Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Scritti corsari

Di

Editore: Garzanti libri (Garzanti Novecento)

4.4
(1311)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 255 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8811697050 | Isbn-13: 9788811697053 | Data di pubblicazione: 

Prefazione: Alfonso Berardinelli

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: History , Political , Social Science

Ti piace Scritti corsari?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"L'invisibile rivoluzione conformistica di cui Pasolini parlava con tanto accanimento e sofferenza dal 1973 al 1975 non era affatto un fenomeno invisibile. Chi ricorda anche vagamente le polemiche giornalistiche di allora, a rileggere questi "Scritti corsari" può restare sbalordito. II fatto è che per Pasolini i concetti sociologici e politici diventavano evidenze fisiche, miti e storie della fine del mondo. Finalmente, così Pasolini trova il modo di esprimere, di rappresentare e drammatizzare teoricamente e politicamente le sue angosce... di parlare in pubblico del destino presente e futuro della società italiana, della sua classe dirigente, della fine irreversibile e violenta di una storia secolare." (dalla prefazione di Alfonso Berardinelli)
Ordina per
  • 1

    Pasolini? Pasolini!

    Se gli Scritti corsari rappresentano il meglio della produzione giornalistica di Pasolini e Pasolini è uno dei massimi intellettuali italiani, allora siamo messi male. Parecchio male. Eppure, a ravanare tra i commenti qua e là per il web, è difficile trovare una critica seria al Nostro. È ...continua

    Se gli Scritti corsari rappresentano il meglio della produzione giornalistica di Pasolini e Pasolini è uno dei massimi intellettuali italiani, allora siamo messi male. Parecchio male. Eppure, a ravanare tra i commenti qua e là per il web, è difficile trovare una critica seria al Nostro. È tutto un fiorire di un profeta ancor più che un intellettuale, capolavoro, cibo per coscienze, un fucile carico, profetici e rivelatori, cambia la vita, fino ad arrivare a vette inarrivabili come Pasolini aveva capito tutto piu di 30 anni fa. Per questo è stato assassinato. Il complottista non manca mai, nemmeno nelle migliori famiglie.
    Io avevo letto gli Scritti corsari da giovincello e mi avevano annoiato parecchio, sicuramente non avevo gli strumenti culturali per capirlo. Ora, che a furia di leggere vecchi tromboni inizio a tromboneggiare anche io, probabilmente non ho ancora acquisito questi strumenti e Pasolini continua ad annoiarmi parecchio. Non conosco Pasolini poeta (faccio una fatica bestiale a leggere robe che vanno a capo senza motivo), conosco poco Pasolini regista (noioso, quel poco che ho visto), conosco un po' di più Pasolini scrittore (pesante e sempre noioso, una costante), per cui mi limito a valutare questi Scritti corsari senza fare riferimenti al resto della produzione intellettuale del Nostro. E cosa c'è, in questi Scritti corsari, di così tanto bello e profetico e nutriente per le coscienze? Niente, direi io. Però c'è tanto altro. Ad esempio chiacchiere, chiacchiere da bar, la cui somma vetta è rappresentata dal notissimo Io so. Cos'altro è, quell'articolo, se non un'intemerata senza capo né coda, furba e paracula, atta a soddisfare un pubblico che aveva voglia di sentirsi dire proprio quelle cose? Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi. Frase che è la madre di tutte le teorie strampalate, il principio ispiratore di ogni argomento che non necessita di spiegazioni, ma che è valido di per sé. Come le chiacchiere da bar, come gli zingari che rapiscono i bambini, come l'euro che ci ha impoveriti. Chiacchiere. E perché Pasolini non va alla ricerca di prove e indizi? Perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca […] di immaginare tutto ciò che non si sa o non si dice. Insomma, dobbiamo fidarci di quel che dice perché lo dice lui. Sarà, ma per principio mi viene voglia di dubitare, a me, non di credere alle parole di un tizio che se la canta e se la suona.
    Un altro limite di questi Scritti corsari, legato sempre al tema del Io so, è la pigrizia intellettuale. Pasolini sapeva, mica come noi, e ci teneva a sottolinearlo. Soprattutto sapeva di avere delle idee forti, precise e ben delineate (un'ideologia, avremmo detto in altre epoche): in base a queste osservava il mondo, l'Italia, la chiesa, i capelloni, l'aborto e i bigodini di mia zia. Non si preoccupava di cercare dati, numeri, conferme o smentite, no, lui sapeva. E così, parla di mutazione antropologica, la definisce a malapena, e non porta un dato uno a sostegno della tesi che espone. Andava incontro al luogo comune, apriva le braccia a chi voleva ascoltare quelle parole e in questo modo, capite bene, ogni ragionamento perde di valore. Pasolini ideologicamente afferma che marzo è pazzerello proprio a chi vuol sentirsi dire che marzo pazzerello lo è davvero. Nessuno, né il Nostro né i suoi venticinque lettori, vanno a vedere i dati sulle temperature o sulle precipitazioni, magari confrontandoli con aprile o con il marzo precedente. Perché lui sapeva, e gli adepti a ruota.
    A questo proposito, giova ricordare anche gli strali lanciati contro la televisione. La tv, per il Nostro, è uno strumento del potere (del demonio, si potrebbe dire), che ha una specie di compito, quello di rincoglionire i telespettatori. Che può anche essere, sia chiaro, ma servirebbe qualcosa per dimostrarlo. Altrimenti sono parole buttate a caso. Perché può anche essere che Mario Rossi sia diventato deficiente a furia di guardare la tv, ma è altrettanto vero che un amico di mio babbo è venuto fuori scemo a leggere troppi libri di politica. Crede persino a Giulietto Chiesa. E allora che facciamo? Accusiamo i libri di rincoglionire la gente? Un po' come accusare la musica metal per i delitti delle bestie di Satana. Caro Sommo, se mi è permesso, ogni rincoglionimento fa storia a sé, per fortuna, e generalizzare senza portare prove è, ancora una volta, chiacchiera buona da fare col prosecchino in un mano e il gomito poggiato sul bancone.
    Ma il Maestro era così: lui sapeva. Aveva deciso che la tv era brutta e cattiva e così doveva essere. Un po' come qualche altro arruffapolli in piazza nei nostri giorni, che ha deciso che il web, la rete!, sia cosa buona e giusta e guai a noi se stiamo troppo a sottilizzare. Ma torniamo a Pasolini. Assieme alla tv siede, sul banco degli imputati, la cosiddetta società dei consumi: il nuovo potere consumistico che è completamente irreligioso; totalitario; violento; falsamente tollerante, anzi, più repressivo che mai; corruttore; degradante (mai più di oggi ha avuto senso l'affermazione di Marx per cui il capitale trasforma la dignità umana in merce di scambio). Che belle parole, da farci il figo in un'assemblea di liceo per andarsi a limonare la compagna più carina e fricchettona nelle panchine del parco. Ammetto che ho sempre ambito a quella compagna e lei con me al parco non ci è mai venuta. Parlo dunque con un po' di acredine. La frase che ho citato, tuttavia, non significa niente, come niente significa il livore pasoliniano contro il consumismo. Oppure sì: caro Pier Paolo, non ti piace? Bene, pure a me fanno schifo i suv, gli aperitivi e le librerie in cui si vendono peluche. Mai mi sognerei però di dire che sono totalitari, violenti, falsamente tolleranti e altri insulti buttati giù a caso. Sei un intellettuale, Maestro, uno scrittore, uno che sa giocare, per mestiere, con le parole: stai attento a come le usi. Ma non perché puoi diventare un cattivo maestro, figuriamoci, conosco pochissimi cattivi maestri e tantissimi pessimi alunni. Bisogna stare attenti perché le parole hanno un senso e non bisogna usarle a sproposito, oppure sì, ma con cognizione di causa. Cianciare di totalitarismo fa poi sorridere a chi sia passato per la Russia staliniana o la Germania nazista. Va bene che nelle auto prese a rate dio è morto, ma io noterei qualche differenza tra i gulag e gli ipermercati. Ora capisco da chi hanno preso spunto quelli che vorrebbero che i centri commerciali chiudessero la domenica. Non ti vanno bene? Non andarci!
    E cosa propone, il Nostro, contro un nuovo potere consumistico così cattivo? Un vagheggiato mito di un immenso universo contadino e operaio prima dello Sviluppo, che probabilmente è esistito solamente nella sua testa. E sapete chi è l'eroe di questo universo? Il fornarino! Voi non ci crederete, ma il fornarino, o cascherino – come lo chiamano qui a Roma – era sempre, eternamente allegro: un'allegria vera, che gli sprizzava dagli occhi. Se ne andava in giro per le strade fischiettando e lanciando motti. La sua vitalità era irresistibile. Era vestito molto più poveramente di adesso: i calzoni erano rattoppati, addirittura spesse volte la camicetta uno straccio. Però tutto ciò che faceva parte di un modello che nella sua borgata aveva un valore, un senso. Ed egli ne era fiero. E cosa mi combina 'sto potere neocapitalista consumista fascista totalitario che mi rincoglionisce con la tv? Mi fa sparire il sorriso dal fornarino, che ora è triste che non si può comprare il giubbotto, il tostapane e il frigorifero e non si gode più i valori semplici, poveri ma belli, della sua borgata. Io non ce la posso fare, sono limitato, ma davanti al fornarino chino la testa e abbandono la sfida.
    Taccio, dunque, dell'uso spregiudicato e senza senso della parola fascismo. Un uso simile a quello che vent'anni dopo avrebbe fatto un imprenditore e politico lombardo con il termine comunismo.
    Taccio, ancora, delle sciocchezze cianciate sull'aborto: sono però traumatizzato dalla legalizzazione dell'aborto, perché la considero, come molti, una legalizzazione dell'omicidio.
    Taccio, inoltre, degli sproloqui moralistici sulla libertà sessuale della maggioranza è in realtà una convenzione, un obbligo, un dovere sociale, un'ansia sociale, una caratteristica irrinunciabile della qualità di vita del consumatore. Taccio, perché altrimenti gli chiederei: ma a te che ti frega se la mia libertà sessuale è un obbligo o un dovere sociale? Sono, comunque, affari miei.
    E taccio, infine, sull'improponibilissima sciocchezza detta a proposito di uno stupro: ”tutti sanno bene che non c'è disegno di carnefice che non sia suggerito dallo sguardo della vittima” (e che Maria Goretti, mettiamo, è responsabile del proprio sacrificio almeno quanto il sacrificante). Taccio, perché altrimenti direi che l'unica profezia che il Nostro ha fatto sia proprio questa. Autoprofezia.
    E insomma, taccio, non prima di aver elargito un mio modesto consiglio: per capire l'Italia di quegli anni leggete sì Pasolini, ma soprattutto guardate I mostri e Fantozzi. So bene che fa meno figo, ma è più utile.
    In conclusione, vorrei premiare chi è arrivato fin qua offrendogli in omaggio un pupazzo di Ninetto Davoli a grandezza naturale e segnando quali siano, a mio trombonesco avviso, i due maggiori errori di Pasolini. Il primo: vedere tutto con le spesse lenti della sua ideologia. Pensava una cosa, il Nostro, e andava a cercare pezzetti di realtà per dimostrarla. O, ancora peggio, se la realtà difettava se la inventava. Il secondo, ma è difetto comune a molti esseri umani: pensava di vivere in un'epoca straordinaria. In tanti pensano che gli anni in cui vivono siano i migliori per l'essere umano, altri invece vedono solo un periodo di cupa decadenza. Gli uni e gli altri, comunque, sono accomunati dalla sensazione di vivere anni eccezionali. È un'illusione: i nostri anni non sono troppo diversi da quelli che ci hanno preceduti, né da quelli che verranno. Per concludere davvero, una massima a dimostrazione che il Nostro difficilmente si sbagliava: Nel 1971-72 è cominciato uno dei periodi di reazione più violenti e forse più definitivi della storia.
    Forse.

    ha scritto il 

  • 4

    I maestri sono fatti per essere mangiati

    Vita, morte e passione di un intellettuale: il dopoguerra che non è un dopoguerra; una rinascita che sotto mentite spoglie riduce, sgretola il paese, carezzandolo e riempendolo di ninnoli; una società avulsa dal suo ruolo di società in quanto tale e scavalcata dal suo stesso "sviluppo", trasforma ...continua

    Vita, morte e passione di un intellettuale: il dopoguerra che non è un dopoguerra; una rinascita che sotto mentite spoglie riduce, sgretola il paese, carezzandolo e riempendolo di ninnoli; una società avulsa dal suo ruolo di società in quanto tale e scavalcata dal suo stesso "sviluppo", trasformata in massa, mercificata; un fascismo che si trascina ancora sulle facce di chi al governo predica democrazia. A circa quarant'anni di distanza, questo paese non è cambiato e continua a cadere dentro se stesso.

    Pasolini profeta, quindi martire; questo libro contiene le cause della sua misera fine.

    Tutti dovremmo leggere Pasolini. Tutti.

    “I maestri sono fatti per essere mangiati. In salsa piccante. Devono essere mangiati e superati, ma se il loro insegnamento ha un valore, ci resterà dentro.”

    ha scritto il 

  • 4

    Filippica, più o meno

    Faccio un giro in anobii, anzi faccio il solito giro e ti trovo un’appassionata recensione a “Scritti Corsari”, e particolarmente a quello comparso nel Corriere della Sera, 19 gennaio 1975, in cui P.P.P. si scaglia contro l’ipocrita istituzionalizzazione dell’aborto che lui considera una "colpa ...continua

    Faccio un giro in anobii, anzi faccio il solito giro e ti trovo un’appassionata recensione a “Scritti Corsari”, e particolarmente a quello comparso nel Corriere della Sera, 19 gennaio 1975, in cui P.P.P. si scaglia contro l’ipocrita istituzionalizzazione dell’aborto che lui considera una "colpa".
    La mia amica anobina la interpreta per quello che appare: una posizione moralistica contro il diritto delle donne di decidere della propria vita e di quella di non morire di aborto clandestino. Ma è apparenza. La sostanza dell’articolo è un’altra.
    È vero. Dice: “Sono però traumatizzato dalla legalizzazione dell'aborto, perché la considero, come molti, una legalizzazione dell'omicidio.”
    E poi: “Nei sogni, e nel comportamento quotidiano - cosa comune a tutti gl'uomini - io vivo la mia vita prenatale, la mia felice immersione nelle acque materne: so che là io ero esistente.
    Non voglio dilungarmi nel riferire le sterili diatribe per determinare qual è il momento in cui l’embrione possa chiamarsi essere vivente ( della serie stabilire il sesso degli angeli). Sterili e volgari e oscene oltremodo. Io come P.P.P. e tutti e nove miliardi di attuali viventi siamo stati là, in quell’aminios comodamente “viventi”, fin dal primo momento.Eravamo noi.
    Dice, Pasolini, che l’aborto è la legalizzazione dell’omicidio ma non incolpa le donne ( che, come la mia amica dice, l’hanno sempre fatto con atroci sofferenze psicologiche, sofferenze giuste e normali dico io, ci mancherebbe che una andasse a farlo ballando e cantando).
    Piuttosto incolpa lo stato che ipocritamente salta il passaggio tabù del coito adeguandosi, per cinica convenienza, alla realpolitik radicale ( questa in buona fede)ed evidenziando le conseguenze dell’aborto clandestino, il pericolo corso dalle donne fino al rischio della vita, piuttosto che difendere “ i principi reali”.
    Piuttosto che proclamare la legalizzazione dell’ aborto come legge femminista, dice lo scrittore, i politici favorevoli alla legge dovrebbero avere il coraggio di dire che l’aborto cambia la sua natura, da contro natura a naturale, in nome della preservazione della specie umana, minacciata dall’esplosione demografica. (Non dimentichiamo l’aborto obbligatorio in Cina per la limitazione delle nascite e in special modo quello femminile). Ma ciò che è più importante per lui è la massificazione, l’istituzionalizzazione dell’aborto in nome della libertà sessuale, che da scelta si è trasformata in nevrosi ossessiva ( e questo è ben evidenziato dall’amica anobina): “ è una facilità "indotta" e imposta, derivante dal fatto che la tolleranza del potere riguarda unicamente l'esigenza sessuale espressa dal conformismo della maggioranza. Protegge unicamente la coppia, [...]Senonché... senonché nell'ultimo decennio è intervenuta la civiltà dei consumi, cioé un nuovo potere falsamente tollerante che ha rilanciato in scala enorme la "coppia" privilegiandola di tutti i diritti del suo conformismo. A tale potere non interessa però una coppia creatrice di prole (proletaria), ma una coppia consumatrice (piccolo borghese): in pectore, esso ha già l'idea della legalizzazione dell'aborto (come aveva già l'idea della ratificazione del divorzio). “
    Quarant’anni più tardi l’analisi puntuale e intelligente di Paolini viene sdoganata, nell’indifferenza di tutti, e particolarmente delle donne, in una pubblicità della Renault:

    http://www.youtube.com/watch?v=YbPYmR---Sg

    La donna, decolpevolizzata con la legalizzazione della dell’aborto, rimane uno strumento in mano al potere maschile, pubblico e privato. Guardate la faccia di lui quando crede che lei sia affascinata dell’ambaradan per neonati e quella di lei attratta dal simbolo erotico per eccellenza, scarpe rosse tacco 12! “ Che ti pareva", sembra dirgli quando scopre lo sguardo terrorizzato del lui! E guardateli correre verso la nuova versione dell’automobile da privilegiare al desiderio di un figlio, cosa arcaica e non trend! La coppia è ben vestita, agile; lei trascina lui verso la vetrina staccandosi da un via vai di giovani come loro; e sicuramente la coppia frequenta la palestra, si diverte a fare sesso, e consuma, consuma, consuma l’effimero! Il perfetto quadretto di American Psyco!
    Era questo a cui Pasolini si riferiva scagliandosi contro la legalizzazione dell’aborto. Hanno un bel parlare di famiglia! I consumi si limiterebbero a pannolini, latte, yogurt e tutine. Un mercato lucroso ma limitato. Niente invasioni del Nepal, corse in rombanti automobili, chiusura delle palestre e della beuty-farm. Niente un diamante è per sempre, niente profumi da atterrare tori in calore.
    Non è contro le donne, il compianto Pierpaolo: è contro l’ulteriore abuso del corpo femminile a cui si permette con nonchalance un omicidio, pur di consumare.
    Ditemi voi: è ancora uno stigma sociale essere madre single? E allora? Che c’è di scandaloso se l’aborto fosse rubricato nell'eutanasia, privilegiandolo di una particolare serie di "attenuanti"? Non per questo cesserebbe di essere formalmente un reato e di apparire tale alla coscienza.
    Coscienza, coscienza, coscienza: cos’era costei?
    Già perché di reato si tratta e quando c’è un reato c’è un colpevole. E non è detto che sia la donna. Può essere la società, la massa, la maggioranza che ha “sposato” l’aborto legale per liberarsi la coscienza. Compresi i compagni che se ne lavano le mai, tanto c’è lo stato a pensare all’indesiderato frutto di una sveltina.
    E cosa importante: perché, dice Pasolini, ci si guarda bene, in tutta questa libertà sessuale, di istituzionalizzare l’educazione sessuale? Dopo quarant’anni siamo sempre allo stesso punto. Il coito: si fa ma non si dice. La società ti viene incontro se c’è l’inghippo, il prete ti assolve se ti confessa. Il coito è politico, ti dice Pasolini.
    Se poi fa un’appassionata difesa dei “diversi” è per mettere in evidenza le contraddizioni di una società che permette, anzi incoraggia, la libertà sessuale “sterile” delle coppie eterosessuali e perseguita quella omosessuale. In nome del consumismo, signori cari. Gli omosessuali sono solo minoranza, poca cosa per gli infiniti orizzonti del consumo delle coppie etero! per cui conserviamo pre la vecchia, nazista omofobia. Non può farci che bene.
    Spero di non generare un vespaio ( cmq, non c’è pericolo visto l’esiguo seguito:-)).

    ha scritto il 

  • 0

    Pasolini era antiabortista e io non lo sapevo.

    “La mia opinione, nel caso specifico, è che considero l’”aborto” una colpa. Ma non moralmente, questo non può essere nemmeno discusso. Moralmente non condanno nessuna donna che ricorra all’aborto, e nessun uomo che sia d’accordo su questo. Ne faccio e ne ho fatto una questione non morale ma giuri ...continua

    “La mia opinione, nel caso specifico, è che considero l’”aborto” una colpa. Ma non moralmente, questo non può essere nemmeno discusso. Moralmente non condanno nessuna donna che ricorra all’aborto, e nessun uomo che sia d’accordo su questo. Ne faccio e ne ho fatto una questione non morale ma giuridica. “

    http://alea-iactaest.blogspot.it/search/label/Scritti%20corsari

    ha scritto il 

  • 4

    Raccolta di articoli scritti da Pasolini per vari quotidiani tra il 1973 e il 1975.
    Bersaglio delle accuse del poeta è la società italiana, avviata progressivamente al degrado definitivo a causa dei falsi perbenismi e del conformismo dilagante.
    Non ostante siano state scritte ormai 40 ...continua

    Raccolta di articoli scritti da Pasolini per vari quotidiani tra il 1973 e il 1975.
    Bersaglio delle accuse del poeta è la società italiana, avviata progressivamente al degrado definitivo a causa dei falsi perbenismi e del conformismo dilagante.
    Non ostante siano state scritte ormai 40 anni fa, le tesi politiche, le previsioni e le analisi sociali trattate in questo volume risultano essere molto lucide e terribilmente attuali ancora oggi.

    ha scritto il 

  • 4

    Articoli, trafiletti, prefazioni, lettere pubbliche, scritti privati: le mille sfaccettature del Pasolini degli anni Settanta trovano in questo libro massima e migliore espressione.
    Al centro di questi scritti corsari, la tesi del nuovo fascismo, la mutazione antropologica che ...continua

    Articoli, trafiletti, prefazioni, lettere pubbliche, scritti privati: le mille sfaccettature del Pasolini degli anni Settanta trovano in questo libro massima e migliore espressione.
    Al centro di questi scritti corsari, la tesi del nuovo fascismo, la mutazione antropologica che ha colpito gli italiani, l'ideologia consumistica e la falsa democraticità di un regime che, in quanto più subdolo e vigliacco di quello mussoliniano, ne risulta ancora più fascista. L'immensa grandezza di Pasolini si avverte in scritti che oggi sembrano spaventosamente anticipatori, e che negli anni Settanta nemmeno si riusciva a decodificare, come un frullatore nelle mani dell'uomo di Neanderthal.
    A lasciarmi non del tutto soddisfatto (da cui il giudizio non pieno) una certa ristrettezza e ridondanza tematica, il disaccordo riguardo alcuni temi trattati (quello dell'aborto) e l'inevitabile limite di alcune (troppe) lettere di risposta e battibecchi con giornalisti e intellettuali del tempo.

    ha scritto il 

Ordina per