Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Schiavi e androidi

Di

Editore: DBooks

4.0
(4)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: eBook

Isbn-10: 8897125182 | Isbn-13: 9788897125181 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Science Fiction & Fantasy

Ti piace Schiavi e androidi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Lungi dall’essere “leggero”, la fantascienza è forse uno dei generi più difficili da scrivere e allo stesso tempo più stimolanti da leggere: allo scrittore chiede di sapere unire fantasia, coraggio intellettuale e una visione del mondo come sarà domani e quindi una conoscenza ponderata di quello come è oggi; al lettore, la capacità di abbandonarsi a una sospensione dell’incredulità senza perdere la capacità critica che lo porti ad apprezzare la metafora che sempre si annida in un racconto o in un romanzo che sia degno di essere definito “di fantascienza”.
Ecco perché i racconti di Laura Iuorio racchiusi in Schiavi e Androidi devono essere considerati fantascienza allo stato puro: avvincono, commuovono, fanno sorridere senza mai smettere di farci pensare al presente e a quello che oggi chiamiamo vita e che domani, forse, sarà solo una declinazione di un’idea di esistenza molto più ampia e complessa.
Le sette storie raccontate in questa raccolta, infatti, ci raccontano di un mondo dove l’umanità si avvicina, si incontra e si sovrappone a forme di esistenza diverse (ma quanto, poi?) in un futuro che per certi versi è già cominciato.

In "Polvere", lo scenario è classicamente western, ma i buoni e cattivi, il cacciatore di taglie e il bandito, i predicatori e i peccatori che lo popolano sono i pionieri di una frontiera molto più lontana di quella del vecchio West, nel tempo e nello spazio.

"Ariel" è, semplicemente, una splendida, struggente storia d’amore, crudele e dolcissima nella sua impossibilità.

"Il compagno di studi" riesce a raccontare, avvincendo, non solo la storia di un androide che viaggia verso la coscienza di sé, ma soprattutto quella degli esseri umani che si trovano ad affrontare il suo cambiamento.

Ne "Il favorito", una delicata missione diplomatica interstellare si trasforma in una storia d’amore dove ruoli e sentimenti sono molto più complessi e cangianti di quello che appaiono.

Avventura, amore, schiavitù e libertà la fanno da padroni ne "La gente di Gorne" dove incontriamo contrabbandieri, ribelli e scopriamo il destino di un androide davvero speciale.

"Il Lungo sonno" è quello da cui si risveglia un uomo arrivato dal passato che cercherà di conquistare una libertà impossibile di fronte agli occhi disincantati di un giovane alieno.

La chiusura è affidata alla deliziosa "Melli", un'androide che insegnerà al suo programmatore l’irresistibile bellezza di essere vivi e… umani.

Ordina per
  • 5

    La raccolta è edita da Dbooks e contiene sette racconti di fantascienza dalle ambientazioni più disparate, ma sempre legati dal tema comune suggerito del titolo. Non voglio anticipare troppo, perché vi rovinerei la sorpresa, ma vi assicuro che vi affezionerete ad alcuni personaggi e a diverse sit ...continua

    La raccolta è edita da Dbooks e contiene sette racconti di fantascienza dalle ambientazioni più disparate, ma sempre legati dal tema comune suggerito del titolo. Non voglio anticipare troppo, perché vi rovinerei la sorpresa, ma vi assicuro che vi affezionerete ad alcuni personaggi e a diverse situazioni... passerete da atmosfere calde e polverose in perfetto stile western, ad ambienti asettici di astronavi, dalla vita grigia di un impiegato sulla soglia di un cambiamento radicale della sua vita a quella un po' più leggera di uno studente di ingegneria del futuro alle prese con l'intelligenza artificiale. Se siete appassionati del genere, questa raccolta è imperdibile, se invece non avete mai provato a leggere nulla a tema fantascientifico, beh... potreste iniziare da qui!

    ha scritto il