Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Scende la sera nel giardino antico

Di

Editore: L'Ambaradan

3.7
(3)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8889257210 | Isbn-13: 9788889257210 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Ti piace Scende la sera nel giardino antico?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un giovane scrittore incontra casualmente, nei dintorni di una villa nei pressi di Agliè, una anziana signora. Quali oscuri richiami l'avevano spinta tra i rovi e quelle mura abbandonate? Il giovane scopre attraverso il racconto della donna che colei che aveva di fronte era la Carlotta di Gozzano. Comincia così un romanzo sulla vita di Guido Gozzano, e sul suo tempo: la belle-époque di D'Annunzio, Stravinskij, Camasio, la divina Duse, e poi ancora Boldini e Grosso, immersi in una atmosfera Liberty ricca di sfumature e ombre. Tra scenografie campestri del Meleto, cittadine di Torino e Parigi, si snodano le vicende di Gozzano e Carlotta, sino a un finale imprevedibile. Pier Luigi Berbotto, nato a Bra ma torinese d'adozione, ha pubblicato, oltre a Concerto Rosso, il romanzo L'ombra della cattedrale, il libro fotografico Effetto Langa, la raccolta di racconti Malvino nella città dei suoni, il libro intervista Luciano Pavarotti: canto e controcanto, l'esclusivo saggio narrato sulla direzione d'orchestra Il gesto e il sortilegio.
Ordina per
  • 3

    Originalità vestita d'Eleganza

    Capisco perchè ben 2/4 voti siano di 4 stelline. E' un libretto delizioso, a suo modo appassionante, scritto con uno stile inusuale. Quello che non capisco è perchè sia così poco diffuso.


    La storia è quella dell'amore tra Guido Gozzano e la sua Carlotta, una tal Erminia. Amore platonico, f ...continua

    Capisco perchè ben 2/4 voti siano di 4 stelline. E' un libretto delizioso, a suo modo appassionante, scritto con uno stile inusuale. Quello che non capisco è perchè sia così poco diffuso.

    La storia è quella dell'amore tra Guido Gozzano e la sua Carlotta, una tal Erminia. Amore platonico, fisico, non-detto, quasi tragicamente non-consumato. La vicenda si snoda tra una incantevole Torino d'inizio Novecento, tra una cioccolata da Baratti e una lettura pomerdiana in un circolo letterario, tra ville con meleti in fiore e teatri. Nell'aria aleggiano i nomi (e le presenze) di personaggi come D'annunzio, Stravinsky, mentre nel mondo scende l'ombra della grande guerra e viene scoperto il cinematografo. L'espediente letterario per far avanzare la storia viene da un'Erminia ormai anziana che racconta il suo passato a un giornalista non meglio identificato, che si premunisce di scriverla. Un colpo di scena nelle ultime pagine ricapovolge la vicenda, gettando sui fatti una luce del tutto diversa.

    ha scritto il 

  • 4

    Nonostante il ragguardevole numero di libri che ho letto, questa storia si rivela originale e totalmente fuori gli schemi, come scrittura e trama. Da leggere per esplorare un'insolita Torino nei primi del Novecento!

    ha scritto il