Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Scarecrow and the Army of Thieves

By

Publisher: Pan Macmillan Australia

3.9
(15)

Language:English | Number of Pages: 576 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 1742610285 | Isbn-13: 9781742610283 | Publish date: 

Also available as: Others , eBook , Paperback , Audio CD

Category: Fiction & Literature

Do you like Scarecrow and the Army of Thieves ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    Ora, non è che uno torna a casa, apre Spotify e si ascolta ogni santissima sera la Wiener Philharmoniker in una memorabile interpretazione wagneriana. E non è che dopo cena uno si debba posizionare mollemente sul divano per godersi le scene più rilevanti de “Il settimo sigillo”, commuovendosi men ...continue

    Ora, non è che uno torna a casa, apre Spotify e si ascolta ogni santissima sera la Wiener Philharmoniker in una memorabile interpretazione wagneriana. E non è che dopo cena uno si debba posizionare mollemente sul divano per godersi le scene più rilevanti de “Il settimo sigillo”, commuovendosi mentre la Morte gioca a scacchi con Antonius Block.

    No: a volte uno sale in macchina e ha voglia di ascoltare il ritornello stupidissimo ma molto orecchiabile che fa da sottofondo all’ultima pubblicità di un gelato al mango, oppure vuol semplicemente scaraventarsi davanti alla TV per godersi due ore di insensate sparatorie che abbiano un protagonista (uomo) tatuato fino alle sopracciglia ed una protagonista (donna) con un ridottissimo vestitino in latex.

    Lunga introduzione che sottintende una giustificazione non richiesta, me ne rendo conto. Ma il mio “io lettore” è fatto della stessa pasta: va in brodo di giuggiole per Murakami eppure a volte ha il bisogno di essere nutrito con pagine di pura azione.

    Fino a qualche anno fa a svolgere egregiamente il compito erano stati i romanzi di Tom Clancy, almeno fino a quando la storia di Jack Ryan e famiglia non prese una piega surreale; da qualche giorno ho scoperto (grazie, R.) una voce che proviene dal continente oceanico e che mi sembra in grado di rispondere ad una esigenza di puro stacco.

    Matthew Reilly ha dato alla stampa una lunga serie di romanzi culminati nel 2013 con la pubblicazione de “L’esercito dei mercenari”, romanzo che risponde perfettamente alla definizione di “patto fra autore e lettore” basato su uno scambio che è chiaro e infrangibile fin dall’inizio: chi ha il libro in mano implora soltanto di essere catturato da trama ed eventi, e come contropartita mette sul piatto l’assoluta disponibilità a ritenere possibile qualsiasi cosa.

    Funziona perfettamente: Reilly impone alla sua narrazione un ritmo forsennato che garantisce un evento (generalmente militar-violento) ogni cinque/sei pagine. E tu non puoi metabolizzare la morte di un personaggio o il rischio corso dal protagonista semplicemente perché sei perfettamente conscio che sta per accadere qualcosa che, nell’economia dell’impianto narrativo, sarà altrettanto epocale. Non avverti la mancanza di una caratterizzazione dei personaggi perché, semplicemente, nooooon-laaaaa-vuoiiiii: senti soltanto il bisogno di arrivare alle battute finale, disponibile a chiudere un occhio su inverosimili voli aggrappati ad una fune aeronautica o su bestie feroci incattivite da addestramenti terroristico-circensi.

    Dopo un paio di cene in ristoranti stellati Michelin, un (buon) panino con la salamella ha sempre il suo bel perché.

    --- www.masedomani.com ---

    said on 

  • 4

    Reilly torna in scena e con lui il personaggio di Scarecrow. A mio avviso l'autore si risolleva da quello che per me era stato un po' uno scivolone, cioè "I cinque guerrieri". Per fortuna (almeno, per me è meglio così), stavolta lascia da parte gli elementi fantasy e torna a quelli sì surreali, m ...continue

    Reilly torna in scena e con lui il personaggio di Scarecrow. A mio avviso l'autore si risolleva da quello che per me era stato un po' uno scivolone, cioè "I cinque guerrieri". Per fortuna (almeno, per me è meglio così), stavolta lascia da parte gli elementi fantasy e torna a quelli sì surreali, ma sempre in ambito tecnologico, che risultano più credibili in un romanzo d'azione. Va detto che, come spesso nei libri di questo autore, c'è una certa prevedibilità, soprattutto su quali personaggi sopravvivranno e quali moriranno. E' una lettura che va quindi affrontata senza troppe aspettative di realismo da questo (e a ben pensarci, da molti altri) punto di vista. Carino il finale.

    said on 

  • 4

    Fast action book, sempre gradevole da leggere e divertente. Personaggi indimenticabili. Matthew Reilly ha inventato un nuovo modo per distruggere la terra e il nostro solito eroe lo impedisce con le sue abilita' di ammazza 7 e storpia 14. Chuck Norris e' una vecchietta su sedia a rotelle in confr ...continue

    Fast action book, sempre gradevole da leggere e divertente. Personaggi indimenticabili. Matthew Reilly ha inventato un nuovo modo per distruggere la terra e il nostro solito eroe lo impedisce con le sue abilita' di ammazza 7 e storpia 14. Chuck Norris e' una vecchietta su sedia a rotelle in confronto di Scarecrow.

    said on