetteva insieme i brandelli delle sue ostinazioni; ne attaccava un altro e cuciva le sue parole, sempre troppo slegate; intesseva i loro giorni insieme per farne una tappezzeria; le loro parole insieme, i ...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi