Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio

Voto medio di 1601
| 366 contributi totali di cui 347 recensioni , 19 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
La sapiente e irresistibile miscela di satira di costume e romanzo giallo imperniato su una scoppiettante polifonia dialettale di gaddiana memoria (il Pasticciaccio sta sullo sfondo segreto della scena come un nume tutelare), la piccola folla ...Continua
Ha scritto il 24/09/17
Una, nessuna, undici verità
Interessante racconto che, prendendo le mosse da un omicidio avvenuto in ascensore in un condominio di piazza Vittorio, pone l'attenzione sui luoghi comuni e sui pregiudizi nei confronti degli immigrati.Ma soprattutto affronta un tema molto più ...Continua
  • 9 mi piace
Ha scritto il 11/09/17
Non mi è piaciuto per nulla, in certi passaggi i personaggi risultavano talmente macchiette che l'ho dovuto abbandonare per il fastidio.
Ha scritto il 21/04/17
“Roma è la memoria dell’umanità, è la città che ci insegna ogni mattina che la vita è un’eterna primavera e la morte una nuvola di passaggio.”
Storia simpatica che mette in risalto la realtà multiculturale, ormai consolidata, presente nel nostro paese.La suddetta storia si svolge nella mitica Piazza Vittorio di Roma, a due passi dalla stazione termini, il cui quartiere (Esquilino) è già ...Continua
  • 14 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 05/02/17
Quando arrivo nell’atrio del condominio di questo pasticciaccio de piazza Vittorio e vedo l’ascensore insanguinato mi ingravallo un po’ e vagolo a caso fra i variegati abitanti, giusto per famme ‘n’idea, vedessi mai… Poi sono costretta ...Continua
  • 3 mi piace
Ha scritto il 08/01/17
Banale e inutile

Ha scritto il Dec 22, 2015, 20:04
“«Presto fonderemo la prima associazione femminista bengalese in Italia!». Le ho detto che i patti non erano questi. Ha riso, aggiungendo: «Non ti ricordi le parole di Louis Aragon: “La femme est le futur de l’homme”?».”
Pag. 108
Ha scritto il Dec 22, 2015, 19:42
“Ho pensato tutto il giorno al razzista che rifiuta di sorridere e mi sono reso conto che Iqbal ha fatto un’importante scoperta. Il problema del razzista non è con gli altri ma con sé stesso.Direi di più: non sorride al prossimo perché non ...Continua
Pag. 51
Ha scritto il Aug 30, 2011, 17:13
LHo imparato dal mio lavoro di commissario della polizia che la verità è come una moneta, ha due facce. La prima completa sempre la seconda.
Pag. 123
Ha scritto il Aug 30, 2011, 17:12
Mi hanno consigliato: "Perchè non vai alla grande Moschea di Roma per la preghiera della grande festa?". No, grazie. Non voglio vedere centinaia di bisognosi come me, bisognosi dell'odore dei propri cari.
Pag. 118
Ha scritto il Aug 30, 2011, 17:10
[Parlando di Roma] Questa città ha qualcosa di strano. E' molto difficile andarsene.
Pag. 115

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi