Schrecklich amüsant - aber in Zukunft ohne mich

By

Verleger: Goldmann

4.0
(3474)

Language: Deutsch | Number of Seiten: 183 | Format: Others | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) English , Italian , Spanish

Isbn-10: 3442542294 | Isbn-13: 9783442542291 | Publish date: 

Auch verfügbar als: Audio CD

Category: Fiction & Literature , Humor , Travel

Do you like Schrecklich amüsant - aber in Zukunft ohne mich ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 5

    Se una cosa è assurda ma tutti in un contesto la fanno mentre tu sei l’unica a non farla, quello assurdo diventi tu. La logica che domina il mondo delle crociere (solo quello?) secondo Foster Wallace ...weiter

    Se una cosa è assurda ma tutti in un contesto la fanno mentre tu sei l’unica a non farla, quello assurdo diventi tu. La logica che domina il mondo delle crociere (solo quello?) secondo Foster Wallace è proprio questa, ed è da questo assunto che la sua analisi muove. Il reportage dell’Autore americano ha una spiccata propensione narrativa che si manifesta non solo nel modo – fluente e sempre accattivante – di raccontare, ma anche nel taglio psicologico che egli non trascura: egli stesso, d’altra parte, con tutte le sue fobie e ritrosie, a bordo della motonave su cui si è imbarcato non rappresenta certo la normalità, lontano com’è dall’Americano Medio che popola in massa questa umanità galleggiante. Si pone quindi in un’ottica assolutamente straniante e “desacralizzante” che, gioiosamente ma implacabilmente, fa a pezzi le convenzioni di bordo e va a costruire un’implacabile satira sulla vacua futilità dei riti di bordo che si celebrano sulla crociera. Ci si diverte molto leggendo questo libro, ma la cosa non finisce qui, data la finezza dell’osservazione di Foster Wallace. Va tenuto in conto anche il magnifico stile che caratterizza questo magnifico Autore e che nemmeno in queste pagine viene mai meno. Scrittori di questa fattura anche dal reportage di una crociera riescono a tirare fuori un piccolo capolavoro contemporaneo.

    gesagt am 

  • 4

    Casi nunca leo ensayos y sin embargo me ha dado por debutar con David Foster Wallace con este libro. He conocido a un escritor extremadamente inteligente, parlanchín y algo pedante, lleno de manías y ...weiter

    Casi nunca leo ensayos y sin embargo me ha dado por debutar con David Foster Wallace con este libro. He conocido a un escritor extremadamente inteligente, parlanchín y algo pedante, lleno de manías y rarezas, honesto y autentico y sobre todo dotado con un extraordinario poder de observación y un excelente sentido del humor. Wallace es el tipo de estadounidense que automaticamente te despierta una enorme simpatía sin que sepas muy bien cual es el motivo.
    Todos los ensayos son de la primera mitad de los 90. Creo que el mas brillante es el dedicado a la televisión. Reflexiones muy atinadas sobre como influye la tele en nuestra personalidad sin que nos demos cuenta. También es muy bueno el dedicado a David Lynch, sobre todo cuando habla de ese peliculón que es Terciopelo azul. El ensayo mas complejo es el dedicado a la estructura literaria, los especialistas lo entenderán, yo poco. Los de tenis me han interesado menos aunque es divertido cuando se juntan el tenis y los tornados.
    Pero sin duda lo mas divertido y lo que mas he disfrutado son las narraciones de las experiencias de David en una feria estatal (agrícola y ganadera) y en un crucero de lujo por el Caribe. No son lugares muy apropiados para un intelectual que además padece de cierta fobia social. Son unos relatos llenos de observaciones muy agudas e ironícas y con momentos muy graciosos.

    gesagt am 

  • 4

    Al giovane autore viene commssionato da una rivista il resoconto di una crociera nei Caraibi con una nave super lusso. Il libro racconta quindi i sette giorni trascorsi sulla nave Nadir con la solita ...weiter

    Al giovane autore viene commssionato da una rivista il resoconto di una crociera nei Caraibi con una nave super lusso. Il libro racconta quindi i sette giorni trascorsi sulla nave Nadir con la solita ironia che contraddistingue Wallace. Sembra un libro divertente, ma accanto ad alcune descrizioni esilaranti si trovano riflessioni profonde sulla natura umana. Ma non è solo questo: Wallace affronta con ironia uno di quelli che considera un "divertimento di massa" e lo riporta a noi con la lucidità del personaggio che costruisce per se stesso. Ammetterà poi che l'uso dell'ironia può essere un'arma a doppio taglio: in una intervista dirà che l'ironia è il canto del prigioniero che è arrivato ad amare la sua cella. Resta comunque un libro che è impossibile non amare nell'immediato. Tra le tante frasi che mi sono annotata spicca questa:
    " Ogni giorno sono costretto a compiere una serie di scelte su cosa è bene o importante o divertente, e poi devo convivere con l'esclusione di tutte le altre possibilità che quelle scelte mi precludono. e comincio a capire che verrà un momento in cui le mie scelte si restringeranno e quindi le preclusioni si moltiplicheranno in maniera esponenziale finché arriverò a un qualche punto di qualche ramo di tutta la suntuosa complessità ramificata della vita in cui mi ritroverò rinchiuso e quasi incollato su un unico sentiero e il tempo mi lancerà a tutta velocità attraverso vari stadi di immobilismo e atrofia e decadenza finché non sprofonderò per tre volte, tante battaglie per niente, trascinato dal tempo. E' terribile." Una vera frase alla Wallace...

    gesagt am 

  • 5

    sto ancora sghignazzando.

    È qui che mi accorgo del limite degli audiolibri. Se lo avessi letto in cartaceo lo avrei riempito di sottolineature e annotazioni per potermi gustare successivamente quanto avevo apprezzato durante l ...weiter

    È qui che mi accorgo del limite degli audiolibri. Se lo avessi letto in cartaceo lo avrei riempito di sottolineature e annotazioni per potermi gustare successivamente quanto avevo apprezzato durante la prima lettura. Di contro Battiston è abilissimo a rendere con l'intonazione ed il ritmo la piacevolissima ironia dell'autore. Ho capito: dovrò procurarmi una copia in cartaceo e rileggerla tenendo in sottofondo l'audiolibro, connubio perfetto!

    gesagt am 

  • 3

    Un linguaggio più colloquiale avrebbe aiutato

    Libro molto divertente che prende in giro il mondo delle crociere. Avendo vissuto questa esperienza mi sono ritrovata in gran parte delle situazioni descritte, anche se Wallace ha scritto questo libro ...weiter

    Libro molto divertente che prende in giro il mondo delle crociere. Avendo vissuto questa esperienza mi sono ritrovata in gran parte delle situazioni descritte, anche se Wallace ha scritto questo libro una ventina di anni fa. Anch'io sono rimasta perplessa riguardo lo sfruttamento del personale di bordo e ho pensato anch'io che dovessero provare un odio profondo verso i crocieristi. Non parliamo del fastidio verso l'animazione da villaggio turistico perennemente presente sulla nave. E poi tutti questi spostamenti in massa che, in effetti, in modo un po' inquietante, ricordano una deportazione.
    Il libro è spassoso, ma se fosse stato scritto con un linguaggio meno ricercato ne avrebbe guadagnato in simpatia e in impatto emotivo.

    gesagt am 

  • 4

    Non fatevi suggestionare...

    ... dalle recensioni qui sotto! I voti vanno da una a cinque stelle, le critiche vanno dall'"inutile" al "meraviglioso". Mi pare ovvio che si tratta di un autore che divide, nel vero senso della parol ...weiter

    ... dalle recensioni qui sotto! I voti vanno da una a cinque stelle, le critiche vanno dall'"inutile" al "meraviglioso". Mi pare ovvio che si tratta di un autore che divide, nel vero senso della parola, coloro che lo leggono. A me è piaciuto, certo non un capolavoro, ma è scritto bene e si legge benissimo, nonostante la ricchezza del lessico tipica di Wallace. Lo stile può piacere o meno, poteva forse sembrare rivoluzionario negli anni novanta, oggi credo che molti lo troveranno "già sentito", dimenticandosi che fu proprio lui uno dei primi a "farlo sentire". E poi, per il tempo che ci vuole a leggerlo, potete anche fare un tentativo. Dategli una possibilità, se certi passaggi non li trovate esilaranti, con voi non ci salirei nemmeno sull'autobus.

    gesagt am 

  • 4

    Sono sempre stata molto restia -sin dai tempi B.S. (Before Schettino)- ad affrontare una crociera e con questo libro ho capito perché. Ma adesso -se potessi (e non posso)- mi ci avventurerei volentier ...weiter

    Sono sempre stata molto restia -sin dai tempi B.S. (Before Schettino)- ad affrontare una crociera e con questo libro ho capito perché. Ma adesso -se potessi (e non posso)- mi ci avventurerei volentieri. Mi piacerebbe "studiarla", ecco, alla maniera di David Foster Wallace.
    Il libro è esilarante e stilisticamente perfetto.

    gesagt am 

  • 3

    Nadir

    e sarà un caso che il nome (di fantasia) della nave sia una traslitterazione dell'antidepressivo Nardil (che DFW ha assunto a cicli più o meno regolari)? io direi di no. Ed al di là di alcuni temi anc ...weiter

    e sarà un caso che il nome (di fantasia) della nave sia una traslitterazione dell'antidepressivo Nardil (che DFW ha assunto a cicli più o meno regolari)? io direi di no. Ed al di là di alcuni temi anch'essi ricorrenti (l'intrattenimento), a me il libro è piaciuto poco. Non oso discutere sulle note a piè di pagina (piccolissime, che mi hanno costretto a leggere a letto con gli occhiali, cosa che aborro) -sono già stata duramente redarguita per questo-. Piuttosto una certa povertà stilistica. Mi ha dato particolarmente fastidio la prosa ammiccante (quante volte ricorre nel libro caro, vecchio... attribuito ora la tavolo 69, ora alla nave stessa e così via?). L'analisi sociologica un po' superficiale. Insomma una cosetta buttata lì, tanto per quadagnare un po'. E meno male che i guadagni della non-fiction gli hanno dato la tranquillità di scrivere dell'altro

    gesagt am 

  • 3

    Tre stelle e 1/2 quasi quattro

    Siete mai stati in crociera? Io si purtroppo e mi sono ritrovata nel 90% delle situazioni descritte da Wallace con la differenza che io, non dovendo scrivere un reportage sulla vita da crociera, mi so ...weiter

    Siete mai stati in crociera? Io si purtroppo e mi sono ritrovata nel 90% delle situazioni descritte da Wallace con la differenza che io, non dovendo scrivere un reportage sulla vita da crociera, mi sono tenuta ben lontana da attività organizzate, giochi di gruppo o altro. Quello che racconta Wallace è tutto maledettamente vero dalle brochure pubblicitarie, alla cena la sera al ristorante, alla pulizia perfetta e tutto il resto. Alcune parti mi hanno fatto morir dal ridere come la descrizione del bagno della cabina (l'ho letto tre volte e per tre volte non sono riuscita a trattenermi dal ridere), alcune invece un po' fiacche.
    Detto questo concordo con altri anobiani che già prima di me hanno sottolineato il fatto che le note a piè pagina sono carine, ma dopo un po' rompono i coglioni.

    gesagt am 

Sorting by