Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Scende la notte tropicale

Di

Editore: Sellerio di Giorgianni

3.7
(67)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 279 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8838919461 | Isbn-13: 9788838919466 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Scende la notte tropicale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La notte scende sulla giornata della vita. La metafora che il titolo svela enasconde è abbastanza scoperta, perché Puig, col suo "raccontare di sbieco"(così lo definisce Angelo Morino nella nota critica a questo romanzo)riferisce delle giornate di due anziane signore al tramonto. Lucy e Nidia, duesorelle, tra Buenos Aires, dove hanno trascorso gran parte dell'esistenza, ela più colorata e variopinta, tropicale, Rio de Janeiro, dove hanno sperato diconcluderla, con ritorni, e con puntate in Europa a trovare i figli. Eattraverso il dialogo vivo, usando lettere, ritagli di giornali,comunicazioni diverse, Puig in realtà racconta le storie che si riflettononello specchio delle giornate attive di contemplazione di due donne.
Ordina per
  • 3

    “E’ quella malinconia del pomeriggio che comincia a farsi buio […] Poi di sera è già diverso, quella sensazione sparisce.” (** e 1/2)

    Le giornate di due sorelle anziane: è la vita di ogni giorno quella raccontata in maniera atipica (attraverso il dialogo vivo e l’uso delle lettere ai loro figli o nipoti) dall’autore. Le voci dei per ...continua

    Le giornate di due sorelle anziane: è la vita di ogni giorno quella raccontata in maniera atipica (attraverso il dialogo vivo e l’uso delle lettere ai loro figli o nipoti) dall’autore. Le voci dei personaggi e le loro piccole storie sono riprodotte senza l’intervento esplicito del narratore e a tratti l’esposizione si fa tediosa, rispecchiando il carattere di chi parla o scrive (le lettere di Nidia sono estenuanti). Un romanzo che, secondo me, costringe il lettore a subire passivamente (senza grande partecipazione) i fatti che apprende esclusivamente attraverso i racconti e i giudizi dei due personaggi principali.

    ha scritto il 

  • 0

    La domanda è trita e se vogliamo banale. Meglio un libro scritto male ma con una trama avvincente, o meglio una storia (apparentemente) banale raccontata però in modo sublime? Se amate le trame origin ...continua

    La domanda è trita e se vogliamo banale. Meglio un libro scritto male ma con una trama avvincente, o meglio una storia (apparentemente) banale raccontata però in modo sublime? Se amate le trame originali (ma ne esistono ancora?) e a effetto lasciate perdere questo libro. Se invece cercate una scrittura e un modo di organizzare la trama originali, “Scende la notte tropicale” è il libro che fa per voi. Una trama che pare esile, ma ricca di tanti temi, spunti e richiami. E il finale, nella sua semplicità e apparente freddezza è da brivido lungo la schiena.
    Vino in abbinamento. Dopo anni di degustazioni (e di bevute) sono giunto a una conclusione. Amo i vini eleganti, mai smaccati. Quelli che ci devi perdere un po’ di tempo per capirli e per pensarli, perché ti si regalino in tutta la loro pienezza. Un nome tra tanti: Barbaresco Rabajà Riserva di Giuseppe Cortese.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro assai strano. Due sorelle ottantenni che chiacchierano tra loro di una vicina di casa, a Rio de Janeiro, e la sua storia. Poi un carteggio vario, verbali di polizia, giornali. Ad un certo pun ...continua

    Un libro assai strano. Due sorelle ottantenni che chiacchierano tra loro di una vicina di casa, a Rio de Janeiro, e la sua storia. Poi un carteggio vario, verbali di polizia, giornali. Ad un certo punto ho pensato fosse brutto. Poi è cominciato a piacermi , specie lo stile con cui è raccontato. Alla fine devo confessare che mi è piaciuto molto più del previsto.

    ha scritto il