Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Scomodi segreti

Di

Editore: Corbaccio

3.5
(37)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 375 | Formato: Altri

Isbn-10: 8879728059 | Isbn-13: 9788879728058 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: E. Frontori

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Romance

Ti piace Scomodi segreti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Harriet Turner sa tutto sui viaggi. È una guida turistica e ne ha organizzatia centinaia per l'agenzia che la sua famiglia gestisce. Ma non è preparata aldramma, all'ilarità o alla passione del tour "Willoughby". Quando sua sorellaLara scompare improvvisamente, Harriet sta portando una comitiva di turisti inun tour a tema nel Devon e in Cornovaglia. L'eccentrico gruppo è formato dafans di "Willoughby", una serie poliziesca inglese, e non vede l'ora diincontrare Patrick Shawcross, l'avvenente attore che lo interpretò quindicianni prima. Per Harriet il tour si trasforma in un particolare tipo diviaggio, un viaggio di autoscoperta, che la porta a interrogarsi sulla suafamiglia, sulla sua infanzia, sui forti sentimenti che si accorge di provareper Patrick Shawcross. Ma che cosa è accaduto a Lara?
Ordina per
  • 4

    Una buona guida turistica è come un'anatra in uno stagno: placida sopra il filo dell'acqua e un vortice di pinne sotto

    Un piacevole passatempo questo romanzo, dalla trama semplice e lineare, forse un po’ banale, che si dipana tra la Cornovaglia e l’Australia.


    La protagonista è Harriet Turner, trentaduenne australiana, titolare, insieme ai fratelli, di un’agenzia di viaggi specializzata in viaggi a tema, ...continua

    Un piacevole passatempo questo romanzo, dalla trama semplice e lineare, forse un po’ banale, che si dipana tra la Cornovaglia e l’Australia.

    La protagonista è Harriet Turner, trentaduenne australiana, titolare, insieme ai fratelli, di un’agenzia di viaggi specializzata in viaggi a tema, la Turner Travels.
    A seguito della scomparsa improvvisa, a breve distanza, di entrambi i genitori, Harriet ha un crollo emotivo e degli improvvisi attacchi di panico che le impediscono di guidare serenamente le comitive nei tour.
    A causa però di un lieve incidente occorso al fratello James, Harriet si trova a dover fare da guida ad un gruppo di arzilli vecchietti, fans sfegatati della serie televisiva Willoughby. La serie, che ha per protagonista un postino che si improvvisa detective, è stata girata nelle località suggestive del Devon e della Cornovaglia. Harriet, perciò, ha il difficile compito di scarrozzare il gruppo in tutti i luoghi in cui sono state girate le puntate, di cui gli anziani viaggiatori conoscono a memoria le battute. Ad accompagnarli ci sarà anche Patrick Shawcross, avvenente attore inglese sulla quarantina, nonché interprete di Willoughby.
    Lara, la sorellastra di Harriet, dovrebbe attendere i viaggiatori all’aeroporto di Bristol in quanto è lei l’ideatrice del viaggio a tema, ma non si presenta all'incontro e il suo cellulare risulta staccato.

    Il tour diventa in realtà per Harriet un viaggio all’interno di se stessa, diventa la possibilità di far chiarezza nei suoi ricordi, in modo particolare nel suo rapporto con Lara, per la quale ha sempre nutrito sentimenti contrastanti: Lara infatti era andata a vivere insieme ai Turner a 8 anni, in seguito all’incidente automobilistico occorso ai suoi genitori in Irlanda ed Harriet ha sempre provato gelosia nei suoi confronti, in quanto riteneva che i suoi genitori volessero più bene a lei che nemmeno era la loro vera figlia.

    Mentre Harriet analizza i suoi sentimenti verso i membri della sua famiglia e cede al fascino di Patrick, il fratello Austin intraprende una ricerca che lo porta fino ad una tragica scoperta in Irlanda.

    Il libro non è male, a tratti davvero divertente, a tratti introspettivo, ma per quello che ha da dire è decisamente lungo, sfrondato di un centinaio di pagine sarebbe stato meglio.

    ha scritto il 

  • 4

    questo è il primo libro che leggo di questa autrice e mi è piaciuto il modo di scrivere molto scorrevole ma che da' importanza ai sentimenti di ogni personaggio. storia molto semplice e scorrevole, una piacevole letture nelle serate invernali sotto le coperte.

    ha scritto il 

  • 2

    Romanzetto in Stile Harmony dal formato non proprio tascabile!!!!!

    Sono incappata per caso in queto libro che ho letto due estati fa al mare. Non me ne voglia l'autrice ma questo libro è il classico romanzetto rosa, dalla trama scontata e scorrevole, mielenso fino all'inverosimile.
    Non merita troppa attenzione. Mi spiace solo che essendo abbastanza volumin ...continua

    Sono incappata per caso in queto libro che ho letto due estati fa al mare. Non me ne voglia l'autrice ma questo libro è il classico romanzetto rosa, dalla trama scontata e scorrevole, mielenso fino all'inverosimile.
    Non merita troppa attenzione. Mi spiace solo che essendo abbastanza voluminoso occupi troppo spazio nella mia libreria.
    non fate il mio errore......evitatelo!!!!!

    ha scritto il 

  • 3

    Un viaggio materiale e psicologico attraverso le vicende di una famiglia anglo-australiana, che si snoda tra i due emisferi. La storia d'amore è un po' scontata, ma non rovina l'intreccio. Divertentissima la comitiva di arzilli vecchietti a spasso per la Cornovaglia sulle tracce di un vecchio tel ...continua

    Un viaggio materiale e psicologico attraverso le vicende di una famiglia anglo-australiana, che si snoda tra i due emisferi. La storia d'amore è un po' scontata, ma non rovina l'intreccio. Divertentissima la comitiva di arzilli vecchietti a spasso per la Cornovaglia sulle tracce di un vecchio telefilm.

    ha scritto il 

  • 2

    meglio la serie 'Harmony'!!

    Davvero inutile e pretestuoso. 370 paginette che potevano facilmente ridursi alla metà.
    Trama scontata, personaggi mummificati, colpi di scena e segreti che si intuivano anche non volendo.
    Il romanzo precedente mi aveva deluso, questo è peggio ancora, il prossimo non lo leggo proprio! ...continua

    Davvero inutile e pretestuoso. 370 paginette che potevano facilmente ridursi alla metà.
    Trama scontata, personaggi mummificati, colpi di scena e segreti che si intuivano anche non volendo.
    Il romanzo precedente mi aveva deluso, questo è peggio ancora, il prossimo non lo leggo proprio!
    Anche per una leggera lettura vacanziera c'è molto di meglio!

    ha scritto il